Kamikaze (Eminem)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kamikaze
ArtistaEminem
Tipo albumStudio
Pubblicazione31 agosto 2018
Durata45:49
Dischi1
Tracce13
GenereHip hop[1]
EtichettaAftermath, Shady, Interscope
ProduttoreIlladaproducer, Ronny J, Boi-1da, Jahaan Sweet, S1, Lonestarrmuzik, Eminem, Tay Keith, Tim Suby, Mike Will Made It, Fred Ball
RegistrazioneEffigy Studios, Detroit (Michigan)
FormatiCD, LP, MC, download digitale, streaming
Certificazioni
Dischi d'oroFrancia Francia[2]
(vendite: 50 000+)
Italia Italia[3]
(vendite: 25 000+)
Norvegia Norvegia[4]
(vendite: 10 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia[5]
(vendite: 70 000+)
Danimarca Danimarca[6]
(vendite: 20 000+)
Finlandia Finlandia[7]
(vendite: 20 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[8]
(vendite: 15 000+)
Regno Unito Regno Unito[9]
(vendite: 300 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[10]
(vendite: 1 000 000+)
Eminem - cronologia
Album precedente
(2017)
Album successivo
(2020)
Singoli
  1. Fall
    Pubblicato: 14 settembre 2018
  2. Venom
    Pubblicato: 21 settembre 2018
  3. Lucky You
    Pubblicato: 30 novembre 2018

Kamikaze è il decimo album in studio del rapper statunitense Eminem, pubblicato il 31 agosto 2018 dalla Aftermath Entertainment, Shady Records e Interscope Records.[11]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicato a sorpresa,[11] l'album presenta le collaborazioni di Joyner Lucas, Royce da 5'9" e Jessie Reyez e voci non accreditate di Justin Vernon. L'album è prodotto esecutivamente dallo stesso Eminem e da Dr. Dre e presenta le collaborazioni Mike Will Made It, Illadaproducer, Ronny J, Cubeatz, Jeremy Miller, Boi-1da, Jahaan Sweet, Tay Keith, Tim Suby, Fred Ball and S1.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[1] 2/5 stelle
Consequence[12] B-
New Musical Express[13] 3/5 stelle
Pitchfork[14] 5.0/10
PopMatters[15] 7/10
Rolling Stone[16] 2.5/5 stelle
Rumore[17] 3,5/10
The Guardian[18] 3/5 stelle

