Iole (mitologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Iole con Eracle nella casa di Eurito, come rappresentato nel VII secolo Eurito cratere, Louvre. Il nome di Iole è in arcaica greca e legge FIOLA ("Viola"), con digamma e un tipo di locale iota di una forma Σ. Si trova sotto il nome di Eracle in alto a destra dell'immagine.

Iole è una figura della mitologia greca, era figlia di Eurito, re di Tessaglia.

Venne rapita da Eracle e per causa sua l'eroe greco morì. La moglie di Eracle, Deianira, inviò ad Eracle una veste intrisa del sangue del centauro Nesso che avrebbe dovuto far sì che l'eroe non si innamorasse di altra donna che lei, ma che una volta indossate corrose le carni del figlio di Zeus fino a portarlo alla morte. Eracle impose al figlio Illo di andare sul colle dell'Eta, caro a Zeus, di fare una pira con legno di quercia e di porlo sopra di essa. Infine, prima di esalare l'ultimo respiro, fece promettere al figlio che avrebbe sposato la bellissima Iole.

Nel Palazzo Ducale di Urbino è rappresentata una statua raffigurante Eracle e Iole vicini ad un caminetto.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND: (DE1061068021
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca