Parco nazionale dell'Isola di Pantelleria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Parco nazionale dell'Isola di Pantelleria
ISS-44 Pantelleria, Sicily, Italy.jpg
Immagine satellitare dell’isola di Pantelleria
Tipo di areaParco nazionale
Codice WDPA555641769
Class. internaz.IUCN category II
StatiItalia Italia
RegioniSicilia Sicilia
ProvinceTrapani Trapani
ComuniPantelleria
Superficie a terra6.560 ha
Provvedimenti istitutiviD.P.R. 28-07-2016
GestoreEnte Parco Nazionale dell'Isola di Pantelleria
PresidenteSalvatore Gino Gabriele
Mappa di localizzazione
Sito istituzionale

Coordinate: 36°47′27″N 11°59′38″E / 36.790833°N 11.993889°E36.790833; 11.993889

Il Parco nazionale dell'Isola di Pantelleria è un'area naturale protetta situata in Sicilia sull'Isola di Pantelleria. È stato istituito con decreto del Presidente della Repubblica del 28 luglio 2016 ed è, in ordine cronologico, l'ultimo parco nazionale italiano ad essere stato istituito, e il primo in Sicilia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'art. 26 §4-septies della legge n. 222/2007 prevedeva l'istituzione di 4 parchi nazionali in Sicilia[1]. Dopo un ricorso della Regione Siciliana, che invocava la potestà esclusiva in tema di ambiente, la Corte Costituzionale ha stabilito - con la sentenza n. 12 del 2009 - che in materia di parchi nazionali la competenza è esclusivamente dello Stato, anche nelle Regioni a statuto speciale, cui resta la competenza dei parchi regionali[2].

I parchi nazionali previsti dalla legge erano: il Parco delle Egadi e del litorale trapanese, il Parco delle Eolie, il Parco dell'Isola di Pantelleria e il Parco degli Iblei.

In particolare il Consiglio dei ministri del 20 giugno 2016, avendo ricevuto l'assenso della Giunta regionale della Regione siciliana[3], ha deliberato l'approvazione dell'istituzione del Parco nazionale dell'Isola di Pantelleria, da realizzarsi con un decreto del Presidente della Repubblica[4][5]. Il 7 giugno 2016 è arrivata la Deliberazione della giunta regionale siciliana n.206 che approvava lo schema di decreto istitutivo del parco.[6]

Il 28 luglio seguente è stato emanato il DPR di Istituzione del Parco nazionale «Isola di Pantelleria» e dell'Ente Parco[7] ed è stato poi pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n.235 del 7 ottobre 2016[8].

Un decreto del 14 dicembre 2016 dell’Assessore al Territorio ed Ambiente della Regione siciliana ha così soppresso la Riserva naturale orientata Isola di Pantelleria, il cui territorio viene incluso nel parco nazionale, e ha nominato nel contempo un commissario ad acta per gestire le autorizzazioni necessarie per le attività che rivestono carattere di urgenza durante la fase istitutiva del nuovo ente parco[9][10].

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio del parco è suddiviso in tre zone:[11]

  • zona 1, di rilevante interesse naturalistico, paesaggistico, agricolo e/o storico culturale, con inesistente o minimo grado di antropizzazione;
  • zona 2, di valore naturalistico, paesaggistico, agricolo e/o storico culturale, con limitato grado di antropizzazione;
  • zona 3, di valore paesaggistico e/o storico culturale, con elevato grado di antropizzazione.

La sorveglianza del territorio, secondo il DPR istitutivo, è affidata al Corpo forestale della Regione siciliana, insieme al Comando unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare dell'Arma dei Carabinieri.

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Monte Gibéle visto dalla Montagna Grande

La vegetazione, caratterizzata dalla macchia mediterranea, è costituita da euforbia, ginepro e mirto. Verso l'interno e a quote più elevate si trova il leccio, l'erica, il corbezzolo ed il pino marittimo. Sulle scogliere aride crescono radi qualche lentisco e ginestra.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Un prispolone, Anthus trivialis, migratore trans-sahariano[12]

La fauna è varia, vista l'estensione dell'isola, e presenta specie europee ma anche nord-africane vista la vicinanza con il continente africano. Fra gli uccelli si possono ricordare il beccamoschino, la cinciallegra, nonché diverse specie di uccelli migratori che vi fanno tappa durante le migrazioni[13]. Fra i rettili si ricorda il colubro ferro di cavallo (Hemorrhois hippocrepis nigrescens)[14].

Caratteristico è l'asino pantesco, una razza di asino originaria dell'isola, molto diffusa fino a pochi decenni fa, ma giunta ormai alla quasi totale estinzione[15].

L'Ente parco[modifica | modifica wikitesto]

L'Ente parco è stato gestito inizialmente da un commissario, Renato Grimaldi, e due subcommissari, nominati dal ministro dell'Ambiente[16]. Il 5 febbraio 2018 il ministro Galletti nomina presidente dell'ente parco il sindaco uscente dell'isola, Salvatore Gino Gabriele[17].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Legge 29 novembre 2007, n. 222, su camera.it. URL consultato il 19 luglio 2016..
  2. ^ SENTENZA N. 12 ANNO 2009, su cortecostituzionale.it, 23 gennaio 2009. URL consultato il 19 luglio 2016.
  3. ^ Deliberazione n. 206 del 7 giugno 2016 "Parco nazionale Isola di Pantelleria - Istituzione" (PDF), su regione.sicilia.it, 7 giugno 2016. URL consultato il 19 luglio 2016.
  4. ^ Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 121, su governo.it, 20 giugno 2016. URL consultato il 19 luglio 2016.
  5. ^ Da Cdm ok a Parco Pantelleria. Galletti: “Segnale forte contro i piromani. L’ambiente motore del futuro dell'isola”, su minambiente.it. URL consultato il 19 luglio 2016.
  6. ^ www.ispra.it
  7. ^ Atti firmati - Settimana 25-31 luglio 2016, su quirinale.it. URL consultato il 7 agosto 2016.
  8. ^ DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 28 luglio 2016 - Istituzione del Parco nazionale «Isola di Pantelleria» e dell'Ente Parco nazionale «Isola di Pantelleria», in Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana, 7 ottobre 2016. URL consultato il 9 ottobre 2016.
  9. ^ Soppressa la Riserva Naturale Orientata “Isola di Pantelleria”, su messinaweb.tv, 15 gennaio 2017. URL consultato il 4 febbraio 2017.
  10. ^ Pantelleria, la Regione accelera per creare il Parco, su trapani.gds.it, 4 gennaio 2017. URL consultato il 4 febbraio 2017.
  11. ^ Perimetrazione
  12. ^ Atlante della Migrazione degli Uccelli in Italia, Descrizione delle specie (PDF), su isprambiente.gov.it, p. 86.
  13. ^ La Fauna Pantesca, su parconazionalepantelleria.it.
  14. ^ (EN) Jose Antonio Mateo Miras et al. 2008, Hemorrhois hippocrepis, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.
  15. ^ Razze asini: Pantelleria, www.agraria.org. URL consultato il 7 febbraio 2018.
  16. ^ Decreto di nomina (PDF), su minambiente.it.
  17. ^ Parchi, le nuove nomine un segnale, ma non sufficiente, su lanuovaecologia.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]