Fallen (Evanescence)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fallen
Artista Evanescence
Tipo album Studio
Pubblicazione 4 marzo 2003
(vedi date di pubblicazione)
Durata 44:19
Dischi 1
Tracce 11
Genere[1] Alternative metal
Nu metal
Post-grunge
Gothic metal
Etichetta Wind-Up Records
Bicycle/Concord
Produttore Dave Fortman
Ben Moody
Registrazione 2002–2003
Conway Recording Studios, Hollywood (California)
Formati CD, CD+DVD, LP, MC, Download digitale
Certificazioni
Dischi d'oro Germania Germania (5)[2]
(vendite: 500 000+)
Italia Italia[3]
(vendite: 25 000+)
Polonia Polonia[4]
(vendite: 35 000+)
Dischi di platino Argentina Argentina (2)[5]
(vendite: 80 000+)
Australia Australia (6)[6]
(vendite: 420 000+)
Austria Austria[7]
(vendite: 30 000+)
Belgio Belgio[8]
(vendite: 50 000+)
Brasile Brasile (2)[9]
(vendite: 250 000+)
Canada Canada (7)[10]
(vendite: 700 000+)
Danimarca Danimarca[11]
(vendite: 40 000+)
Europa Europa (3)[12]
(vendite: 3 000 000+)
Finlandia Finlandia[13]
(vendite: 50 000+)
Francia Francia (2)[14]
(vendite: 600 000+)
Giappone Giappone[15]
(vendite: 250 000+)
Grecia Grecia (2)[16]
(vendite: 40 000+)
Messico Messico[17]
(vendite: 200 000+)
Norvegia Norvegia[18]
(vendite: 40 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (5)[19]
(vendite: 75 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[20]
(vendite: 80 000+)
Regno Unito Regno Unito (4)[21]
(vendite: 1 200 000+)
Russia Russia[22]
(vendite: 20 000+)
Spagna Spagna[23]
(vendite: 100 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (7)[24]
(vendite: 7 000 000+)
Svezia Svezia[25]
(vendite: 60 000+)
Svizzera Svizzera (2)[26]
(vendite: 80 000+)
Evanescence - cronologia
Album precedente
(2000)
Album successivo
(2006)
Singoli
  1. Bring Me to Life
    Pubblicato: 22 aprile 2003
  2. Going Under
    Pubblicato: 9 settembre 2003
  3. My Immortal
    Pubblicato: 8 dicembre 2003
  4. Everybody's Fool
    Pubblicato: 7 giugno 2004

Fallen è un album in studio della gothic metal band statunitense Evanescence, pubblicato il 4 marzo 2003 sotto l'etichetta discografica Wind-up Records. Nonostante sia stato preceduto da Origin tre anni prima, è considerato l'album di debutto della band soprattutto perché è stato il loro primo elemento discografico ad essere stato pubblicato in tutto il mondo.

È diventato il disco di maggior successo del gruppo, stazionando per circa cento settimane nelle classifiche statunitensi. È stato inoltre certificato dalla RIAA come disco di platino nell'aprile 2003[24], doppio platino nel giugno 2003[24] e triplo platino nell'ottobre 2003[24]. L'anno successivo è stato certificato platino per la quarta volta a gennaio, quinta volta ad aprile[24] e sesta volta a novembre[24]. Ha riscosso un successo mondiale dominando le classifiche musicali di più di dieci paesi. L'album ha valso al gruppo cinque nomination ai Grammy Awards del 2004, come Album dell'anno, miglior album rock, miglior canzone rock, miglior interpretazione hard rock e miglior artista esordiente, vincendo nelle categorie miglior artista esordiente e miglior interpretazione hard rock.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Per preparare il materiale di Fallen sono occorsi otto anni. La band ha integrato alcune demo registrate prima delle sedute di registrazione dell'album.

La band ha registrato l'album in più sedi, tra cui i Track Record Inc. & NRG Recording Studios, gli Ocean Studios e i Conway Recording Studios, situati tutti in California. Le prime registrazioni di Fallen sono state eseguite negli Ocean Studios a Burbank, in cui è stata realizzata in buona parte Bring Me to Life per la colonna sonora del film Daredevil.

Tematiche[modifica | modifica wikitesto]

« Non ho voluto farlo sembrare troppo artefatto. Adoro la musica elettronica e adoro le manomissioni digitali, ma ho voluto per prima cosa farci stabilire come una vera rock band. E noi abbiamo ricoperto tutte queste parti: gli accordi sono veri, i cori sono veri, il pianoforte è vero. [...] Penso che uno degli aspetti più positivi dell'album sia che è come guardare un film dall'inizio alla fine." »
(Ben Moody analizza Fallen.)

Going Under apre l'album e parla di una relazione infranta e superata. Fu l'ultimo ad essere scritto per Fallen ed era stato annunciato come primo singolo, ma infine fu scelto come secondo.

Bring Me to Life, scritta ancora dalla Lee, fu ispirata da un incidente che le capitò mentre sedeva in un ristorante. Poco tempo fa, Lee spiegò di averla dedicata ad un suo vecchio amico, e attuale marito, Josh. Diversi religiosi si sforzarono di darle un significato cristiano, leggendo nel testo il cammino dell'anima per arrivare a Dio.

La sorella di Amy, Carrie Lee, era affascinata dalle popstar Britney Spears e Christina Aguilera e questo ispirò Everybody's Fool. Lee disse che Carrie, che al tempo aveva otto anni, iniziò a vestirsi come le due star, e ciò infiammò la Lee.

My Immortal fu scritta dal chitarrista del gruppo, Ben Moody, e Lee aggiunse solo il bridge. Per l'autore, il brano parla di uno spirito che vaga dopo la morte, rimane al tuo fianco e ti caccia per non lasciarti mai più solo. Ben riportò sul fascicolo contenuto in Fallen di averlo dedicato al nonno, Bill Holcomb.

Haunted è basata su un racconto scritto da Ben Moody che ispirò Lee nel testo. Parla di una bambina rimasta intrappolata in un castello che si trasforma in un disordinato guazzabuglio. La storia fu mandata in rete da Moody su EvBoard.com.

Hello fu scritta in memoria della sorella di Lee, come Like You in The Open Door.

Tourniquet, scritta da Rocky Gray per il suo gruppo Soul Embraced, lancia un messaggio cristiano con la tematica del suicidio. È letto dalla prospettiva di un uomo che ha appena commesso un atto suicida.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

I critici musicali hanno alternato recensioni miste ad altre positive del disco. Johnny Loftus di AllMusic ha dato all'album un punteggio di tre stelle e mezzo su cinque e ha detto "l'album presenta inserti di nu-metal riservati agli adulti (Everybody's Fool, Going Under). Ma è il gothic rock sinfonico di gruppi come i Type O Negative che influenza la gran parte di Fallen". Entertainment Weekly ha anch'esso dato un buon responso, assegnando al disco il B-, e ha dichiarato che "il genere ormai troppo vecchio per essere chiamato nü-metal non esagera decisamente per capaci vocalisti con la spina dorsale - facciamo per ora l'esempio delle donne. Amy Lee, leader della tetra rock band dell'Arkansas, gli Evanescence, è un'eccezione".[27] Kirk Miller dal Rolling Stone ha dato una recensione più critica al disco, insignendolo di tre stelle su cinque, e ha detto che "quando la leader Amy Lee canta di giacere 'nel mio campo di fiori di carta' e di 'versare rimorsi', lei dona a Fallen una raccapricciante sfumatura spirituale che manca nei ragazzi new-metal".[28] Adrien Begrand di PopMatters si è mosso su un sentiero negativo, sostenendo che l'album è "praticamente privo di fantasia ed insignificante come qualsiasi altra cosa nel suo genere, ha una piccola manciata di momenti trascendentali, ma anche una devastante scarsità di avventurosità musicale". Egli ha nonostante tutto esaltato la voce "sublime, incantevole e angelica" di Amy Lee, e ha dichiarato che gli "Evanescence non sarebbero niente" senza di lei.[29] Christa Titus della rivista Billboard ha analizzato Fallen ribattezzandolo come un "contratto studiato a fondo".[30]

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Evanescence che suonano nel 2003 a Barcellona.

Fallen ha riscosso un sorprendente successo planetario, vendendo oltre 20 milioni di copie in tutto il mondo[senza fonte]. Il Cd ha debuttato alla numero 7 nella Billboard 200 con oltre 141.000 copie vendute nella prima settimana.[31] Fallen trascorse centoquattro settimane nella Billboard 200, cinquantotto delle quali tra le venti posizioni più alte, salendo sino al terzo posto il 14 giugno 2003. Quando la lasciò, Fallen sostò nella classifica Billboard Top Pop Catalog oltre duecentoventitré settimane. Poi rientrò nella classifica degli album più venduti in America il 13 marzo 2010 al centonovantaduesimo posto. Fallen si posizionò diciannovesimo tra i migliori album del decennio nella Billboard 200.

Fallen fu l'ottavo disco più venduto degli Stati Uniti nel 2004, con circa 2.6 milioni di copie vendute. L'album arrivò a vendere oltre 7 milioni di copie in America sino a luglio 2009, e oltre 15 milioni in tutto il mondo.

Controversia con le case discografiche cristiane[modifica | modifica wikitesto]

Gli Evanescence erano stati originariamente promossi nei negozi di dischi cristiani. Tuttavia il gruppo ha negato di far parte del genere Christian rock, come invece i colleghi artisti della Wind-up Records dei Creed. Ad aprile 2003 il presidente della Wind-up Records, Alan Meltzer, inviò una lettera alla radio cristiana e ai punti di rivendita spiegando che "nonostante la sfumatura spirituale che ha acceso l'interesse e la frenesia delle comunità religiose cristiane", gli Evanescence "sono una band laica e vedono la loro musica come puro intrattenimento"[32] Perciò ha specificato che la Wind-up "crede con certezza che non appartengano più ai mercati cristiani". Quasi immediatamente dopo il recapito della lettera, molte stazioni radio cristiane tolsero Fallen dalle loro playlist.[32] Terry Hemmings, presidente della casa di distribuzione di musica cristiana, la Provident, ha espresso la sua perplessità a proposito della doppia faccia della band, sostenendo che "loro sapevano chiaramente che l'album sarebbe stato venduto in questi punti di vendita cristiani".[33] Nel 2006, Amy Lee si è difesa dalle accuse, dichiarando in un'intervista con Billboard di essere stata contraria sin dall'inizio ad essere considerata parte di una "band cristiana"[34][35].

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Da Fallen sono stati estratti quattro singoli ufficiali: Bring Me to Life, che è stato inserito nella colonna sonora del film Daredevil, Going Under, My Immortal e Everybody's Fool. Per ognuno dei quattro singoli è stato realizzato un videoclip. Il video di My Immortal è stato diretto da David Mould, mentre i restanti tre sono stati diretti da Philipp Stölzl. Nel giugno 2004 è stata inoltre pubblicata, in Germania e in Spagna, come singolo promozionale, la canzone Imaginary, di cui non è stato realizzato nessun video.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

I crediti sono adattati al booklet dell'album[36] (non corrispondono ai crediti indicati nei booklet di Anywhere but Home[37] e dei singoli[38]).

  1. Going Under – 3:34 (Ben Moody, Amy Lee, David Hodges)
  2. Bring Me to Life (feat. Paul McCoy) – 3:57 (Ben Moody, Amy Lee, David Hodges)
  3. Everybody's Fool – 3:15 (Ben Moody, Amy Lee, David Hodges)
  4. My Immortal – 4:24 (Ben Moody, Amy Lee)
  5. Haunted – 3:06 (Ben Moody, Amy Lee, David Hodges)
  6. Tourniquet – 4:38 (Ben Moody, Amy Lee, David Hodges, Rocky Gray)cover dei Soul Embraced
  7. Imaginary – 4:17 (Ben Moody, Amy Lee)
  8. Taking Over Me – 3:49 (Ben Moody, Amy Lee, David Hodges, John LeCompt)
  9. Hello – 3:40 (Ben Moody, Amy Lee, David Hodges)
  10. My Last Breath – 4:07 (Ben Moody, Amy Lee, David Hodges)
  11. Whisper – 5:27 (Ben Moody, Amy Lee)
Bonus tracks
  1. Farther Away[39] – 3:58 (Ben Moody, Amy Lee, David Hodges)
  2. My Immortal (Band Version[40]) – 4:33 (Ben Moody, Amy Lee)
Outtakes
  1. Breathe No More[41] – 3:49 (Amy Lee)
  2. Missing[42] – 4:16 (Ben Moody, Amy Lee, David Hodges)
Limited edition DVD
  1. Bring Me to Life (video)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2003) Posizione
Australia[54] 15
Austria[55] 17
Belgio (Fiandre)[56] 38
Belgio (Vallonia)[57] 17
Finlandia[58] 16
Francia[59] 10
Germania[60] 9
Italia[61] 13
Nuova Zelanda[62] 6
Paesi Bassi[63] 23
Regno Unito[64] 15
Spagna[65] 15
Stati Uniti[66] 8
Svezia[67] 5
Svizzera[68] 3
Classifica (2004) Posizione
Australia[69] 7
Austria[70] 15
Belgio (Fiandre)[71] 12
Belgio (Vallonia)[72] 16
Finlandia[73] 59
Francia[74] 20
Germania[75] 10
Italia[76] 41
Nuova Zelanda[77] 14
Paesi Bassi[78] 10
Regno Unito[79] 59
Stati Uniti[80] 6
Svezia[81] 39
Svizzera[82] 15

Date di pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Paese Data di pubblicazione Etichetta Formato Catalogo
Stati Uniti[83] 4 marzo 2003 Wind-up Records CD, download digitale 60150-13063-2
Canada[84] 1º aprile 2003 Wind-up Records, Epic Records EK 91746
Austria[85] 28 aprile 2003 WIN 510879 2
Germania[85]
Regno Unito[85] WIN 687043 2
Australia[86] 19 maggio 2003 510879200
Francia[85] 20 maggio 2003 WIN 510879 2
Giappone[87] 7 luglio 2003 Epic/Sony Records EICP-253
9 settembre 2003 Limited Edition CD+DVD EICP-242
Austria[85] 26 gennaio 2004 Wind-up Records, Epic Records Ristampa WIN 510879 9
Germania[85]
Francia[85] 4 febbraio 2004
Regno Unito[85] 23 febbraio 2004
Austria[85] 25 settembre 2009 Wind-up Records, EMI WIN 687043 2
Germania[85]
Regno Unito[85] 28 settembre 2009
Francia[85] 5 ottobre 2009
Giappone[87] 12 ottobre 2011 EMI Music Japan Limited Edition TOCP-54276
Stati Uniti[83] 21 maggio 2013 Wind-up Records Remastered LP (Black and purple) 60150-13359-1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Johnny Loftus, Fallen - Evanescence, Allmusic.com. URL consultato il 23 gennaio 2011.
  2. ^ Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 15 novembre 2014.
  3. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato l'8 settembre 2015.
  4. ^ (PL) przyznane w 2004 roku, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 15 novembre 2014.
  5. ^ (ES) Discos de Oro y Platino, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 15 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  6. ^ (EN) ARIA Charts – Accreditations – 2004 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 15 novembre 2014.
  7. ^ (DE) Gold & Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 15 novembre 2014.
  8. ^ (NL) Ultratop − Goud en Platina – 2004, Ultratop. URL consultato il 15 novembre 2014.
  9. ^ (BR) Certificados, Associação Brasileira dos Produtores de Discos. URL consultato il 15 novembre 2014.
  10. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 15 novembre 2014.
  11. ^ (DA) Album Top-40 - Uge 15 - 2004, Hitlisterne.NU. URL consultato il 15 novembre 2014.
  12. ^ IFPI Platinum Europe Awards – 2004, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 15 novembre 2014.
  13. ^ (FI) Kultalevyjen myöntämisrajat - Evanescence, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 15 novembre 2014.
  14. ^ (FR) Les Certifications, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 15 novembre 2014.
  15. ^ (JA) 各国の条約加入状況 (PDF), Recording Industry Association of Japan. URL consultato il 15 novembre 2014.
  16. ^ a b (EL) Top 75 Combined Repertoire (Albums): 31/5-5/6 2003, IFPI Greece. URL consultato il 15 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2004).
  17. ^ (ES) Certificaciones, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 15 novembre 2014.
  18. ^ (NO) IFPI Norsk Platebransje, IFPI. URL consultato il 15 novembre 2014.
  19. ^ (EN) Latest Gold / Platinum Albums, Radioscope. URL consultato il 15 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2011).
  20. ^ (NL) Goud/Platin: Evanescence - Fallen, NVPI. URL consultato il 15 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2009).
  21. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 15 novembre 2014. Digitare "Evanescence" in "Keywords", dunque premere "Search".
  22. ^ (RU) International 2003, 2m-online.ru. URL consultato il 15 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2009).
  23. ^ (ES) PROMUSICAE - RESEARCH, PROMUSICAE. URL consultato il 15 novembre 2014.
  24. ^ a b c d e f (EN) Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 15 novembre 2014.
  25. ^ (SV) Certifications 2003 (PDF), International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 15 novembre 2014.
  26. ^ Edelmetall, Schweizer Hitparade. URL consultato il 15 novembre 2014.
  27. ^ Fallen Review | Music Reviews and News | EW.com
  28. ^ Evanescence Fallen
  29. ^ Evanescence: Fallen | PopMatters
  30. ^ Evanescence Returns to an Altered Rock Landscape | Billboard
  31. ^ 50 Cent Returns To #1 As Fabolous, Evanescence Debut High - Music, Celebrity, Artist News | MTV.com
  32. ^ a b Evanescence's Label Tells Christian Outlets To Yank Fallen - Music, Celebrity, Artist News | MTV.com
  33. ^ Evanescence Fall From Grace | Music News | Rolling Stone
  34. ^ Tamara Conniff, Evanescence leader Lee unlocks 'Door' (Reuters), su entertainment-news.org. URL consultato il 22 mluglio 2015 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2007).
    «Possiamo per favore saltare la storia della faccenda cristiana? Ne ho davvero abbastanza. È la cosa più seccante. Mi ci sono opposta fin dall'inizio; non ho mai voluto essere associata ad essa. È una cosa che riguardava Ben. È tutto finito. È un nuovo giorno.».
  35. ^ Marco Delfiore, E ora me la rido, in Tribe Magazine, 2004. URL consultato il 16 gennaio 2014.
  36. ^ Note di copertina di Fallen, Evanescence, Wind-up Records 5108792000, 2003.
  37. ^ Note di copertina di Anywhere but Home, Evanescence, Wind-up Records 60150131062, 2004.
  38. ^ Note di copertina di My Immortal, Evanescence, Wind-up Records 6745122, 2003.
  39. ^ Farther Away è presente nella versione giapponese come dodicesima traccia.
  40. ^ La Band Version di My Immortal è stata integrata come traccia bonus in tutte le copie di Fallen successive all'uscita del singolo (2004).
  41. ^ Il brano Breathe No More è stato inserito nella colonna sonora del film Elektra.
  42. ^ Il brano Missing è stato inserito nel CD audio del DVD Anywhere but Home (2004) nella veste di inedito, oltre ad essere stato scelto come radio-single.
  43. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (NL) Evanescence - Fallen, Ultratop. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  44. ^ a b (EN) Fallen : Awards, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  45. ^ (EN) Cantrell, Cassidy Maintain U.K. Chart Control, Billboard, 18 agosto 2013. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  46. ^ (JA) ア・サウザンド・サンズ リンキン・パーク, Oricon. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  47. ^ (EN) TOP 75 ARTIST ALBUM, WEEK ENDING 31 July 2003, Chart-Track. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  48. ^ (PL) OLiS - Sales for the period 25.08.2003 - 31.08.2003, OLiS. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  49. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 22 June 2003 - 28 June 2003, Official Charts Company. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  50. ^ (RU) Список призов, NFPF.org. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  51. ^ (ES) Weekly Charts, Promusicae. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  52. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista, Hivatalos magyar slágerlisták, 21 marzo 2004. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  53. ^ (EN) Official Rock & Metal Albums Chart Top 40: 30 June 2013 - 06 July 2013, Official Charts Company. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  54. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 100 Albums 2003, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 10 marzo 2016.
  55. ^ (DE) Jahreshitparade 2003, austriancharts.at. URL consultato il 10 marzo 2016.
  56. ^ (NL) Jaaroverzichten 2003 (Vl), Ultratop. URL consultato il 10 marzo 2016.
  57. ^ (FR) Jaaroverzichten 2003 (Wa), Ultratop. URL consultato il 10 marzo 2016.
  58. ^ La prima classifica è quella degli album più venduti degli artisti locali nel 2003 in Finlandia, mentre la seconda fa riferimento agli album stranieri:
  59. ^ (FR) Classement Albums – année 2003, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 10 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2012).
  60. ^ (EN) Album – Jahrescharts 2003, offiziellecharts.de. URL consultato il 10 marzo 2016.
  61. ^ Classifiche annuali 2003, FIMI, 12 gennaio 2004. URL consultato il 10 marzo 2016.
  62. ^ (EN) Top Selling Albums of 2003, Recording Industry Association of New Zealand. URL consultato il 10 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  63. ^ (NL) Jaaroverzichten 2003, dutchcharts.nl. URL consultato il 10 marzo 2016.
  64. ^ (EN) End of Year Album Chart Top 100 - 2003, Official Charts Company. URL consultato il 10 marzo 2016.
  65. ^ (ES) Listas anuales - 2003, Productores de Música de España. URL consultato il 10 marzo 2016.
  66. ^ (EN) 2003: Billboard 200 Albums, Billboard. URL consultato il 10 marzo 2016.
  67. ^ (SV) Årslista Album – År 2003, Sverigetopplistan. URL consultato il 10 marzo 2016.
  68. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2003, Schweizer Hitparade. URL consultato il 10 marzo 2016.
  69. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 100 Albums 2004, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 10 marzo 2016.
  70. ^ (DE) Jahreshitparade 2004, austriancharts.at. URL consultato il 10 marzo 2016.
  71. ^ (NL) Jaaroverzichten 2004 (Vl), Ultratop. URL consultato il 10 marzo 2016.
  72. ^ (FR) Jaaroverzichten 2004 (Wa), Ultratop. URL consultato il 10 marzo 2016.
  73. ^ La prima classifica è quella degli album più venduti degli artisti locali nel 2004 in Finlandia, mentre la seconda fa riferimento agli album stranieri:
  74. ^ (FR) Classement Albums – année 2003, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 10 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2012).
  75. ^ (DE) Jahrescharts 2004, offiziellecharts.de. URL consultato il 10 marzo 2016.
  76. ^ Classifiche annuali Fimi-ACNielsen, FIMI, 12 gennaio 2005. URL consultato il 10 marzo 2016.
  77. ^ (EN) Top Selling Albums of 2004, Recording Industry Association of New Zealand. URL consultato il 10 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  78. ^ (NL) Jaaroverzichten 2004, dutchcharts.nl. URL consultato il 10 marzo 2016.
  79. ^ (EN) End of Year Album Chart Top 100 - 2004, Official Charts Company. URL consultato il 10 marzo 2016.
  80. ^ (EN) 2004: Billboard 200 Albums, Billboard. URL consultato il 10 marzo 2016.
  81. ^ (SV) Årslista Album – År 2004, Sverigetopplistan. URL consultato il 10 marzo 2016.
  82. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2004, Schweizer Hitparade. URL consultato il 10 marzo 2016.
  83. ^ a b Errore nell'uso delle note: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore Release_-_US
  84. ^ Errore nell'uso delle note: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore Release_-_CAN
  85. ^ a b c d e f g h i j k l Errore nell'uso delle note: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore Release_-_EUR
  86. ^ Errore nell'uso delle note: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore Release_-_AUS
  87. ^ a b Errore nell'uso delle note: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore Release_-_JP
Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal