Ponte Salario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ponte Salario
Ponte salario antico.JPG
Localizzazione
Stato Italia Italia
Città Roma
Attraversa Aniene
Coordinate 41°56′23.47″N 12°30′31.04″E / 41.939853°N 12.508621°E41.939853; 12.508621Coordinate: 41°56′23.47″N 12°30′31.04″E / 41.939853°N 12.508621°E41.939853; 12.508621
Dati tecnici
Tipo ponte ad arco
Materiale tufo, cemento armato
Realizzazione
Costruzione ...-ricostruito nel 1930
Mappa di localizzazione
Ponte Salario. Giovanni Battista Piranesi, ca. 1760
Ponte Salario, uno degli archi romani superstiti, oggi.

Ponte Salario è un ponte sopra il fiume Aniene attraversato dalla via Salaria, a Roma, nei quartieri Parioli e Trieste e nella zona Val Melaina[1].

Si tratta dell'ultimo ponte che l'Aniene sottopassa nel suo percorso prima di affluire nel Tevere.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Costruito dagli Etruschi, fin dall'antichità era sovrastato dalla via Salaria, sulla quale veniva trasportato il sale nella Sabina. Secondo la leggenda, sul ponte Salario sarebbero passate le sabine vittime del rapimento dei romani; nel 361 a.C. sarebbe avvenuto il duello tra Manlio Torquato e un gallo adornato di torques (da cui il soprannome del soldato romano).

Il ponte fu scelto, inoltre, come sede di accampamento di eserciti che invasero la città di Roma: nel 472 vi fece sosta il goto Ricimero; nel 537 Vitige, re dei Goti, che tuttavia non riuscì a saccheggiare l'Urbe, difesa a Porta Salaria da Belisario.

Nel 728 nelle vicinanze del ponte avvenne lo scontro tra i Longobardi (giunti in difesa di papa Gregorio II) e l'esercito dell'esarca Paolo, inviato da Leone l'Isaurico, imperatore bizantino.

Nel 1378 i Bretoni, ostili a papa Urbano VI, sconfissero i romani accorsi in aiuto del pontefice, uccisi e macellati come bestie. Nel 1433 il ponte fu occupato dalle truppe di Nicolò Piccinino.

Tra il Settecento e l'Ottocento, il ponte fu distrutto diverse volte: nel 1799 i napoletani lo fecero saltare per impedire il passaggio dei francesi di Napoleone; nel 1849 l'operazione fu ripetuta proprio dai francesi di Oudinot, che impedirono l'avanzata verso Roma delle truppe garibaldine.

Nel 1874 il ponte fu restaurato, ma dopo la ricostruzione, nel 1930, perse ogni antico resto tranne "due archi minori di sottorampa da una parte e dall'altra dell'arco centrale moderno"[2].

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Metropolitana di Roma D.svg Sarà raggiungibile, al termine dei lavori, dalle stazioni Salario e Vescovio.
Ferrovia Roma-Viterbo.svg
 È raggiungibile dalla stazione Monte Antenne.
Ferrovia regionale laziale FL1.svg
 È raggiungibile dalla stazione di: Roma Nomentana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rendina, 1066-1067
  2. ^ Ponte Salario / Monumenti / Roma antica - Sovrintendenza, su www.sovraintendenzaroma.it. URL consultato il 12 aprile 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]