Ponte Cavour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ponte Cavour
Cavour Bridge, Rome, Italy.jpg
Localizzazione
Stato Italia Italia
Città Roma
Attraversa Tevere
Coordinate 41°54′17.9″N 12°28′27.8″E / 41.904972°N 12.474389°E41.904972; 12.474389Coordinate: 41°54′17.9″N 12°28′27.8″E / 41.904972°N 12.474389°E41.904972; 12.474389
Dati tecnici
Tipo ponte ad arco
Materiale travertino
Lunghezza 110,10 m
Larghezza 20,5 m
Realizzazione
Progettista Angelo Vescovali
Costruzione 1896-1901
Mappa di localizzazione

Ponte Cavour è un ponte che collega piazza del Porto di Ripetta al lungotevere dei Mellini, a Roma, nei rioni Campo Marzio e Prati[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Progettato dall'architetto Angelo Vescovali, fu costruito tra il 1896 e il 1901 ed inaugurato il 25 maggio 1901; fu intitolato a Camillo Benso, conte di Cavour, uno degli artefici dell'unità d'Italia. Il ponte costituisce un collegamento tra la zona circostante piazza Cavour e il Campo Marzio (nei pressi dell'Ara Pacis). Il ponte sostituì la provvisoria passerella di Ripetta, costruita nel 1878[2].

Presenta cinque arcate in muratura rivestite di travertino, è largo 20 metri e lungo circa 110 metri.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Metropolitana di Roma A.svg È raggiungibile dalla stazione Spagna.
Metropolitana di Roma C.svg Sarà raggiungibile, al termine dei lavori, dalla stazione Risorgimento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rendina, 270.
  2. ^ Ravaglioli, 53.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Armando Ravaglioli, Roma anno 2750 ab Urbe condita. Storia, monumenti, personaggi, prospettive, Roma, Tascabili Economici Newton, 1997, ISBN 88-8183-670-X.
  • Claudio Rendina, Enciclopedia di Roma, Roma, Newton Compton Editori, 2005, ISBN 88-541-0304-7.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma