Ivano Marescotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ivano Marescotti nel 2014

Ivano Marescotti (Villanova di Bagnacavallo, 4 febbraio 1946) è un attore, regista teatrale e drammaturgo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Da Rimini al mondo: il viaggio di Federico Fellini e Tonino Guerra, Emilia Romagna Festival, Abbazia di Pomposa (2020)

Nato a Villanova (comune di Bagnacavallo, nella Bassa Romagna), dopo il diploma conseguito al liceo artistico Nervi-Severini di Ravenna lavora per dieci anni all'ufficio urbanistica del comune di Ravenna. Progetta di iscriversi all'università, poi nel 1981 prende la decisione definitiva: si licenzia ed intraprende l'attività teatrale. Lavora fra gli altri con Leo de Berardinis, Mario Martone, Carlo Cecchi, Giampiero Solari, Giorgio Albertazzi, Marco Martinelli. L'esordio al cinema è datato 1989, con una piccola parte nel film La cintura. Nello stesso anno l'incontro con Silvio Soldini e la partecipazione al film L'aria serena dell'ovest lo convince a dedicarsi prevalentemente al cinema.

Interpreta oltre cinquanta film, lavorando con registi quali Anthony Minghella, Ridley Scott e Roberto Benigni (Johnny Stecchino e Il mostro), nonché Marco Risi, Pupi Avati, Sandro Baldoni, Maurizio Nichetti, Carlo Mazzacurati, Antonello Grimaldi e Klaus Maria Brandauer. La sua attività cinematografica gli frutta 6 candidature al Nastro d'argento, che vince nel 2004 per l'interpretazione nel cortometraggio Assicurazione sulla vita di Tommaso Cariboni e Augusto Modigliani.

Dal 1993 inizia un approfondito lavoro di recupero del romagnolo, tornando in teatro con i testi di Raffaello Baldini, per poi rileggere e riscrivere alla sua maniera grandi come Dante (Dante, un patàca ispirato alla Divina Commedia) e Ariosto (Bagnacavàl, una contaminazione tra il basso romagnolo e l'Orlando Furioso). Nel 1998 appare nel video di Ti lascio una parola Goodbye, canzone dell'album de I Nomadi Una storia da raccontare. Dal 2002 il Comune di Conselice gli assegna in gestione la programmazione del Teatro comunale dove, oltre a gestire un cartellone teatrale nazionale, progetta e produce i suoi spettacoli. Nel 2004 costituisce la Patàka S.r.l. con la quale gestisce le proprie proposte culturali. In King Arthur (2004), con Clive Owen, Keira Knightley e Ioan Gruffudd, interpreta il ruolo del vescovo Germano.

Nel 2006 è nel cast della fiction Rai Raccontami, nella quale interpreta un costruttore edile, Livio Sartori, che interpreterà anche nel secondo capitolo. Nel 2008 partecipa alla fiction I liceali per Mediaset nella parte del prof. Gualtiero Cavicchioli, e al film AlbaKiara nel ruolo del Commissario Guidotti. Nel 2009 partecipa al film Cado dalle nubi, nel quale ricopre il ruolo di un leghista padre della ragazza che ha una relazione con Checco Zalone, il quale interpreta invece un meridionale trasferitosi al nord. Col comico e cantante pugliese reciterà ancora nel film Che bella giornata, uscito nel 2011, interpretando la parte di un colonnello dei Carabinieri.

Nel 2010 ha partecipato al cortometraggio Overbooking diretto da Michele Mortara. Nel 2011 incide, per le edizioni Zanichelli, i 100 canti della Divina Commedia di Dante Alighieri. Nel 2014 si candida alle Elezioni europee con la Lista Tsipras. In piena campagna elettorale la Rai cancella, a sua insaputa, dalla quarta puntata in poi delle sei in totale, le scene di Una buona stagione in cui compariva.[1] Per questa ragione fa causa alla Rai.

Ivano Marescotti ha una figlia, Iliade, nata nel 2003, che ha partecipato al 55º Zecchino d'Oro.

Il 10 febbraio 2022, tramite un post sulla sua pagina Facebook, annuncia la decisione di ritirarsi dalle scene per dedicarsi esclusivamente al «Teatro Accademia Marescotti», la sua scuola di teatro con sede a Ravenna.[2] Il 28 marzo si sposa con la sua compagna a Villanova di Bagnacavallo. Le nozze, con rito civile, si sono celebrate nei locali dell'Ecomuseo delle erbe palustri, dove sono custoditi diversi manufatti nella prima metà del XX secolo, alcuni dei quali realizzati dal padre dell'attore. La cerimonia si è celebrata in romagnolo[3].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il sorvegliante, regia di Francesca Frangipane (1993)
  • Clinicamente fabbro, regia di Matteo Pellegrini (1997)
  • Tourbillon, regia di Matteo Pellegrini (1997)
  • Pensaci, regia di Dario Barezzi (1998)
  • La firma, regia di Stefano Landini (1998)
  • Assicurazione sulla vita di Tommaso Cariboni e Augusto Modigliani
  • Ulisse Futura, regia di Enrico Masi e Stefano Croci (2011)
  • Fine settembre, regia di Alessandro Tamburini (2011), esercizio del III anno del Centro sperimentale di cinematografia nel triennio 2008-2010
  • Serenata, regia di Daniele Zanzari (2013)
  • Sòle in casa, regia allievi del corso di regìa di Fulvio Wetzl (2014)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1993 Premio Miglior attore protagonista al Festival Sulmona Cinema per Il richiamo di Claudio Bondi.
  • 1995 Premio Casa rossa come miglior attore protagonista al Bellaria Film Festival per Strane storie di Sandro Baldoni.
  • 1996 Premio Cinema e società per la qualità delle interpretazioni negli ultimi anni.
  • 1997 Premio Walter Chiari per il cinema.
  • 1998 Premio Linea d'ombra al Festival di Salerno.
  • 2007 Medaglia d'oro Lectura Dantis dalla Società Dantesca di Firenze
  • 2008 Premio migliore attore protagonista per “Italian Dream” di al festival di Santa Marinella - Roma.
  • 2010 Premio alla carriera Città di Riolo Terme per il cinema e il teatro.
  • 2011 Chiave d'oro alle Giornate Professionali di Sorrento per il film: “Che bella giornata”.
  • 2014 Premio Enriquez per il teatro. Miglior attore per “la Fondazione” di Raffaello Baldini.
  • 2014 Premio Dante Alighieri 2014 dalla Società Dante Alighieri, per la diffusione della cultura italiana nel mondo - Firenze
  • 2015 Premio Guidarello 2015 - Ravenna
  • 2016 Premio Università Bocconi
  • 2021 Premio Ermete Novelli - Bertinoro[6]

Opere letterarie[modifica | modifica wikitesto]

Audiolibri[modifica | modifica wikitesto]

  • Fuoriclasse. Poesie e canzoni per bimbi, con Rigel Bellombra, Ed. Il Viandante, 2021.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Europee 2014, Marescotti candidato con Tsipras. Rai taglia le sue scene dalla fiction, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 6 maggio 2014.
  2. ^ Ivano Marescotti, addio alle scene: "Io come Nicholson, a 73 anni lascio", su tgcom24.mediaset.it, 10 febbraio 2022.
  3. ^ “Avguri” alla coppia Marescotti! Il sì tutto romagnolo dell’attore, su corriereromagna.it. URL consultato l'11 aprile 2022.
  4. ^ nei panni di Andrea Palladio nella 4ª puntata della 1ª stagione
  5. ^ nei panni di Plinio il Vecchio
  6. ^ Tutto pronto a Bertinoro per il Rito dell’Ospitalità. A Ivano Marescotti il premio "Ermete Novelli", su forlitoday.it, 4 settembre 2021. URL consultato il 4 febbraio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN73245590 · ISNI (EN0000 0000 3683 127X · SBN RAVV094294 · LCCN (ENn2004044520 · GND (DE1153748991 · WorldCat Identities (ENlccn-n2004044520