Stan (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stan
Stan.png
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaEminem
FeaturingDido
Tipo albumSingolo
Pubblicazione4 dicembre 2000
Durata6:44
GenereHorrorcore
Conscious hip hop
Alternative hip hop
EtichettaAftermath/Interscope
ProduttoreDJ Mark the 45 King
Registrazione2000
Certificazioni
Dischi d'oroAustria Austria[1]
(vendite: 15 000+)
Italia Italia[2]
(vendite: 25 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[3]
(vendite: 20 000+)
Svizzera Svizzera[4]
(vendite: 25 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia (2)[5]
(vendite: 160 000+)
Belgio Belgio[6]
(vendite: 40 000+)
Francia Francia (2)[7]
(vendite: 500 000+)
Germania Germania[7]
(vendite: 300 000+)
Italia Italia[7]
(vendite: 50 000+)
Svezia Svezia[8]
(vendite: 20 000+)
Regno Unito Regno Unito[9]
(vendite: 832 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (2)[11]
(vendite: 2 000 000+)
Eminem - cronologia
Singolo precedente
(2000)
Singolo successivo
(2002)

Stan è una canzone di Eminem. Fa parte del suo terzo album in studio, The Marshall Mathers LP (2000). Lo stesso anno è stata pubblicata anche come singolo.

Il 28 febbraio 2018, la RIAA lo certifica singolo di multiplatino, avendo venduto oltre due milioni di copie nel mercato statunitense.[10]

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

La canzone è stata scritta da Marshall Mathers intorno al 2000. La canzone narra del rapporto che si può manifestare tra un fan e una star. Infatti, come accade nella canzone, Stan, che rappresenta il fan, si rispecchia talmente tanto nelle canzoni di Eminem da volerlo conoscere a tutti i costi. Lo storytelling di Stan, seppur volutamente esagerato, rappresenta ciò che accade spesso a moltissimi fan di un qualsiasi artista che, prima della fama, abbia vissuto situazioni di difficoltà simili a quelle dei suoi seguaci. I fan si ossessionano di tale figura poiché lo vedono come una sorta di ancora di speranza, che li porta a cercare di somigliare al proprio idolo il più possibile, in una maniera al limite del patologico.

Note di produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il pezzo è costituito da lunghe strofe, e per tutta la sua durata possiamo sentire in sottofondo il rumore della pioggia e della matita che scorre sul foglio. Nella terza strofa, quando Stan è in macchina, possiamo sentire anche il suono dei tergicristalli in azione e le grida della fidanzata imbavagliata nel cofano. Il beat è abbastanza minimale, costituito da una batteria abbastanza classica, un giro di basso molto grave e delle note di campionamento del brano Thank You di Dido.

Notevole anche l'interpretazione di Eminem, che rappa con una voce decisamente più "giovanile" e nasale le strofe di Stan, mentre l'ultima strofa (in cui interpreta se stesso) è rappata in maniera più seria e naturale.

Il video[modifica | modifica wikitesto]

Il video di Stan è stato diretto da Phil Atwell e Dr. Dre, in California. L'attore Devon Sawa (Final Destination) interpreta Stan, un fan sfegatato e ossessionato di Slim Shady, e Dido la sua ragazza incinta.

Il tema del clip è quello lugubre e tetro della canzone, e all'inizio include una breve sequenza in cui la ragazza va in bagno e vede il suo compagno che si tinge i capelli, per somigliare al suo idolo. Successivamente vi è una scena in cui Stan rientra nella sua camera piena di foto e poster del rapper e scrive una lettera ad Eminem, dove nel testo della canzone viene raccontata e gli dice subito che apprezza molto ciò che lui fa come artista, narrando di quando lo incontrò, raccontandogli anche dei problemi e dei litigi che aveva frequentemente con la fidanzata, del tatuaggio con la scritta "Slim Shady" che si era fatto (tutto ciò nel video viene visto in flashback); successivamente inizia a scrivere un'altra lettera dove gli chiede di rispondergli dicendo di quando nel backstage di un concerto non fece l'autografo al fratellino di 6 anni.

Poi si vede una scena dove registra arrabbiato un messaggio da inviare a Eminem mentre guida, molto arrabbiato e ubriaco e sotto effetto di psicofarmaci gli dice che non gli scriverà più niente poiché lui non gli ha mai risposto e dicendo che ha strappato tutte le foto che aveva del rapper e legando la fidanzata nel bagagliaio sperando che soffochi, successivamente a causa della pioggia perde il controllo della vettura e cade da un ponte con la macchina.

La scena finale mostra il rapper leggere le lettere speditagli da Stan e che inizia a scrivergli una lettera chiedendogli scusa se non aveva fatto l'autografo al fratellino, dicendo che non voleva assolutamente snobbarlo e che aveva un suo berrettino con l'autografo pronto ad inviarglielo, dicendo che è onorato che sia suo fan ma che deve rivolgersi a uno psicologo per gli sfoghi che ha e che deve trattare bene la fidanzata incinta sperando che gli arrivi in tempo, prima che si faccia del male, dicendo che un paio di settimane prima al notiziario vide una notizia che lo fece stare male. Un ubriaco che guidava la sua macchina su un ponte con la sua ragazza nel bagagliaio e lei era incinta del suo bambino. E nella macchina hanno trovato un nastro ma non dicevano a chi era indirizzato. Successivamente il rapper alza la testa e vede nel televisore che l'ubriaco che era andato fuori controllo si chiamava Stan.

Il video è stato ben accolto dalle reti musicali (soprattutto MTV), ed è uno dei più famosi del rapper di Detroit. Fu nominato agli MTV Video Music Awards nel 2001, come MTV Video Music Award for Best Video of the Year, MTV Video Music Award for Best Direction, MTV Video Music Award for Best Male Video, MTV Video Music Award for Best Rap Video e MTV Video Music Award for Best Cinematography, ma senza vincere nessuno di tali premi.

Censura[modifica | modifica wikitesto]

Nella versione "pulita" di MTV, la canzone e il video sono stati censurati. Sono state rimosse porzioni significative dai primi due versi e la maggior parte del terzo verso. MTV ha anche tagliato tutte le tracce della fidanzata di Stan legata nel bagagliaio dell'auto e ha rimosso una scena che mostrava la vodka mentre guidava. Nella versione completa di MTV, che è lunga 8:15, vengono censurate molte frasi relative alla ragazza nel bagagliaio, o di Stan che dice di averla legata perché "se soffoca, soffrirà di più, ma tanto morirà comunque".

Dido ha dichiarato di essere stata imbavagliata nella terza strofa del video,[12]ma questa scena è stata censurata così fortemente che la versione che la vede imbavagliata è rara.[13] Nella versione non censurata, Stan viene mostrato mentre beve al volante dell'auto prima di mostrare Dido che lotta nel bagagliaio dell'auto. Riesce a rimuovere il nastro adesivo dalla bocca e urla prima di lottare per respirare. La maggior parte delle versioni è stata censurata in modo che ci sia solo una breve scena di Dido nel bagagliaio dell'auto verso la fine del verso. Inoltre la censura avviene anche quando Stan dice di aver "bevuto un quinto di vodka", con relativo taglio del video in cui beve mentre guida. La fine della terza strofa, "Beh, devo andare, sono quasi al ponte ora" è cambiata in "Bene, devo andare, sono quasi alla fine del ponte ora". Nella quarta strofa, la frase "E che cos'è questa storia di noi che dovremmo stare insieme?" è completamente censurata. Tutti i riferimenti alla ragazza nel bagagliaio sono censurati, compresa la frase: "E aveva la sua ragazza nel bagagliaio, ed era incinta".

Nella versione breve di MTV, che è stata utilizzata per gli airplay radiofonici a causa della lunghezza del brano originale, diverse parti sono completamente tagliate. Nella terza strofa manca la parte in cui Stan dice di bere vodka mentre guida e cita In the Air Tonight di Phil Collins, oltre alla frase "Hey Slim, ho bevuto un quinto di vodka, mi sfidi a guidare?" e "Spero che tu sappia che ho strappato tutte le tue foto dal muro".[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]