Lungotevere Arnaldo da Brescia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lungotevere Arnaldo da Brescia
Q01 - Flaminio l re A da Brescia e scalo de Pinedo PICT2464-5.JPG
Lungotevere Arnaldo da Brescia e scalo de Pinedo
Localizzazione
Stato Italia Italia
Città Roma
Distretto Campo Marzio
Quartiere Flaminio
Caratteristiche
Tipo strada
Collegamenti
Inizio via Ferdinando di Savoia
Fine ponte Matteotti
Trasporti metropolitana (Flaminio, Lepanto)

Il lungotevere Arnaldo da Brescia è il tratto di lungotevere che collega via Ferdinando di Savoia al ponte Matteotti, a Roma, nel rione Campo Marzio e nel quartiere Flaminio[1].

Il lungotevere è dedicato ad Arnaldo da Brescia, il frate scomunicato impiccato per eresia nel 1155. Sul lungotevere, nel 1974, è stato eretto un monumento di bronzo in memoria dell'assassinio di Giacomo Matteotti, deputato socialista rapito dai fascisti nel 1924 proprio in questo luogo. L'opera è stata realizzata da Iorio Vivarelli.

Sul lungotevere si trovava anche un altro monumento, dedicato al patriota Angelo Brunetti (Ciceruacchio), spostato altrove nel 1959 in occasione della costruzione dei sottopassaggi veicolari tra la passeggiata di Ripetta e il lungotevere in Augusta.

Presso il lungotevere Arnaldo di Brescia è stato costruito uno scalo, dedicato a Francesco de Pinedo, sul modello del porto di Ripetta, distrutto alla fine del XIX secolo. Allo scalo si accede, tramite una serie di rampe e gradinate, dal lungotevere. In questo tratto di fiume l'aviatore napoletano aveva ammarato il 7 novembre 1925 con l'idrovolante Gennariello, al termine di un volo trascontinentale.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Metropolitana di Roma A.svg È raggiungibile dalle stazioni Flaminio e Lepanto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Rendina, Donatella Paradisi, Le strade di Roma. Volume primo A-D, Roma, Newton Compton Editori, 2004, ISBN 88-541-0208-3.


Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma