Discografia degli Evanescence

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Evanescence.

Discografia degli Evanescence
Evanescence performing live at Arena di Verona Open Air Festival - Verona, Italy on Monday September 2nd, 2019.jpg
Gli Evanescence in concerto all'Arena di Verona il 2 settembre 2019
Album in studio4
Album dal vivo2
Raccolte2
EP3
Singoli16
Album video2
Video musicali15

La discografia degli Evanescence, gruppo musicale rock statunitense, si compone di quattro album in studio, due dal vivo, due raccolte, un demo, tre EP, sedici singoli, sette singoli promozionali, due album video e quindici video musicali. Al 2014 la band ha venduto oltre 25 milioni di album in tutto il mondo[1].

Gli Evanescence vennero fondati nel 1995 da Amy Lee e Ben Moody, riscuotendo un certo successo a livello locale prima di Fallen (2003), album che raggiunse la terza posizione della Billboard 200. Dall'album vennero estratti i singoli Bring Me to Life, Going Under, My Immortal ed Everybody's Fool.

Nel 2004 gli Evanescence vinsero due Grammy Award, nelle categorie Best New Artist e Best Hard Rock Performance. Il 23 novembre dello stesso anno fu pubblicato il primo album dal vivo e DVD della band, intitolato Anywhere but Home: il DVD contiene il concerto a Le Zenith a Parigi più alcuni contenuti extra, mentre nel CD è presente il concerto (in formato audio) e l'inedito Missing, pubblicato come singolo promozionale.

Il loro secondo album in studio, The Open Door (2006), debuttò al primo posto in quattro classifiche nazionali, inclusa la Billboard 200, con il primo singolo Call Me When You're Sober. Dall'album furono estratti anche i singoli Lithium, Sweet Sacrifice e Good Enough.

Evanescence, il loro terzo album in studio, fu pubblicato il 7 ottobre 2011 e debuttò in vetta alla Billboard 200. L'album fu anticipato dal singolo What You Want, pubblicato il 9 agosto 2011. Il secondo singolo, My Heart Is Broken, fu trasmesso in radio dal 31 ottobre 2011. L'ultimo singolo estratto dall'album, Lost in Paradise, fu pubblicato il 25 maggio 2012.

Il 10 novembre 2017 fu pubblicato Synthesis, il quarto album in studio della band. L'album debuttò all'ottavo posto della Billboard 200 e fu anticipato dal singolo Imperfection, pubblicato il 15 settembre 2017. L'8 giugno 2018 venne estratto il secondo singolo, Hi-Lo, mentre il 12 ottobre 2018 fu pubblicato il secondo album dal vivo e DVD della band, intitolato Synthesis Live, che contiene la registrazione del concerto tenuto nel 2017 al Foxwoods Resort Casino Grand Theater.

Album[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Classifiche Vendite Certificazioni
USA
[2]
AUS
[3]
AUT
[4]
CAN
[5]
FRA
[6]
GER
[7]
ITA
[8]
NZL
[9]
SWI
[10]
UK
[11]
2003 Fallen 3 1 1 1 2 2 3 2 2 1
  • Mondo: 17.000.000+[12]
  • USA: 8.000.000+[13]
  • UK: 1.348.000+[14]
2006 The Open Door
  • Pubblicazione: 25 settembre 2006
  • Etichetta: Wind-Up
  • Formati: CD, LP, download digitale
1 1 2 2 2 1 2 2 1 2
2011 Evanescence
  • Pubblicazione: 7 ottobre 2011
  • Etichetta: Wind-Up
  • Formati: CD, LP, download digitale
1 5 4 2 8 5 5 3 4 4
2017 Synthesis
  • Pubblicazione: 10 novembre 2017
  • Etichetta: Sony Music
  • Formati: CD, LP, download digitale
8 6 11 16 58 5 25 20 9 23

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Classifiche Vendite Certificazioni
USA
[2]
AUS
[3]
AUT
[4]
FRA
[6]
GER
[7]
GRE
[31]
ITA
[8]
NLD
[32]
NZL
[9]
SWI
[10]
2004 Anywhere but Home
  • Pubblicazione: 23 novembre 2004
  • Etichetta: Wind-Up
  • Formati: CD+DVD, download digitale
39 33 10 22 19 6 33 18 40 10
2018 Synthesis Live
  • Pubblicazione: 12 ottobre 2018
  • Etichetta: Eagle Rock
  • Formati: CD+DVD, CD+BD, LP, download digitale
51
"—" indica un album non classificato o non pubblicato in quel Paese.

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo
2016 Lost Whispers
2017 The Ultimate Collection
  • Pubblicazione: 17 febbraio 2017
  • Etichetta: Concord Bicycle Music
  • Formati: LP

Demo[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo
2000 Origin
  • Pubblicazione: 4 novembre 2000
  • Etichetta: Bigwig Enterprises
  • Formati: CD, LP

Extended play[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo
1998 Evanescence EP
  • Pubblicazione: dicembre 1998
  • Etichetta: Bigwig Enterprises
  • Formati: CD
1999 Sound Asleep EP
  • Pubblicazione: agosto 1999
  • Etichetta: Bigwig Enterprises
  • Formati: CD
2003 Mystary EP
  • Pubblicazione: gennaio 2003
  • Etichetta: Wind-Up
  • Formati: CD

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Classifiche Certificazioni Album di provenienza
USA
[34]
USA
Alt.

[35]
USA
Main.

[36]
USA
Rock

[37]
AUS
[38]
CAN
[39]
GER
[7]
ITA
[40]
SWI
[41]
UK
[42]
2003 Bring Me to Life 5 1 11 × 1 3 2 1 6 1 Fallen
Going Under 104 5 26 × 14 14 15 9 13 8
My Immortal 7 × 4 1 5 3 7 7
2004 Everybody's Fool 36 × 23 16 35 24
2006 Call Me When You're Sober 10 4 5 × 5 5 13 3 6 4 The Open Door
Lithium 124 37 39 × 26 44 2 40 32
2007 Sweet Sacrifice 24 × 75
Good Enough ×
2010 Together Again 103 86 /
2011 What You Want 68 14 8 11 86 55 84 86 72 Evanescence
My Heart Is Broken 92
2012 Lost in Paradise 99 89 31 39 174
2017 Imperfection 39 Synthesis
2018 Hi-Lo
2019 The Chain 36 9 /
2020 Wasted on You 16 The Bitter Truth
"—" indica un singolo non classificato o non pubblicato in quel Paese.
"×" indica una classifica non ancora esistente.

Singoli promozionali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Classifiche Album di provenienza
USA
Main.
[36]
USA
Rock
[37]
2004 Imaginary × Fallen
Missing × Anywhere but Home
2007 Weight of the World × The Open Door
2012 Made of Stone 39 Evanescence
The Other Side 36
2017 Bring Me to Life (Synthesis) 31 Synthesis
Lacrymosa
"—" indica un singolo non classificato o non pubblicato in quel Paese.
"×" indica una classifica non ancora esistente.

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Album video[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Classifiche Certificazioni
USA
[46]
AUS
[47]
AUT
[48]
BEL
(FL)

[49]
BEL
(WA)

[50]
GER
[51]
NLD
[52]
SWE
[53]
SWI
[54]
UK
[55]
2004 Anywhere but Home
  • Pubblicazione: 23 novembre 2004
  • Etichetta: Wind-Up
  • Formati: DVD
3 4 8 4
2018 Synthesis Live
  • Pubblicazione: 12 ottobre 2018
  • Etichetta: Eagle Rock
  • Formati: DVD, BD
1 4 2 1 7 3 2 1 1
"—" indica un album non classificato o non pubblicato in quel Paese.

Video musicali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Regista/i
2003 Bring Me to Life Philipp Stölzl[57]
Going Under
My Immortal David Mouldy[58]
2004 Everybody's Fool Philipp Stölzl[57]
2006 Call Me When You're Sober Marc Webb[59]
Lithium Paul Fedor[60]
2007 Sweet Sacrifice P. R. Brown[61]
Good Enough Marc Webb, Rich Lee[62]
2011 What You Want Meiert Avis[63]
2012 My Heart Is Broken Dean Karr[64]
2013 Lost in Paradise Blake Judd[65]
2017 Imperfection P. R. Brown[66][67][68][69]
2018 Hi-Lo
2020 The Chain
Wasted on You

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Graham Hartmann, Evanescence's Amy Lee Celebrates Being 'Independent Artist', Loudwire, 20 marzo 2014. URL consultato il 12 luglio 2019.
  2. ^ a b (EN) Evanescence - Chart history (Billboard 200), Billboard. URL consultato il 14 ottobre 2019.
  3. ^ a b (EN) Discography Evanescence, su australian-charts.com. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  4. ^ a b (DE) Discography Evanescence, su austriancharts.at. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  5. ^ (EN) Evanescence - Chart history (Canadian Albums), Billboard. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  6. ^ a b (FR) Discographie Evanescence, su lescharts.com. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  7. ^ a b c (DE) Suchen nach "Evanescence", Offizielle Deutsche Charts. URL consultato il 19 ottobre 2019.
  8. ^ a b (EN) Discography Evanescence, su italiancharts.com. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  9. ^ a b (EN) Discography Evanescence, su charts.nz. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  10. ^ a b (DE) Discography Evanescence, Schweizer Hitparade. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  11. ^ (EN) Evanescence, Official Charts Company. URL consultato il 19 dicembre 2018.
  12. ^ (EN) Donnay Clancy, 15 Years Of Fallen, The Album That Made Evanescence Superstars, Kerrang!. URL consultato il 12 luglio 2019.
  13. ^ (EN) Christa Titus, Amy Lee Talks Evanescence, Being a Woman in Music: Interview, Billboard, 30 novembre 2017. URL consultato il 20 ottobre 2019.
  14. ^ (EN) George Garner, Amy Lee on Evanescence's first new studio album in 9 years and the one thing the music business really needs to remember, su musicweek.com, 7 maggio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  15. ^ a b c d e f g (EN) Evanescence – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 9 maggio 2019.
  16. ^ a b c Certificazioni per gli album degli Evanescence in Australia:
  17. ^ a b (DE) Evanescence – Gold & Platin, IFPI Austria. URL consultato il 19 dicembre 2018.
  18. ^ a b c (EN) Evanescence – Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 19 dicembre 2018.
  19. ^ a b (FR) Evanescence – Les certifications, SNEP. URL consultato il 19 dicembre 2018.
  20. ^ a b c d e (DE) Evanescence – Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 19 dicembre 2018.
  21. ^ a b c Certificazioni italiane, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 21 gennaio 2019.
  22. ^ a b (EN) Latest Gold / Platinum Albums, Radioscope. URL consultato il 14 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2011).
  23. ^ a b c d (DE) Edelmetal, Schweizer Hitparade. URL consultato il 19 dicembre 2018.
  24. ^ a b c d e f g (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 4 maggio 2020. Digitare "Evanescence" in "Search BPI Awards" e premere Invio.
  25. ^ (EN) Evanescence Singer: 'Look Out For New Music Next Year', Blabbermouth.net, 19 giugno 2009. URL consultato il 13 luglio 2019.
  26. ^ a b (EN) Gary Trust, Win an Evanescence-Signed Billboard, Billboard, 8 novembre 2011. URL consultato il 19 dicembre 2018.
  27. ^ a b (EN) George Garner, Back to life: Amy Lee on Evanescence's first album in six years, su musicweek.com, 1º novembre 2017. URL consultato il 22 dicembre 2018.
  28. ^ (EN) Gary Graff, Five years between albums, and Evanescence is still hot, The Oakland Press, 21 agosto 2012. URL consultato il 7 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2018).
  29. ^ a b (EN) Guillaume Vieira, Evanescence albums and songs sales, su chartmasters.org, 30 giugno 2019. URL consultato il 23 luglio 2019.
  30. ^ (EN) Chart Data, US pure album sales: @evanescence, Synthesis 64,668 (total), Twitter. URL consultato il 20 luglio 2018.
  31. ^ a b (EN) Greek Albums Chart, IFPI Greece. URL consultato il 6 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2005).
  32. ^ Discografie Evanescence, Dutch Charts. URL consultato il 9 maggio 2020.
  33. ^ (EN) Evanescence And Lindsey Stirling Announce North American Co-headline Amphitheater Tour, su livenationentertainment.com, 6 marzo 2018. URL consultato il 13 luglio 2019.
  34. ^ Posizioni massime dei singoli degli Evanescence negli Stati Uniti:
  35. ^ (EN) Evanescence - Chart history (Alternative Songs), Billboard. URL consultato l'8 maggio 2020.
  36. ^ a b (EN) Evanescence - Chart history (Mainstream Rock Songs), Billboard. URL consultato l'8 maggio 2020.
  37. ^ a b (EN) Evanescence - Chart history (Hot Rock Songs), Billboard. URL consultato l'8 maggio 2020.
  38. ^ Posizioni massime dei singoli degli Evanescence in Australia:
  39. ^ Posizioni massime dei singoli degli Evanescence in Canada:
  40. ^ Posizioni massime dei singoli degli Evanescence in Italia:
  41. ^ (DE) Discography Evanescence, Schweizer Hitparade. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  42. ^ Posizioni massime dei singoli degli Evanescence nel Regno Unito:
  43. ^ a b (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2003 Singles, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 21 luglio 2012.
  44. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2004 Singles, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 21 luglio 2012.
  45. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2006 Singles, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 21 luglio 2012.
  46. ^ (EN) Evanescence - Chart history (Music Video Sales), Billboard. URL consultato il 14 ottobre 2019.
  47. ^ (EN) The ARIA Report - Issue 770: Top 40 DVD Chart (PDF), su pandora.nla.gov.au. URL consultato il 20 dicembre 2018.
  48. ^ (DE) Austria Top 40 - Musik-DVD Top 10, su austriancharts.at. URL consultato l'8 novembre 2018.
  49. ^ (NL) Ultratop 10 Muziek-DVD – 27/10/2018, Ultratop. URL consultato il 10 maggio 2020.
  50. ^ (FR) Ultratop 10 DVD Musicaux – 20/10/2018, Ultratop. URL consultato il 10 maggio 2020.
  51. ^ (DE) Top 10 DVD Musik, GfK Entertainment. URL consultato l'8 novembre 2018 (archiviato il 20 ottobre 2018).
  52. ^ Posizioni massime degli album video degli Evanescence nei Paesi Bassi:
  53. ^ (SV) Veckolista DVD Album, vecka 42, 2018, Sverigetopplistan. URL consultato il 10 maggio 2020.
  54. ^ (DE) Discography Evanescence, Schweizer Hitparade. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  55. ^ Posizioni massime degli album video degli Evanescence nel Regno Unito:
  56. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2006 DVD, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 14 settembre 2018.
  57. ^ a b (EN) Philipp Stölzl director: music videos, Philipp Stölzl. URL consultato il 21 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2012).
  58. ^ (EN) Jon Wiederhorn, Are There Clues To Evanescence's Problems In Their New Video?, MTV, 5 novembre 2003. URL consultato il 21 luglio 2012.
    «"Of course, the video treatment came not from the band, but from director David Mouldy, who wanted to parallel the lyrics of the song, which is about a spirit that haunts the memory of a grieving loved one"».
  59. ^ (EN) Chris Harris, Evanescence's Amy Lee Isn't Afraid Of Big Bad Wolf In 'Sober' Clip, MTV, 31 luglio 2006. URL consultato il 21 luglio 2012.
    «"Marc Webb (AFI, My Chemical Romance) signed on to direct the clip"».
  60. ^ (EN) Corey Moss, After Facing Big Bad Wolf, Amy Lee Faces Herself In Evanescence Clip, MTV, 2 novembre 2006. URL consultato il 26 luglio 2011.
    «Lee justified of the video, which Paul Fedor (Sarah McLachlan, Seether) directed based on her concept».
  61. ^ (EN) Corey Moss, Evanescence's Lee Laughs At 'Idol,' Promises Less Fluff In 'Sweet' Clip, MTV, 21 marzo 2007. URL consultato il 21 luglio 2012.
    «Paul Brown, who has directed videos for Audioslave and Matisyahu, helmed the project, which will feature scenes of the live footage projected onto a wall.».
  62. ^ (EN) Evanescence – "Good Enough", MTV. URL consultato il 21 luglio 2012.
  63. ^ (EN) James Montgomery, Evanescence's 'What You Want' Video: Go Behind The Scenes Now!, MTV, 1º agosto 2011. URL consultato il 21 luglio 2012.
    «Teaming with director Meiert Avis — who's made iconic clips for the likes of U2, Bruce Springsteen and Bob Dylan (to name just a few) — the band and an army of their die-hard fans braved the sweltering temperatures and worked long into the night.».
  64. ^ Filmato audio Evanescence, Evanescence - My Heart Is Broken, su YouTube, 24 gennaio 2012. URL consultato il 21 dicembre 2018.
  65. ^ Filmato audio Evanescence, Evanescence - Lost in Paradise, su YouTube, 14 febbraio 2013. URL consultato il 21 dicembre 2018.
  66. ^ (EN) Watch Evanescence's Reflective New 'Imperfection' Video, Rolling Stone, 20 ottobre 2017. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  67. ^ Filmato audio Evanescence, Evanescence - "Hi-Lo" featuring Lindsey Stirling (Official Music Video), su YouTube, 8 giugno 2018. URL consultato il 21 dicembre 2018.
  68. ^ Filmato audio Evanescence, Evanescence - The Chain (from Gears 5) [Official Music Video], su YouTube, 9 gennaio 2020. URL consultato il 10 gennaio 2020.
  69. ^ Filmato audio Evanescence, Evanescence - Wasted On You (Official Music Video) [Official Music Video], su YouTube, 24 aprile 2020. URL consultato il 24 aprile 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica