Epicari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Epicari fu una liberta che partecipò alla congiura pisoniana contro Nerone.

Publio Cornelio Tacito negli Annales afferma che lei cercò di convincere Volusio Proculo o Valerio Proculo, un ufficiale neroniano, ad uccidere l'imperatore.

L'ufficiale invece svelò la congiura. Epicari fu arrestata ma negò la congiura. Torturata, si suicidò per non fare i nomi dei congiurati.

Un esempio di grande coraggio riferito dallo stesso Tacito, è la morte di Epicari, suicida pur di non rivelare i nomi dei complici dopo essere stata più volte torturata: "Fulgido esempio di eroismo, dato da una donna, una liberta, che in un così grande pericolo volle proteggere degli estranei e quasi degli sconosciuti, mentre degli uomini nati liberi, dei cavalieri e dei senatori romani, senza essere sottoposti a tortura, tradivano ognuno le persone più care"

Giovanni Boccaccio la cita nel suo libro sulle donne illustri "De mulieribus claris".

Ippolito D’Aste, drammaturgo ligure (Recco 1809-Genova 1866), compose una tragedia intitolata “Epicari e Nerone”, proponendola come una poetessa greca convertitasi al Cristianesimo ma in realtà allontanandosi dalle fonti storiche. Il personaggio è stato riscoperto proprio negli ultimi anni. Federica Introna, filologa, docente e scrittrice, ne ha fatto la protagonista del suo romanzo storico “La Congiura”, ripresentandola secondo la lezione tacitiana come eroina della libertà.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tacito, Annales, XV,57.
Controllo di autoritàVIAF (EN78304597 · LCCN (ENnb2007002864 · WorldCat Identities (ENnb2007-002864