Ponte Umberto I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il ponte di Torino, vedi Ponte Umberto I (Torino).
Ponte Umberto I
Bridge Umberto I in Rome.jpg
Localizzazione
Stato Italia Italia
Città Roma
Attraversa Tevere
Coordinate 41°54′09.68″N 12°28′16.3″E / 41.902688°N 12.471194°E41.902688; 12.471194Coordinate: 41°54′09.68″N 12°28′16.3″E / 41.902688°N 12.471194°E41.902688; 12.471194
Dati tecnici
Tipo ponte ad arco
Materiale travertino, muratura, pietra
Lunghezza 105,65 m
Larghezza 20 m
Realizzazione
Progettista Angelo Vescovali
Costruzione 1885-1895
Mappa di localizzazione

Ponte Umberto I, noto anche come ponte Umberto, è un ponte che collega piazza di Ponte Umberto I a piazza dei Tribunali, a Roma, nei rioni Ponte e Prati[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Progettato dall'architetto Angelo Vescovali, fu costruito tra il 1885 e il 1895; fu dedicato al re d'Italia Umberto I, che inaugurò il ponte, insieme con la consorte Margherita di Savoia. Il ponte collega il palazzo di Giustizia (Palazzaccio) con la zona circostante Piazza Navona[2].

Presenta tre arcate in muratura rivestite di travertino e pietra di Subiaco ed è lungo circa 105 metri.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Metropolitana di Roma C.svg Sarà raggiungibile, al termine dei lavori, dalla stazione Risorgimento.
Metropolitana di Roma D.svg Sarà raggiungibile, al termine dei lavori, dalla stazione San Silvestro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rendina, 1272.
  2. ^ Ravaglioli, 53.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Armando Ravaglioli, Roma anno 2750 ab Urbe condita. Storia, monumenti, personaggi, prospettive, Roma, Tascabili Economici Newton, 1997, ISBN 88-8183-670-X.
  • Claudio Rendina, Enciclopedia di Roma, Roma, Newton Compton Editori, 2005, ISBN 88-541-0304-7.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma