Mustelidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Mustelidi
WEASEL.JPG
Mustela nivalis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
(clade) Amniota
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Laurasiatheria
(clade) Ferae
Ordine Carnivora
Famiglia Mustelidae
Fischer, 1817
Sottofamiglie

I mustelidi (Mustelidae, Fischer 1817) sono una famiglia di mammiferi appartenenti all'ordine dei Carnivori.[1] Hanno abitudini notturne, ma talora è possibile incontrarli anche di giorno. Fanno parte di questa famiglia la lontra, il tasso, il visone, lo zibellino, la puzzola, la faina, il ghiottone, la martora, e l'ermellino.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Sono animali di dimensioni medio-piccole, dalla struttura fisica allungata e agile.
Hanno quattro o cinque dita con artigli a volte retrattili. Sono generalmente plantigradi ed hanno denti ferini ben sviluppati e ghiandole anali capaci di produrre sostanze odorose usate in caso di pericolo come mezzo di difesa. La loro difesa maggiore è costituita dai denti, che possono essere di numero variabile, da 28 a 38. Data la loro alimentazione carnivora, i Mustelidi hanno incisivi molto piccoli e i canini lunghi e aguzzi; anche i molari sono piuttosto appuntiti. La loro pelliccia è foltissima; i peli sono morbidi e fini. Il colore è generalmente uniforme e scuro, ma in alcune specie si fa bianco durante l'inverno, per il mimetismo.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Sottofamiglia Lutrinae[modifica | modifica sorgente]

Olympic Nat Park River Otter.JPG

Sottofamiglia Melinae[modifica | modifica sorgente]

Sottofamiglia Mellivorinae[modifica | modifica sorgente]

Sottofamiglia Taxideinae[modifica | modifica sorgente]

Sottofamiglia Mustelinae[modifica | modifica sorgente]

Generi estinti[modifica | modifica sorgente]

Esistono dei fossili di Mustelidi, che sono ricompresi nei generi estinti della famiglia:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Mustelidae in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi