Filadelfia (centro sportivo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo stadio parzialmente demolito tra il 1997 e il 1998, vedi Stadio Filadelfia.
Filadelfia
Fila
Stadio Filadelfia.jpg
Ingresso tribune del nuovo stadio Filadelfia
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneVia Filadelfia, 36
10134 Torino
Inizio lavori2015
Inaugurazione2017[1]
CoperturaTribuna centrale
Costo8 000 000
Mat. del terrenoErba
Area totale38 000 
ProprietarioFondazione Stadio Filadelfia
GestoreTorino Football Club
Uso e beneficiari
AllenamentoTorino
(prima squadra, 2017-presente)
Torino
(giovanili, 2017-presente)
CalcioTorino
(giovanili, 2017-presente)
Capienza
Posti a sedere4 000

Il Filadelfia, o più semplicemente Fila, è il centro sportivo di allenamento della squadra di calcio italiana del Torino.

È sito nel quartiere Filadelfia a Torino e sorge sui resti del vecchio Stadio Filadelfia, storico impianto di gioco e di allenamento dei granata demolito in gran parte tra il 1997 e il 1998.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stadio Filadelfia.

La Fondazione Stadio Filadelfia, che l'8 febbraio 2011 acquistò il terreno del vecchio Stadio Filadelfia dal Comune,[2] bandì il successivo 10 novembre un concorso di idee per acquisire proposte volte a ricostruire il vecchio storico impianto, che, nel 1998, era stato demolito in gran parte e i cui vari tentativi di ristrutturazione e ricostruzione, tra il 1985 e il 2005, erano falliti. Il 6 giugno 2014 il presidente del Torino Urbano Cairo, a nome ed a carico della Fondazione Mamma Cairo, diede l'incarico della stesura del Progetto Preliminare agli architetti Eraldo Martinetto e Marco Aimetti; questo progetto venne messo alla base del bando di gara pubblicato il 4 ottobre 2014.[3]

Il Progetto definitivo ed esecutivo fu opera dello Studio PROGECO - Progettazioni Generali, risultato vincitore nella gara di appalto integrato Progettazione e Costruzione vinta dal raggruppamento A.T.I. C.S. Costruzioni S.r.l. e C.I.E.T. S.r.l. [3]

Il progetto di costruzione del nuovo centro sportivo (concepito come «Casa del Toro») venne suddiviso in tre lotti:[3][4]

  1. Il primo lotto era costituito da 2 campi in erba naturale riscaldati; 5 gradinate da 2 000 posti complessivi; una tribuna coperta da 2 000 posti; garage sotterraneo e spogliatoi per la prima squadra, la formazione primavera e gli arbitri; palestra; sala stampa e foresteria per i giovani (costruiti al rustico); restauro della biglietteria storica. I lavori sono stati completati nella primavera del 2017.
  2. Il secondo lotto prevede il restauro dei monconi delle curve; il completamente della sala stampa, della foresteria, del punto ristoro, delle sedi del Torino F.C. e dei 5 spogliatoi mancanti.
  3. Il terzo lotto prevede la realizzazione del museo del Torino su via Giordano Bruno.

Il 17 ottobre 2015 avvenne la posa della prima pietra del nuovo Filadelfia;[5] Il 25 maggio 2017, dopo l'anteprima della giornata precedente,[6] venne inaugurato l'impianto (completo per il lotto 1) alla presenza del sindaco di Torino Chiara Appendino, del presidente della regione Piemonte Sergio Chiamparino e del presidente dei granata Urbano Cairo.[7] Il 1º agosto fu firmato il contratto d'affitto tra la Fondazione Stadio Filadelfia e il Torino F.C.; l'accordo (retroattivamente efficace a partire dal 1º luglio) concedette il Filadelfia alla società granata per una durata ventennale con opzione per altri sei anni, mentre la Fondazione, coi proventi della locazione, potrà completare il secondo e il terzo lotto dei lavori dello stadio.[8]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Campo principale[modifica | modifica wikitesto]

Vista del campo principale

Il campo principale dell'impianto, in erba naturale e riscaldato, è stato realizzato in modo tale da renderlo simile a quello dello Stadio Olimpico Grande Torino, sede delle partite casalinghe dei granata (le dimensioni dei due campi da gioco sono identiche, 105 x 68 m). Può ospitare fino a 4 000 spettatori; la tribuna da 2 000 posti richiama quella del vecchio stadio Filadelfia, a cui si aggiungono le gradinate ai lati del campo per altri 2 000 posti complessivi. Le tribune del nuovo Filadelfia partono dal primo piano e non dal terreno; sotto di esse è infatti situata la palestra che, per volontà del Torino, è stata realizzata rivolta verso il campo e in comunicazione con esso attraverso delle vetrate. Al completamento del secondo lotto saranno inoltre presenti: al primo piano della struttura la sala stampa e la sede della Fondazione Filadelfia; al secondo piano gli uffici del Torino; al terzo piano la foresteria per i giovani.[9]

All'uscita delle scale che portano dagli spogliatoi al terreno (caratteristica presente anche nello storico impianto) è presente un pezzo di erba recuperato dal vecchio Filadelfia.[9]

Per il nuovo stadio Filadelfia, essendo circondato da palazzi di 6-7 piani distanti dal campo pochi metri, l'allora tecnico del Torino Gian Piero Ventura volle nel progetto la realizzazione di un sistema di occultamento da utilizzare per le sessioni di allenamento a porte chiuse; questo è costituito da alcuni teloni che vengono automaticamente "srotolati" quando necessario e riavvolti subito dopo per non privare gli abitanti dei palazzi circostanti della normale luminosità.[10][9]

Ai lati del campo sono visibili i due resti delle tribune del vecchio impianto; dopo il loro restauro è previsto che uno di questi venga lasciato accessibile ai tifosi ed ai Toro Club mentre l'altro usato per il recupero dei giocatori.[9]

Il campo viene anche utilizzato dal Torino Primavera per disputare gli incontri casalinghi di Campionato e Coppa Italia[11]; in queste occasioni le gradinate su via Spano sono riservate alla tifoseria ospite.

Campo secondario[modifica | modifica wikitesto]

Il campo secondario del Filadelfia

Il campo secondario è anch'esso in erba naturale e riscaldato, ma a differenza del campo principale non è dotato del sistema di teloni per le sessioni a porte chiuse. Le dimensioni del terreno sono inoltre di poco inferiori a quelle del campo principale (102 x 62 m). Sono presenti tre file di gradoni per i tifosi. Il campo viene impiegato principalmente per le sedute di allenamento differenziate.[9]

Piazzale della memoria[modifica | modifica wikitesto]

Peculiarità del nuovo impianto è il Piazzale della memoria, un'area situata tra i due campi da gioco e accessibile al pubblico durante gli allenamenti a porte aperte o poche ore prima delle partite casalinghe del Torino[12]. Il piazzale è stato inaugurato il 24 maggio 2017 e comprende al suo interno dodici pennoni alti 7 metri e dotati di luci led[13]. Di seguito l'elenco delle squadre e giocatori simboli del Torino a cui sono dedicati i monumenti:

Monumento commemorativo a Romeo Menti nel Piazzale della memoria

Durante l'inaugurazione è stata apposta anche una targa commemorativa a Don Aldo Rabino, cappellano e padre spirituale del Torino per oltre 40 anni.[14][13]

Lungo la parete che separa il piazzale dal campo secondario sono installati dei pannelli con sopra incisi i nomi delle persone che hanno effettuato donazioni (crowdfunding) alla Fondazione Filadelfia per contribuire alla realizzazione dell'impianto.[15]

Museo[modifica | modifica wikitesto]

Nel progetto è prevista la costruzione del museo del Torino su via Giordano Bruno (attualmente ubicato nella villa seicentesca Claretta-Assandri a Grugliasco), in seguito alla conclusione del terzo ed ultimo lotto.[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Incompleto dei lotti 2 e 3
  2. ^ Il terreno del Fila ai tifosi primo passo per la rinascita, in La Stampa, 9 febbraio 2011, p. 55.
  3. ^ a b c Avvenimenti relativi alla ricostruzione del Filadelfia, su filadelfia.it.
  4. ^ Avanzamento Lavori, su filadelfia.it.
  5. ^ Fabrizio Turco, Torino, in diecimila per la prima pietra del mitico stadio Filadelfia, su repubblica.it, 17 ottobre 2015.
  6. ^ Torino: rinasce il Fila, rinasce lo spirito granata, su tuttosport.com, 24 maggio 2017.
  7. ^ Inaugurazione del nuovo Stadio Filadelfia, su torinotoday.it, 25 maggio 2017.
  8. ^ Stadio Filadelfia firmato il contratto di affitto, su filadelfia.it, 1º agosto 2017.
  9. ^ a b c d e La visita allo Stadio Filadelfia, su youtube.com.
  10. ^ Fila, arrivano l’erba e i teli antispionaggio, su lastampa.it, 23 agosto 2016.
  11. ^ Torino Primavera, su transfermarkt.it.
  12. ^ Il Torino apre il Filadelfia: sarà accessibile prima di ogni partita casalinga, su toronews.net, 8 febbraio 2018.
  13. ^ a b Filadelfia, svelati i pennoni per il Grande Torino, su toro.it, 24 maggio 2017.
  14. ^ Addio a don Aldo, lo storico cappellano del Toro, su lastampa.it, 18 agosto 2015.
  15. ^ Crowdfunding, su insiemeperilfila.it.
  16. ^ Dopo un anno di empasse, la Fondazione Filadelfia ha un nuovo Presidente: Luca Asvisio, su torinosportiva.it, 18 luglio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]