Ponte Palatino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ponte Palatino
Sunset of Ponte Palatino.jpg
Localizzazione
Stato Italia Italia
Città Roma
Attraversa Tevere
Coordinate 41°53′20.53″N 12°28′45.9″E / 41.889036°N 12.479417°E41.889036; 12.479417Coordinate: 41°53′20.53″N 12°28′45.9″E / 41.889036°N 12.479417°E41.889036; 12.479417
Dati tecnici
Tipo ponte ad arco
Materiale muratura, metallo
Lunghezza 155,50 m
Larghezza 18,4 m
Realizzazione
Progettista Angelo Vescovali
Costruzione 1886-1890
Mappa di localizzazione

Ponte Palatino, noto anche come Ponte Inglese, è un ponte che collega il lungotevere Aventino al lungotevere Ripa, a Roma, nei rioni Ripa e Trastevere[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Progettato dall'architetto Angelo Vescovali, fu costruito tra il 1886 e il 1890 in sostituzione del distrutto Ponte Emilio (o Ponte Rotto); prende nome dal colle Palatino, alle cui falde è stata costruita l'infrastruttura. Il ponte collega il foro Boario a piazza Castellani, di fronte l'Isola Tiberina; è detto inglese a causa dell'organizzazione della circolazione automobilistica a sensi invertiti, come è in uso nel Regno Unito, in questo punto della città i sensi invertiti sono dovuti a una comodità urbanistica.

Presenta cinque luci in muratura con pianale in metallo ed è lungo circa 155 metri.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Metropolitana di Roma B.svg È raggiungibile dalla stazione Circo Massimo.
Metropolitana di Roma C.svg Sarà raggiungibile, al termine dei lavori, dalla stazione Venezia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rendina, 838.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma