Epicari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Epicari fu una liberta che partecipò alla congiura pisoniana contro Nerone.

Publio Cornelio Tacito negli Annales afferma che lei cercò di convincere Volusio Proculo o Valerio Proculo, un ufficiale neroniano, ad uccidere l'imperatore.

L'ufficiale invece svelò la congiura. Epicari fu arrestata ma negò la congiura. Torturata, si suicidò per non fare i nomi dei congiurati.

Un esempio di grande coraggio riferito dallo stesso Tacito, è la morte di Epicari, suicida pur di non rivelare i nomi dei complici dopo essere stata più volte torturata: "Fulgido esempio di eroismo, dato da una donna, una liberta, che in un così grande pericolo volle proteggere degli estranei e quasi degli sconosciuti, mentre degli uomini nati liberi, dei cavalieri e dei senatori romani, senza essere sottoposti a tortura, tradivano ognuno le persone più care"

Giovanni Boccaccio la cita nel suo libro sulle donne illustri "De mulieribus claris".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tacito, Annales, XV,57.
Controllo di autoritàVIAF (EN78304597 · LCCN (ENnb2007002864