Il disco è stato accolto con recensioni miste da parte degli autori musicali, che lo plaudono come un ritorno in forma aggressiva da parte del rapper, criticandone la mancanza di innovazione. Kamikaze genera numerose controversie per i dissing contro numerosi artisti. Secondo l'aggregatore di recensioni Metacritic, il disco possiede un punteggio di 62 su 100 basato su sedici recensioni, equivalente ad «acclamazione favorevole».[19] La rivista Rumore assegna a Kamikaze un voto pari a 3,5 su 10 e asserisce che, in questo album, "(Eminem) sembra un uomo solo che grida la sua frustrazione nel microfono".[17]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Ringer – 5:37 (Marshall Mathers, Ray Fraser, Luis Resto, Katorah Marrero, Matthew Jacobson, Ronald Spence, Jr.)
  2. Greatest – 3:46 (Marshall Mathers)
  3. Lucky You (ft. Joyner Lucas) – 4:04 (Marshall Mathers, Matthew Samuels, Jahaan Sweet, Gary Lucas, Ray Fraser)
  4. Paul (Skit) – 0:35 (Paul D. Rosenberg, Esq.)
  5. Normal – 3:41 (Marshall Mathers, Ray Fraser, Erik Bodin, Yukimi Nagano, Fredrik Wallin, Håkan Wirenstrand, Larry Griffin Jr., Maurice Nichols, R. Sheldon)
  6. Em Calls Paul (Skit) – 0:49 (Marshall Mathers)
  7. Stepping Stone – 5:09 (Marshall Mathers, Luis Resto, Mario Resto)
  8. Not Alike (ft. Royce da 5'9") – 4:48 (Marshall Mathers, Ryan Montgomery, Brytavious Chambers, Ronald Spence, Jr.)
  9. Kamikaze – 3:36 (Marshall Mathers, Tim Suby, James Smith, Dwayne Simon, Bobby Ervin)
  10. Fall – 4:22 (Marshall Mathers, Michael Williams, Luis Resto, BJ Burton, Justin Vernon)
  11. Nice Guy (ft. Jessie Reyez) – 2:30 (Marshall Mathers, Luis Resto, Larry Griffin Jr., Jessie Reyez, Fred Ball)
  12. Good Guy (ft. Jessie Reyez) – 2:22 (Marshall Mathers, Ray Fraser, Jessie Reyez, Yutaka Yamada, Lisa Gomamoto, Norio Joseph Aono)
  13. Venom (Music from the Motion Picture) – 4:29 (Marshall Mathers, Luis Resto)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti
  • Eminemvoce (eccetto traccia 4)
  • Luis Restotastiera aggiuntiva (prima parte traccia 1, tracce 9-12), tastiera (seconda parte traccia 3, tracce 7 e 13)
  • Joyner Lucas – voce (traccia 3)
  • Paul D. Rosenberg, Esq. – voce (traccia 4)
  • Mario Resto – voce aggiuntiva (traccia 7)
  • Royce da 5'9" – voce (traccia 8)
  • Scram Jones – scratch (traccia 9)
  • Jessie Reyez – voce (tracce 11 e 12)
Produzione
  • Dr. Dreproduzione esecutiva
  • Eminem – produzione esecutiva, coproduzione (prima parte traccia 1), missaggio (eccetto tracce 2, 4 e 6), produzione aggiuntiva (seconda parte traccia 3, prima parte traccia 8, tracce 9-11), produzione (tracce 7 e 13)
  • Brian "Big Bass" Gardner – mastering
  • Illadaproducer – produzione (prima parte tracce 1 e 5, seconda parte traccia 3 e traccia 12)
  • Mike Strange – registrazione e missaggio (eccetto tracce 2, 4 e 6)
  • Joe Strange – registrazione (eccetto tracce 2, 4 e 6)
  • Tony Campana – registrazione (eccetto tracce 2, 4 e 6)
  • Boi-1da – produzione (prima parte traccia 3)
  • Jahaan Sweet – produzione (prima parte traccia 3)
  • S1 – produzione (seconda parte traccia 5, traccia 11)
  • Lonestarrmuzik – produzione (seconda parte traccia 5)
  • Luis Resto – produzione aggiuntiva (tracce 7 e 13)
  • Tay Keith – produzione (prima parte traccia 8)
  • Ronny J – produzione (seconda parte traccia 8)
  • Tim Suby – produzione (traccia 9)
  • Mike Will Made It – produzione e missaggio (traccia 10)
  • Steve "The Sauce" Hybicki – missaggio (traccia 10)
  • Fred Ball – produzione (traccia 11)

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

America del Nord[modifica | modifica wikitesto]

Kamikaze ha esordito in vetta alla Billboard 200 statunitense nella pubblicazione del 6 settembre 2018, segnando il quarto miglior debutto dell'anno. È diventato il nono album al numero di Eminem dopo aver venduto nella sua prima settimana 434 000 unità equivalenti, di cui 252 000 sono vendite pure, 168 000 sono stream-equivalent units risultanti dalle riproduzioni in streaming dei brani mentre le restanti 14 000 sono track-equivalent units equivalenti alle vendite digitali dei singoli brani.[20] La settimana successiva è stato spostato da Egypt Station di Paul McCartney e ha registrato un calo di vendite del 69%, aggiungendo altre 136 000 unità al suo totale.[21]

L'album ha inoltre debuttato in cima alla classifica canadese, diventando il decimo album numero uno dell'interprete nel paese. Ha totalizzato 46 000 unità nella sua prima settimana, risultando il disco più venduto nei negozi fisici e digitali e il più riprodotto sulle piattaforme di streaming.[22] La settimana successiva ha aggiunto altre 19 000 unità al suo totale, mantenendo la stessa posizione della settimana precedente.[23] Durante la sua terza settimana di pubblicazione è sceso alla 3ª posizione, seppur risultando l'album più riprodotto in streaming.[24] Alla fine dell'anno, ha accumulato 152 000 unità in territorio canadese.[25]

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Anche nel Regno Unito ha fatto il proprio ingresso alla vetta della classifica degli album grazie a 55 115 unità di vendita, diventando il decimo album al numero uno di Eminem nella classifica britannica.[26] La settimana seguente ha mantenuto la sua posizione e ha aggiunto altre 24 732 unità (di cui 11 254 in CD) al suo totale, seppur registrando un calo di vendite del 35,12% rispetto alla settimana precedente.[27] In Irlanda ha esordito al numero uno, triplicando le vendite del proprio rivale e diventando l'ottavo album numero del rapper nella classifica irlandese.[28] In Francia ha debuttato all'8ª posizione della classifica degli album redatta dalla Syndicat national de l'édition phonographique con 2 900 unità,[29] per poi raggiungere successivamente la 3ª posizione grazie a 6 900 unità, con un notevole incremento di vendite rispetto alla settimana precedente.[30]

Oceania[modifica | modifica wikitesto]

In Australia ha debuttato ed ha trascorso un totale di quattro settimane consecutive alla vetta della ARIA Albums Chart.[31] In Nuova Zelanda ha debuttato al vertice della classifica ed ha trascorso un totale di sei settimane al numero uno.[32]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2018) Posizione
Australia[48] 6
Austria[49] 23
Belgio (Fiandre)[50] 21
Belgio (Vallonia)[51] 82
Canada[52] 10
Danimarca[53] 25
Estonia[54] 12
Francia[55] 92
Germania[56] 34
Irlanda[57] 19
Islanda[58] 41
Italia[59] 65
Norvegia[60] 9
Nuova Zelanda[61] 8
Paesi Bassi[62] 14
Regno Unito[63] 10
Spagna[64] 100
Stati Uniti[65] 17
Stati Uniti (R&B/hip-hop)[66] 13
Stati Uniti (rap)[67] 11
Svezia[68] 19
Svizzera[69] 9
Ungheria[70] 89
Classifica (2019) Posizione
Australia[71] 23
Belgio (Fiandre)[72] 62
Belgio (Vallonia)[73] 169
Canada[74] 25
Danimarca[75] 72
Islanda[76] 97
Lettonia[77] 22
Norvegia[78] 31
Nuova Zelanda[79] 20
Regno Unito[80] 67
Stati Uniti[81] 52
Svezia[82] 67
Svizzera[83] 90
Classifica (2020) Posizione
Belgio (Fiandre)[84] 154

Classifiche di fine decennio[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2010-19) Posizione
Paesi Bassi[85] 97
Stati Uniti[86] 184

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Stephen Thomas Erlewine, Kamikaze, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 19 ottobre 2019.
  2. ^ (FR) Eminem - Kamikaze – Les certifications, su snepmusique.com, SNEP. URL consultato il 18 dicembre 2018.
  3. ^ Kamikaze (certificazione), su fimi.it, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 14 gennaio 2019.
  4. ^ (NO) Troféoversikt - 2018, su IFPI Norge. URL consultato il 28 aprile 2020.
  5. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2019 Albums, su aria.com.au, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 12 aprile 2019.
  6. ^ (DA) Kamikaze, su IFPI Danmark. URL consultato il 23 ottobre 2018.
  7. ^ (FI) EMINEMILTÄ JÄLLEEN YLLÄTYSALBUMI, su universalmusic.fi, Universal Music Finland, 17 gennaio 2020. URL consultato il 7 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2020).
  8. ^ (EN) NZ Top 40 Albums Chart: 10 December 2018, su nztop40.co.nz, The Official NZ Music Charts. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  9. ^ (EN) Kamikaze, su bpi.co.uk, British Phonographic Industry. URL consultato il 27 settembre 2019.
  10. ^ (EN) Eminem - Kamikaze – Gold & Platinum, su riaa.com, Recording Industry Association of America. URL consultato il 23 ottobre 2018.
  11. ^ a b (EN) Eminem drops surprise album Kamikaze, su bbc.com, BBC, 31 agosto 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  12. ^ (EN) Dedrick Hendrix, Eminem Goes into Attack Mode on the Angry Kamikaze, su Consequence, 6 settembre 2018. URL consultato il 28 aprile 2020.
  13. ^ (EN) Dan Stubbs, Eminem – 'Kamikaze' review, su New Musical Express, 31 agosto 2018. URL consultato il 28 aprile 2020.
  14. ^ (EN) Marc Hogan, Eminem: Kamikaze, su pitchfork.com, Pitchfork, 6 settembre 2018. URL consultato il 28 aprile 2020.
  15. ^ (EN) M. Oliver, 'Kamikaze' Is Eminem at His Midlife Best, Slightly Less Deviant, But Revived, Nonetheless, su PopMatters, 6 settembre 2018. URL consultato il 28 aprile 2020.
  16. ^ (EN) Stephen Kearse, Review: Eminem Lashes Out at the Rap Game on 'Kamikaze', su Rolling Stone, 4 settembre 2018. URL consultato il 28 aprile 2020.
  17. ^ a b Elia Alovisi, Eminem - Kamikaze, in Rumore, ottobre 2018.
  18. ^ (EN) Alexis Petridis, Eminem: Kamikaze review – middle-aged gripes aired with blazing skill, su The Guardian, 31 agosto 2018. URL consultato il 28 aprile 2020.
  19. ^ (EN) Kamikaze, su Metacritic, Red Ventures. URL consultato il 28 aprile 2020.
  20. ^ (EN) Keith Caulfield, Eminem Earns Ninth No. 1 Album on Billboard 200 Chart With 'Kamikaze', su Billboard, 9 settembre 2018. URL consultato il 28 aprile 2020.
  21. ^ (EN) Keith Caulfield, Paul McCartney Earns First No. 1 Album in Over 36 Years on Billboard 200 Chart With 'Egypt Station', su Billboard, 16 settembre 2018. URL consultato il 28 aprile 2020.
  22. ^ (EN) Eminem Is This Week's 'Kamikaze' King, su fyimusicnews.ca. URL consultato il 28 aprile 2020.
  23. ^ (EN) Paul McCartney Has Himself Another Hit With 'Egypt Station', su fyimusicnews.ca. URL consultato il 28 aprile 2020.
  24. ^ (EN) Carrie Underwood Achieves 3rd No. 1 Album With 'Cry Pretty', su fyimusicnews.ca. URL consultato il 28 aprile 2020.
  25. ^ (EN) 2018 Billboard Year End Chart Top 10s, su fyimusicnews.ca. URL consultato il 28 aprile 2020.
  26. ^ (EN) Alan Jones, Charts analysis: Eminem breaks chart record with Kamikaze, su Music Week, 7 settembre 2018. URL consultato il 28 aprile 2020.
  27. ^ (EN) Alan Jones, Charts analysis: Eminem holds off top rock Pauls - McCartney and Simon - to retain No.1 album, su Music Week, 14 settembre 2018. URL consultato il 28 aprile 2020.
  28. ^ (EN) Rob Copsey, Eminem's Kamikaze album becomes his eighth Number 1 on the Official Irish Albums Chart, su officialcharts.com, Official Charts Company, 7 settembre 2018. URL consultato il 28 aprile 2020.
