Ponte Guglielmo Marconi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ponte Guglielmo Marconi
Ponte Marconi.jpg
Il ponte visto dalla sponda sinistra del Tevere
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàRoma
AttraversaTevere
Coordinate41°51′36″N 12°28′14″E / 41.86°N 12.470556°E41.86; 12.470556Coordinate: 41°51′36″N 12°28′14″E / 41.86°N 12.470556°E41.86; 12.470556
Dati tecnici
Tipoponte ad arco
Lunghezza235,7 m
Larghezza31,20 m
Realizzazione
ProgettistaGiuseppe Samonà
Costruzione1937-1955
Inaugurazione26 febbraio 1955
Intitolato aGuglielmo Marconi
Mappa di localizzazione

Ponte Guglielmo Marconi è un ponte di Roma sul Tevere. Costituisce la congiunzione dei due rami del viale omonimo che a nord del fiume si trova nel quartiere Portuense, nel XII Municipio, e a sud di esso nel quartiere Ostiense, nell'VIII Municipio.

Toponomasticamente collega piazza Augusto Righi a nord e piazzale Tommaso Edison a sud. Inaugurato nel 1955, anche se su progetto dell'anteguerra, è il più lungo ponte della Capitale ed è realizzato con la tecnologia della trave Gerber.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Previsto già nei primi anni trenta nel quadro dell'espansione meridionale della città prevista dalla variante generale al piano regolatore di Sanjust del 1911[1], il ponte fu iniziato nel 1937, ma la sua costruzione fu interrotta a causa della guerra. Essa riprese solo nel 1953. L'inaugurazione ufficiale avvenne il 26 febbraio 1955 con la contestuale intitolazione a Guglielmo Marconi, così come il viale del quale era il tratto d'unione[2]. Con circa 235 metri, è il ponte più lungo di Roma[3].

Il ponte fu rimodernato nel 1975 tramite restauro delle travi Gerber della struttura. La sezione trasversale è di 32 m con 4 corsie per senso di marcia, marciapiedi e parapetti in travertino.

Nei pressi, a monte del manufatto vi è l'area archeologica nota come Darsene di Pietra Papa i cui scavi hanno rivelato l'esistenza di un'importante area portuale con scalo fluviale su ambedue gli argini, attivo tra I sec. a.C. e II d.C. dove si vuole che sia stata attraccata l'imbarcazione della regina Cleopatra in visita a Roma[4] e sopravvissuto fino al XV secolo.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Metropolitana di Roma B.svg È raggiungibile dalle stazioni Basilica San Paolo e Marconi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rossi, p. 41.
  2. ^ Il nuovo ponte sul Tevere (PDF), in l'Unità, 27 febbraio 1955, p. 4. URL consultato il 21 aprile 2021.
  3. ^ Ravaglioli, 54.
  4. ^ Antonello Anappo, Horti di Cesare

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]