Il talento di Mr. Ripley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il talento di Mr. Ripley
Il talento di Mr. Ripley.png
Matt Damon e Jude Law in una scena del film
Titolo originale The Talented Mr. Ripley
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1999
Durata 139 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, thriller
Regia Anthony Minghella
Soggetto dall'omonimo romanzo di Patricia Highsmith
Sceneggiatura Anthony Minghella
Produttore William Horberg, Tom Sternberg
Fotografia John Seale
Montaggio Walter Murch
Musiche Gabriel Yared
Scenografia Roy Walker
Costumi Ann Roth, Gary Jones
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il talento di Mr. Ripley (The Talented Mr. Ripley) è un film del 1999, diretto da Anthony Minghella, tratto dall'omonimo romanzo di Patricia Highsmith, già portato sullo schermo nel 1960 (Delitto in pieno sole, diretto da René Clément).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

1958: Tom Ripley è un giovane americano educato di modesta estrazione. Cede il posto alle signore e ascolta rispettosamente i consigli dei più anziani. Con gli amici è allegro, non ha eguali nell'imitare i personaggi celebri, nel cantare e suonare il piano. Soprattutto tende spesso a mentire pur di mascherare la propria condizione.

Un giorno, ingaggiato come pianista per una festa di ricchi newyorchesi, viene contattato da un ricco armatore, Mr Greenleaf, perché dietro un cospicuo compenso convinca a tornare negli Stati Uniti suo figlio Dickie, il quale vive un esilio dorato in Italia. Tom infatti si è spacciato per un suo compagno di università, avendo indossato un blazer dell'Università di Princeton, fattosi prestare da un amico per l'occasione. Il giovane entra in una gigantesca avventura, raggiungendo Ischia, diventando amico di Dickie e della sua fidanzata Marge.

Tom è incantato dal loro mondo ritenendo di avervi trovato il suo El Dorado, potendo vivervi alle loro spalle. Ben presto realizza come tutto sia effimero e poco sicuro. Dickie è arido, cinico nonché lunatico e comincia ad accusare stanchezza della presenza assidua di Tom, motivata anche dall'inclinazione omosessuale di quest'ultimo.

Durante una gita a Sanremo Dickie vorrebbe troncare la sua amicizia con Tom, ma dopo una violenta lite in barca resta ucciso. Tom decide di prendere la sua identità e il gioco si complica. Per tirarsi fuori da situazioni pericolose, quali sospetti di amici e indagini di polizia, è costretto ad uccidere ancora, a continuare a fingere con la doppia identità, senza alcun genere di pudore o vergogna, compiendo un pericoloso e cinico percorso di formazione fatto di astuzie ed immaginazione, sempre col sorriso sulle labbra.

Luoghi dei set[modifica | modifica wikitesto]

New York, Roma, Penisola sorrentina, Procida, Ischia, Casinò di Anzio (per la scena sanremese), Venezia, Napoli, Monte Argentario, Teatro San Carlo di Napoli, Livorno, Chiesa della Martorana (Palermo)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN189377277 · GND: (DE4735101-9
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema