Isola Budelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Budelli
Spiaggia rosa, isola di budelli, sardegna.jpg
La spiaggia rosa dell'isola di Budelli
Geografia fisica
Localizzazione Mar Tirreno
Coordinate 41°17′08″N 9°21′34″E / 41.285556°N 9.359444°E41.285556; 9.359444Coordinate: 41°17′08″N 9°21′34″E / 41.285556°N 9.359444°E41.285556; 9.359444
Arcipelago Arcipelago di La Maddalena
Superficie 1,60 km²
Sviluppo costiero 12,3 km
Altitudine massima 87 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Italia Italia
Regione Sardegna Sardegna
Provincia Sassari Sassari
Comune La Maddalena-Stemma.png La Maddalena
Demografia
Abitanti 1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Sardegna
Budelli
Budelli

[senza fonte]

voci di isole d'Italia presenti su Wikipedia

Budelli è un'isola appartenente all'arcipelago di La Maddalena, situata all'estremo nord della Sardegna presso le Bocche di Bonifacio. Fa parte, assieme alle altre isole, del Parco nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena. L'isola, di proprietà privata da epoca precedente all'istituzione del parco nazionale fino al marzo del 2016[1], quando è stata assegnata al Parco Nazionale, è abitata da una sola persona, che ne è anche il custode, il modenese Mauro Morandi.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

L'isola si trova poche centinaia di metri a sud delle isole di Razzoli e Santa Maria, separata dal passo "Chiecca di Morto". Ha una superficie di 1,6 chilometri quadrati e uno sviluppo costiero di 12,3 chilometri. Il monte Budello rappresenta il punto più alto dell'isola, raggiungendo la quota di 88 metri.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le isole dell'arcipelago, conosciute già dai Romani col nome di insulae Cuniculariae, erano probabilmente abitate in epoca preistorica, visto che si trovano sulla rotta dell'ossidiana tra Sardegna, Corsica e Toscana. Nei fondali circostanti furono rinvenute alcune parti di una kylix attica a figure rosse, con foglie e tralci di vite, risalente al V secolo a.C.. Nel 1964 sulla spiaggia rosa furono girate alcune sequenze del film Deserto rosso, di Michelangelo Antonioni[2].

Nel 2013 un emendamento della commissione bilancio del Senato della Repubblica, politicamente condiviso, permise lo stanziamento di circa 3 milioni di euro da parte dello stato italiano per l'acquisto dell'isola nel 2014.[3]

Il Consiglio di Stato, con la sentenza della Sezione sesta del 13 aprile 2015, n. 1854, ha annullato la prelazione dell'Ente Parco della Maddalena sull'acquisto dell'isola di Budelli - effettuato dal cittadino neozelandese Michael Harte a seguito di un'asta giudiziale - per la mancanza di un piano di tutela per il parco (requisito necessario di validità della prelazione)[4].

A seguito della sentenza, non senza polemiche[5], il giudice per le esecuzioni fallimentari ha d'ufficio revocato la custodia del bene in favore del Parco e dato 60 giorni ad Harte per consegnare l'importo dovuto per l'acquisto, pari a due milioni e 954 mila euro[6][7].

Infine, il 17 maggio 2016, il giudice fallimentare del tribunale di Tempio, respingendo definitivamente le istanze di Micheal Harte, ha stabilito il passaggio di proprietà al Parco nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena[8][9].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Spiaggia rosa[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Spiaggia rosa.

Budelli è considerata una delle più belle isole del Mediterraneo, nonché simbolo del Parco nazionale; è conosciuta anche all'estero per via della sua famosa spiaggia rosa, sottoposta a un rigidissimo regime di tutela: situata a Cala di Roto, nella parte sud-orientale dell'isola, deve il suo colore tipico e il nome ai frammenti sminuzzati di un microrganismo chiamato Miniacina miniacea[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L’isola di Budelli diventa patrimonio pubblico, su LaStampa.it. URL consultato il 12 marzo 2016.
  2. ^ a b La Spiaggia Rosa, lamaddalenapark.it. URL consultato il 19 dicembre 2010.
  3. ^ Riacquisto dell'isola da parte dello stato, olbianotizie.it. URL consultato il 25 novembre 2013.
  4. ^ La Nuova Sardegna, Ricorso respinto, Budelli resta al manager neozelandese, Finegil Editoriale S.p.A Editore, 13 aprile 2015. URL consultato il 21 aprile 2015.
  5. ^ Ugo Mattei, Budelli, parabola di un paradiso naturale, da bene comune ad asset privato del capitale finanziario speculativo, in il manifesto, 25 luglio 2015.
  6. ^ Repubblica, Il magnate neozelandese si riprende l'isola di Budelli, repubblica.it. URL consultato il 23 ottobre 2015.
  7. ^ La Stampa, Un neozelandese il nuovo proprietario dell’isola di Budelli, lastampa.it. URL consultato il 23 ottobre 2015.
  8. ^ La Stampa, Nessun padrone straniero, l’isola di Budelli diventa patrimonio pubblico, lastampa.it. URL consultato il 17 maggio 2016.
  9. ^ Il Fatto Quotidiano, Isola di Budelli è “patrimonio pubblico, torna all’ente Parco della Maddalena”. La sentenza definitiva del giudice, ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 17 maggio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]