  29. ^ (FR) Top Albums : Trois Cafés Gourmands détrône Mylène Farmer, Angèle devant Lady Gaga, su chartsinfrance.net, 15 ottobre 2018. URL consultato il 28 aprile 2020.
  30. ^ (FR) Top Albums : Kendji au sommet, Zazie résiste à Eminem et David Guetta, su chartsinfrance.net, 24 settembre 2019. URL consultato il 28 aprile 2020.
  31. ^ (EN) Lars Brandle, Eminem's 'Kamikaze' Continues Streak Atop Australia's Albums Chart, su Billboard, 2 ottobre 2018. URL consultato il 28 aprile 2020.
  32. ^ (EN) ANOTHER KODAK MOMENT, su nztop40.co.nz, The Official NZ Music Charts. URL consultato il 28 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2018).
  33. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (NL) Eminem - Kamikaze, su ultratop.be, Ultratop. URL consultato il 13 ottobre 2018.
  34. ^ (EN) Eminem - Chart history (Billboard Canadian Albums), su Billboard. URL consultato il 24 settembre 2018.
  35. ^ (ET) Siim Nestor, EESTI TIPP-40 MUUSIKAS: Eminem lõugas end tabelisse, su Eesti Ekspress. URL consultato il 28 aprile 2020.
  36. ^ (JA) カミカゼ-エミネム, su oricon.co.jp, Oricon. URL consultato il 28 aprile 2020.
  37. ^ (EN) Official IFPI Charts - Top-75 Albums Sales Chart - Week: 42/2018, su ifpi.gr, IFPI Greece. URL consultato il 28 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2018).
  38. ^ (EN) Official Irish Albums Chart Top 50: 07 September 2018 - 13 September 2018, su officialcharts.com, Official Charts Company. URL consultato il 24 settembre 2018.
  39. ^ (IS) TÓNLISTINN – PLÖTUR – Vika 36, 2018, su plotutidindi.is, Plötutíðindi. URL consultato il 28 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2018).
  40. ^ (LV) Kā Slim Shady ienāca DigiTop100 36.nedēļā, su parmuziku.lv, Latvijas Izpildītāju un producentu apvienība. URL consultato il 28 aprile 2020.
  41. ^ (LT) 2018 39-os SAVAITĖS (rugsėjo 21 – 27 d.) ALBUMŲ TOP100., su agata.lt, AGATA. URL consultato il 28 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2019).
  42. ^ (EN) Oficjalna lista sprzedaży - 27 September 2018, su olis.onyx.pl, OLiS. URL consultato il 28 aprile 2020.
  43. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 07 September 2018 - 13 September 2018, su officialcharts.com, Official Charts Company. URL consultato il 24 settembre 2018.
  44. ^ (CS) CZ - ALBUMS - TOP 100 - EMINEM - Kamikaze, su hitparada.ifpicr.cz, ČNS IFPI. URL consultato il 28 aprile 2020.
  45. ^ (CS) SK - ALBUMS - TOP 100 - EMINEM - Kamikaze, su hitparada.ifpicr.cz, ČNS IFPI. URL consultato il 28 aprile 2020.
  46. ^ (EN) Eminem - Chart history (Billboard 200), su Billboard. URL consultato il 24 settembre 2018.
  47. ^ (HU) Album Top 40 slágerlista - 2018. 36. hét - 2018. 08. 31. - 2018. 09. 06., su slagerlistak.hu, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 24 settembre 2018.
  48. ^ (EN) 2018 ARIA Albums Chart, su aria.com.au, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  49. ^ (DE) JAHRESHITPARADE ALBEN 2018, su austriancharts.at. URL consultato il 28 aprile 2020.
  50. ^ (NL) Jaaroverzichten 2018, su ultratop.be, Ultratop. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  51. ^ (FR) Rapports Annuels 2018, su ultratop.be, Ultratop. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  52. ^ (EN) Top Canadian Albums: 2018 Year-End Charts, su Billboard. URL consultato il 16 gennaio 2019.
  53. ^ (DA) Album Top-100 2018, su hitlisten.nu. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  54. ^ (ET) Siim Nestor, EESTI TIPP-100 MUUSIKAS: Neid artiste ja lugusid kuulati möödunud aastal Eestis kõige rohkem, su Eesti Ekspress. URL consultato il 28 aprile 2020.
  55. ^ (FR) Top de l'année: Top Albums 2018, su snepmusique.com, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 28 aprile 2020.
  56. ^ (DE) TOP 100 ALBUM-JAHRESCHARTS, su offiziellecharts.de, Offizielle Deutsche Charts. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  57. ^ (EN) Jack White, Ireland's Official Top 40 biggest albums of 2018, su officialcharts.com, Official Charts Company, 4 gennaio 2019. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  58. ^ (IS) TÓNLISTINN - PLÖTUR - 2018, su plotutidindi.is, Plötutíðindi. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2021).
  59. ^ Classifiche annuali Top of the Music FIMI/GfK 2018: Protagonista la musica italiana, su fimi.it, Federazione Industria Musicale Italiana, 7 gennaio 2019. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  60. ^ (NO) Musikkåret 2018, su ifpi.no, IFPI Norge. URL consultato il 28 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2019).
  61. ^ (EN) Top Selling Albums of 2018, su nztop40.co.nz, The Official NZ Music Charts. URL consultato il 28 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2020).
  62. ^ (NL) Jaaroverzichten - Album 2018, su dutchcharts.nl, Dutch Charts. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  63. ^ (EN) End of Year Album Chart Top 100 – 2018, su officialcharts.com, Official Charts Company. URL consultato il 28 aprile 2020.
  64. ^ (EN) Top 100 Albums Annual - 2018, su elportaldemusica.es. URL consultato il 1º marzo 2020.
  65. ^ (EN) Billboard 200 Albums: 2018 Year-End Charts, su Billboard. URL consultato il 4 dicembre 2018.
  66. ^ (EN) Top R&B/Hip-Hop Albums: 2018 Year-End Charts, su Billboard. URL consultato il 4 dicembre 2018.
  67. ^ (EN) Top Rap Albums: 2018 Year-End Charts, su Billboard. URL consultato il 4 dicembre 2018.
  68. ^ (SV) Årslista Album, 2018, su sverigetopplistan.se, Sverigetopplistan. URL consultato il 28 aprile 2020.
  69. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2018, su hitparade.ch, Schweizer Hitparade. URL consultato il 30 dicembre 2018.
  70. ^ (HU) Összesített album- és válogatáslemez-lista - eladási darabszám alapján - 2018, su zene.slagerlistak.hu, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 28 aprile 2020.
  71. ^ (EN) ARIA Albums Chart 2019, su aria.com.au, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 28 aprile 2020.
  72. ^ (NL) Jaaroverzichten 2019, su ultratop.be, Ultratop. URL consultato il 20 dicembre 2019.
  73. ^ (FR) Rapports Annuels 2019, su ultratop.be, Ultratop. URL consultato il 20 dicembre 2019.
  74. ^ (EN) Top Canadian Albums: 2019 Year-End Charts, su Billboard. URL consultato il 28 aprile 2020.
  75. ^ (DA) Album Top-100 2019, su hitlisten.nu. URL consultato il 28 aprile 2020.
  76. ^ (IS) TÓNLISTINN - PLÖTUR - 2019, su plotutidindi.is, Plötutíðindi. URL consultato il 12 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2021).
  77. ^ (LV) Digitālās Mūzikas Tops 2019, su parmuziku.lv, Latvijas Izpildītāju un producentu apvienība. URL consultato il 28 aprile 2020.
  78. ^ (NO) Årslister Topplista 2019, su ifpi.no, IFPI Norge. URL consultato il 28 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2020).
  79. ^ (EN) Top Selling Albums 2019, su nztop40.co.nz, The Official NZ Music Charts. URL consultato il 28 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2020).
  80. ^ (EN) End of Year Album Chart Top 100 – 2019, su officialcharts.com, Official Charts Company. URL consultato il 28 aprile 2020.
  81. ^ (EN) Billboard 200 Albums: 2019 Year-End Charts, su Billboard. URL consultato il 28 aprile 2020.
  82. ^ (SV) Årslista Album, 2019, su sverigetopplistan.se, Sverigetopplistan. URL consultato il 28 aprile 2020.
  83. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2019, su hitparade.ch, Schweizer Hitparade. URL consultato il 28 aprile 2020.
  84. ^ (NL) Jaaroverzichten 2020, su ultratop.be, Ultratop. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  85. ^ (NL) Decennium Charts – Albums 2010-2019, su dutchcharts.nl, Dutch Charts. URL consultato l'11 gennaio 2021.
  86. ^ (EN) Decade-End Charts: Billboard 200, su Billboard. URL consultato il 28 aprile 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]