Illo (figlio di Eracle)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Illo
Funeral of Hercules.jpg
Ercole sulla pira funebre
Nome orig.Ὕλλος
SessoMaschio

Illo (in greco antico: Ὕλλος) è un personaggio della mitologia greca, figlio di Eracle e di Deianira[1] e cresciuto dalla sorella Abia.

E' l'eponimo degli Illiri, un popolo della Dalmazia.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Obbligato dal giuramento fatto al padre in punto di morte sposò Iole[2], che lo rese padre di Cleodeo[3] e delle figlie Evaechme[4], Aristaechme ed Hyllis.

Per Euripide, come racconta nella tragedia Gli Eraclidi, era figlia di Eracle, quindi è sorella di Illo anche Macaria.

Come tutti gli Eraclidi fu perseguitato ed inseguito da re Euristeo fino ad Atene, luogo dove poté respingerlo costringendolo alla fuga. Illo poi lo inseguì ed una volta catturato sul monte Tricorinto gli tagliò la testa facendone dono alla nonna Alcmena[5].

Stabilitosi a Tebe morì sull'istmo di Corinto in un duello con Echemo il re di Tegea e fu sepolto a Megara[6].

Nel suo mito, che presenta comunque molte varianti, sono raffigurate le migrazioni delle tribù doriche e lui stesso, una volta sottomessi Dimante e suo fratello, Panfilo divenne un re dorico[7].

Un'altra tradizione lo indica Illo come figlio di Eracle e della naiade Melite[8] e che nacque avvenne sull'isola dei Feaci.
In questa tradizione, Illo divenuto adulto si trasferì sul continente, dove venne ucciso dai Mentori per una lite sul bestiame.

Secondo altre tradizioni Eracle che per un certo periodo fu tenuto come schiavo da Onfale[9] divenne padre di Illo da lei.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca