Lungotevere Marzio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Via San Giovanni in Laterano
001FiumeTevere.JPG
Ponte Cavour; a destra, il lungotevere
Localizzazione
Stato Italia Italia
Città Roma
Quartiere Campo Marzio - Ponte
Caratteristiche
Tipo strada
Collegamenti
Inizio ponte Umberto I
Fine porto di Ripetta
Trasporti metropolitana (Flaminio)

Il lungotevere Marzio è il tratto di lungotevere che collega piazza di Ponte Umberto I a piazza del Porto di Ripetta, a Roma, nei rioni Campo Marzio e Ponte[1].

Il lungotevere prende nome dall'antico Campus Martius, un'area consacrata al dio Marte; è stato istituito con delibera del 20 luglio 1887[2].

Il lungotevere è sito tra ponte Umberto I e ponte Cavour; presenta alcuni eleganti edifici, come il villino Borghese, progettato da Filippo Galassi e costruito nel 1886, un palazzo realizzato da Cesare Valle nel 1932 e, primo esempio di architettura razionalista in campo residenziale nella città, la facciata della Casa Bonanni progettata dagli architetti Ernesto e Gaetano Rapisardi nel 1933[3].

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Metropolitana di Roma A.svg È raggiungibile dalla stazione Flaminio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rendina-Paradisi, 798.
  2. ^ Lungotevere Marzio, comune.roma.it. URL consultato il 15 settembre 2010.
  3. ^ Roma, Comune, Dip. IX, Archivio, Ispettorato edilizio, prot. 2815/1933. Vedi A. Pica, Nuova architettura italiana (Quaderni della Triennale, 14), Milano 1936, p. 21.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Rendina, Donatella Paradisi, Le strade di Roma. Volume secondo E-O, Roma, Newton Compton Editori, 2004, ISBN 88-541-0209-1.


Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma