Hunico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Jorge Arias)
Hunico
Arias mentre interpreta il personaggio di Sin Cara nell'aprile 2014.
Arias mentre interpreta il personaggio di Sin Cara nell'aprile 2014.
Nome Jorge Arias
Ring name Hunico
Incognito
Jorge Arias
Sin Cara (II)
Sin Cara Negro
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita El Paso
5 agosto 1977
Altezza dichiarata 175 cm
Peso dichiarato 93 kg
Debutto 21 novembre 1999
Federazione WWE
Progetto Wrestling

Jorge Arias (El Paso, 5 agosto 1977) è un wrestler statunitense, di origini messicane.

Attualmente sotto contratto con la WWE, lotta con il ring name di Sin Cara. Precedentemente era noto come Hunico.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nato da genitori emigranti di origine spagnola a El Paso, inizia a lottare con il nome di Incognito nella Burges High School dove vince diversi titoli scolastici. Debutta in messico in CMLL con il nome di Mistico, ma c'era già un altro wrestler che si chiamava così. Quindi, cambia il suo nome in Mystico e successivamente in Mystico de Juarez. Il 2 febbraio 2004, sconfigge Nicho El Millonario laureandosi WWA Middleweight Champion.

Asistencia Asesoría y Administración (2004–2005)[modifica | modifica wikitesto]

Ad inizio 2004 inizia a lavorare per l' Asistencia Asesoría y Administración (AAA), la federazione rivale della CMLL. Torna ad usare il nome di Incognito e si allena nella scuola della AAA per migliorare ulteriormente. Dal 2005, lascia le federazioni messicane per lavorare in alcuni circuiti indipendenti statunitensi, sfruttando il fatto di essere di origine Texane e, al contrario di alcuni suoi colleghi messicani, sapeva parlare perfettamente l'inglese.

Total Nonstop Action Wrestling (2006)[modifica | modifica wikitesto]

Incognito fa il suo debutto negli Stati Uniti, partecipano all'edizione 2006 del Total Nonstop Action Wrestling's (TNA) World X-Cup Tournament. Incognito forma una stable messicana con Shocker, Magno e Puma. L'unico match di Incognito nella World Cup tournament è stato il gautlet match a 16 uomini dove viene eliminato da Sonjay Dutt. Il Team Mexico chiude al terzo posto su quattro team, dietro al Team USA e al Team Canada ma davanti al Team Japan. Dopo questa apparizione in TNA inizia a lavorare per la National Wrestling Alliance (NWA), dove combatte in coppia con Sicodélico Jr. Partecipano al torneo per decretare i primi NWA World Tag Team Champions ma perdono in finale con Joey Ryan e Karl Anderson in finale. Il match includeva anche la squadra di Billy Kidman e Sean Waltman.

Chikara (2007–2008)[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 settembre 2007, Incognito debutta nella Chikara, una federazione di Lucha Libre, dove partecipa al 16-man tournament cibernetico. Incognito si unisce alla squadra di wrestler mascherati che però viene sconfitta dalla squadra americana dei Kings of Wrestling. Ritorna nel 2008, vincendo un torneo a 32 uomini, dove sconfigge Helios in finale il 18 maggio 2008.

World Wrestling Entertainment/WWE[modifica | modifica wikitesto]

Florida Championship Wrestling (2009–2011)[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 dicembre 2009, effettua un try-out per la WWE sotto il nome di Jorge Arias, suo vero nome. Cambia il suo nome in Hunico e forma un tag team con Tito Colon (che durante la partnership assume il nome di Epico). I due vincono gli FCW Florida Tag Team Championship sconfiggendo Gli Usos il 3 giugno 2010. Perdono i titoli un mese dopo contro Michael McGillicutty e Kaval, ma li rivincono la sera dopo in un rematch. Il 12 agosto perdono definitivamente i titoli per mano di Johnny Curtis e Derrick Bateman in un three-way match che includeva anche la squadra di Brodus Clay e Donny Marlow.

Faida con Sin Cara Azul (2011)[modifica | modifica wikitesto]

Hunico approda a Smackdown per interpretare Sin Cara, in quanto Ignascio Alvirde vero portatore della maschera, è stato sospeso per non aver superato il Wellness Program. Il 12 agosto debutta a SmackDown! sconfiggendo Tyson Kidd.

Nella puntata di SmackDown del 19 agosto, partecipa alla battle royal per decretare lo sfidante di Randy Orton a WWE Night of Champions per il World Heavyweight Championship ma viene eliminato per ultimo da Mark Henry. Il 20 agosto, Alvirde ritorna dalla sospensione. Sei giorni dopo, viene riportato che Alvirde è stato mandato a casa durante i tapings di martedì 24, e ad interpretare Sin Cara è stato nuovamente Hunico, che ha sconfitto Heath Slater.

Il 16 settembre, dopo essersi fatto squalificare per eccessiva violenza contro Daniel Bryan, il vero Sin Cara torna per confrontarsi col "fake" Sin Cara. Nella puntata di SmackDown del 23 settembre il falso Sin Cara interviene nel match fra Daniel Bryan e il vero Sin Cara, prendendo il posto di quest'ultimo e vincendo il match. A Hell in a Cell viene sconfitto dal Sin Cara originale. Nonostante ciò, il feud continua con l'attacco del Black Sin Cara ai danni del vero Sin Cara dopo il match di quest'ultimo contro Alberto Del Rio.

La loro rivalità termina in un Mask vs Mask match nella puntata di SmackDown del 21 ottobre, svoltasi a Città del Messico, dove il Sin Cara originale ha vinto, costringendo 'Black Sin Cara' a smascherarsi.

Team con Camacho (2011–2013)[modifica | modifica wikitesto]

Hunico in un match contro Tyson Kidd.

Nella puntata di SmackDown del 28 ottobre viene intervistato, mostrando il volto scoperto, da Matt Striker, dove rivela che il suo ring name sarà Hunico. Inoltre è pronto a vendicarsi su Sin Cara.Alle Survivor Series 2011 nel tradizionale 5 on 5 Elimination Tag Team Match viene eliminato da Randy Orton nelle battute finali. Nella puntata di Superstars del 15 dicembre, si presenta con un nuovo manager, Camacho e sconfigge Trent Baretta. A inizio 2012, inizia una faida con Ted DiBiase che vincerà infortunandolo gravemente.Partecipa al Royal Rumble Match 2012 nell'omonimo pay-per-view entrando con il numero 16 ma viene eliminato dalla rientrante Kharma.A No Way Out viene sconfitto da Sin Cara.A Money in the Bank, Hunico e Camacho, vengono sconfitti dai campioni di coppia Kofi Kingston e R-Truth.

Ritorno come Sin Cara (2013–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di Raw del 2 dicembre torna nei panni di Sin Cara sconfiggendo Alberto Del Rio. Nella puntata di SmackDown del 20 dicembre batte Drew McIntyre. Nella puntata di Raw del 23 dicembre batte Curtis Axel. Nella puntata di Main Event del 19 febbraio, Sin Cara e i Los Matadores vengono sconfitti dallo Shield. A WrestleMania XXX partecipa alla André The Giant Memorial Battle Royal non riuscendo a vincerla. Nella puntata di SmackDown del 23 giugno viene sconfitto dal debuttante Bo Dallas. Partecipa alla Battle Royal per il vacante WWE Intercontinental Championship a Battleground, poi vinta da The Miz, venendo eliminato da Bo Dallas. Nella puntata di SmackDown dell'8 agosto sconfigge Damien Sandow.

The Lucha Dragons (2014-presente)[modifica | modifica wikitesto]

A NXT Takeover: Fatal 4-Way, Sin Cara e Kalisto sconfiggono gli Ascension diventando i nuovi NXT Tag Team Championship. Nella puntata di Superstars del 13 novembre, sconfigge Curtis Axel. Nella puntata di SmackDown del 14 novembre, perde contro Bray Wyatt. L'11 dicembre a NXT TakeOver: R Evolution, i Lucha Dragons mantengono i titoli di coppia sconfiggendo i Vaudevillains. Nella puntata di NXT registrata il 15 gennaio 2015, Sin Cara e Kalisto perdono i NXT Tag Team Championship contro Buddy Murphy e Wesley Blake. Alla Royal Rumble, partecipa al Royal Rumble match con il numero 8 resistendo nella contesa 38 secondi prima di essere eliminato da Bray Wyatt. A NXT TakeOver: Rival, i Lucha Dragons vengono nuovamente sconfitti da Murphy e Blake non riuscendo a conquistare i titoli di coppia. Nella puntata di Main Event del 10 febbraio, viene sconfitto da Cesaro. La settimana successiva a Main Event, insieme a Kalisto sconfigge Heath Slater e Curtis Axel.

A WrestleMania 31, prende parte alla seconda Battle Royal in onore di André the Giant ma viene eliminato da Cesaro. Nella puntata di Raw successiva al pay-per-view Sin Cara, Kalisto, Big E e Kofi Kingston sconfiggono Cesaro, Tyson Kidd, Konnor e Viktor. La settimana successiva a Raw, i Lucha Dragons sconfiggono i due membri del New Day, Xavier Woods e Big E. Nella puntata di Main Event del 21 aprile, i Lucha Dragons sconfiggono gli Ascension. Nella puntata di SmackDown del 7 maggio, sconfiggono i Los Matadores. Nella puntata di Main Event del 30 giugno, battono Heath Slater e Bo Dallas. Ad Elimination Chamber, i Lucha Dragons prendono parte al primo tag team Elimination Chamber match di sempre per i WWE Tag Team Championships, che viene vinto dai campioni di coppia, i New Day. Nella puntata di SmackDown del 25 giugno, Sin Cara, Kalisto ed i Prime Time Players sconfiggono il New Day e Bo Dallas. I Lucha Dragons riescono sempre a trionfare contro il New Day in match non titolati, fallendo al contrario l'assalto ai titoli in numerose occasioni, come a TLC del 13 dicembre e nella puntata di SmackDown del 22 dicembre. Il 28 dicembre subisce un infortunio alla spalla sinistra a seguito del match contro Big E del New Day. Torna nella puntata di Raw dell'8 febbraio insieme a Kalisto ma i due vengono sconfitti da Rusev e Alberto Del Rio. I Lucha Dragons poi iniziano apertamente una faida con la League of Nations (Alberto del Rio, Rusev, Sheamus e King Barrett). Nella puntata di Raw del 15 febbraio, affiancati da Neville, vengono sconfitti da Del Rio, Rusev e Sheamus. Il 18 febbraio, a SmackDown, questi ultimi trionfano ancora sui Lucha Dragons, questa volta affiancati da Dolph Ziggler. Il 14 marzo a Raw viene sconfitto da Ryback. Per decisione di Stephanie McMahon, prenderà parte al Ladder match per l'Intercontinental Championship assieme al campione Kevin Owens, Sami Zayn, Stardust, The Miz, Zack Ryder e Dolph Ziggler a WrestleMania 32. Nella puntata di Raw del 28 marzo sconfigge, insieme a Ziggler e Zayn, Owens, Stardust e The Miz.
A WrestleMania 32 del 3 aprile Sin Cara ha preso parte al Ladder match per l'Intercontinental Championship ma il titolo è stato vinto da Zack Ryder.[1]
I Lucha Dragons tornano insieme nella puntata di SmackDown del 7 aprile dove affrontano i Vaudevillains (Aiden English e Simon Gotch), loro vecchi avversari ad NXT, al loro match di debutto ma vengono sconfitti. Nella puntata di Raw dell'11 aprile viene indetto un torneo per decretare i contendenti n° 1 ai WWE Tag Team Championships detenuti dal New Day: i Lucha Dragons affrontano ai quarti di finale i Dudley Boyz ma, a seguito di un leggero infortunio di Kalisto durante il match, Sin Cara è stato costretto a lottare da solo, venendo però schienato da Bubba Ray Dudley dopo una 3D con D-Von Dudley, causando dunque la sconfitta e l'eliminazione dei Lucha Dragons. Nella puntata di Raw del 2 maggio Sin Cara ha preso parte ad una 20-man Battle Royal per determinare il contendente n°1 allo United States Championship, detenuto dal compagno Kalisto, ma è stato eliminato da Alberto Del Rio.[2] Nella puntata di Raw del 9 maggio sconfigge Rusev tramite roll-up grazie all'intervento di Kalisto. Il 12 maggio a SmackDown, però, Sin Cara viene battuto da Rusev a causa dell'intervento di Lana ai danni di Kalisto. Il 19 giugno nel Kickoff di Money in the Bank i Lucha Dragons hanno trionfato sui Dudley Boyz.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Hunico Esegue la Falling Star.

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Con Kalisto

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

  • "Ancient Spirit" - Jim Johnston (come Impostor Sin Cara, 2011; come Sin Cara, 2013–2014)
  • "Ancient Spirit (black remix)" - Jim Johnston, (come Sin Cara Negro, 2011)
  • "Maldición" - Jim Johnston, (come Sin Cara Negro, 2011)
  • "Gangsta" - Jim Johnston, (Come Hunico, usata per due settimane, nel 2011)
  • "Respeto" - Reychesta Secret Weapon, (come Hunico, 2011–2014)
  • "Lucha Lucha" dei CFO$ (usata come membro dei Lucha Dragon; 2014-presente)

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Chikara

  • King of Trios (2008) - con El Pantera e Lince Dorado
  • Rey de Voladores (2008)

World Wrestling Association

  • WWA Middleweight Championship (1)

Florida Championship Wrestling

Pro Wrestling Illustrated

  • 92° tra i 500 migliori wrestler singoli nella PWI 500 (2012)

NXT

World Wrestling Entertainment/WWE

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Anthony Benigno, Zack Ryder def. Kevin Owens, Sami Zayn, Dolph Ziggler, Stardust, The Miz and Sin Cara to become the new Intercontinental Champion, su wwe.com, WWE, 3 aprile 2016. URL consultato il 5 aprile 2016.
  2. ^ (EN) Anthony Benigno, Rusev won a Battle Royal to become No. 1 Contender for the U.S. Championship, su wwe.com, WWE, 2 maggio 2016. URL consultato l'8 giugno 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • WWE, wwe.com. URL consultato il Profile.