Synthesis (Evanescence)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Synthesis
ArtistaEvanescence
Tipo albumStudio
Pubblicazione10 novembre 2017
Durata62:17
Dischi1
Tracce16
GenereRock sinfonico[1]
Rock elettronico[2]
EtichettaSony Music
ProduttoreAmy Lee, Will B. Hunt
FormatiCD, LP, download digitale
Evanescence - cronologia
Album precedente
(2017)
Album successivo
(2018)
Singoli
  1. Imperfection
    Pubblicato: 15 settembre 2017
  2. Hi-Lo
    Pubblicato: 8 giugno 2018

Synthesis è il quarto album in studio del gruppo musicale statunitense Evanescence, pubblicato il 10 novembre 2017 dalla Sony Music[3].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'album contiene rivisitazioni di diverse canzoni del gruppo, realizzate con l'avallo di un'intera orchestra ed elementi elettronici, con la collaborazione di David Campbell, compositore canadese che ha arrangiato anche i precedenti dischi del gruppo. Nell'album sono presenti anche due inediti: Imperfection e Hi-Lo.

L’uscita del disco fu anticipata, il 18 agosto 2017, dalla pubblicazione come singolo promozionale di una versione orchestrale di Bring Me to Life[4]. Il 15 settembre dello stesso anno fu messo online il primo estratto inedito, Imperfection, il cui testo tratta il tema della depressione e del suicidio[5]. Il brano Lacrymosa venne pubblicato sulle piattaforme digitali il 27 ottobre 2017 come singolo promozionale[6], mentre l'8 giugno 2018 fu pubblicato Hi-Lo, secondo singolo ufficiale estratto dall’album[7].

Tour[modifica | modifica wikitesto]

A sostegno dell'album, gli Evanescence intrapresero il Synthesis Tour, con la prima tappa tenutasi il 14 ottobre 2017 a Las Vegas. Questa fu la prima volta che la band si esibì dal vivo con un'intera orchestra[8]. In ogni tappa del tour, furono eseguite dal vivo tutte le canzoni dell'album più una selezione di tracce orchestrali, suonate dalla sola orchestra all'inizio di ogni concerto. Il tour incluse inizialmente 29 date in diverse città del Nord America, 4 in Oceania e 18 in Europa, per un totale di 51 concerti.

In seguito, il 6 marzo 2018, gli Evanescence e Lindsey Stirling annunciarono che sarebbero stati insieme in tournée durante l'estate del 2018, tenendo 31 nuovi concerti nel Nord America[9]. Questa seconda parte del tour si concluse l'8 settembre 2018 a Ridgefield (Washington).

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Synthesis ha ricevuto recensioni generalmente positive da parte dei critici musicali. In Metacritic l'album ha un punteggio medio di 69/100, basato su 4 recensioni[10]. Loudwire ha descritto la performance della Lee nel disco come "eccezionale"[11], mentre Rolling Stone ha attribuito a Synthesis 3,5 stelle su 5, affermando che l'album "amplifica la vera Amy, il modo in cui lei è sempre stata pensata per essere ascoltata"[12]. Metal Hammer invece ha assegnato all'album 4 stelle su 5, sostenendo che, dopo solo tre album in studio, rivisitare le canzoni più amate è una "mossa ambiziosa e inaspettata"[13].

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

L'album debuttò all'ottavo posto della Billboard 200, vendendo più di 30.000 copie nella sua prima settimana[14]. Questo fece di Synthesis il quarto album della band a debuttare nella Top 10 statunitense, dopo Fallen nel 2003, The Open Door nel 2006 e Evanescence nel 2011. L'album raggiunse inoltre la vetta delle classifiche Top Rock Albums[15], Alternative Albums[16], Classical Albums[17] e Independent Albums[18]. La settimana seguente l'album crollò alla centosettantasettesima posizione della Billboard 200, vendendo poco più di 4.600 copie[19]. Nel luglio del 2018, a otto mesi dalla pubblicazione, Synthesis aveva venduto oltre 64.000 copie solamente negli Stati Uniti[20].

Nel Regno Unito l'album registrò nella sua prima settimana circa 6.600 copie vendute[21], debuttando così al ventitreesimo posto della classifica britannica. La settimana successiva l'album scese alla novantaseiesima posizione, vendendo più di 1.600 copie[22].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Crediti adattati ai dati riportati nel sito della ISWC[23].

  1. Overture – 0:57 (Amy Lee)
  2. Never Go Back – 4:50 (Amy Lee, Terry Balsamo, Tim McCord, Will Hunt)
  3. Hi-Lo – 5:07 (Amy Lee, Will B. Hunt)
  4. My Heart Is Broken – 4:34 (Amy Lee, Terry Balsamo, Tim McCord, Zach Williams)
  5. Lacrymosa – 3:42 (Amy Lee, Terry Balsamo)
  6. The End of the Dream – 4:54 (Amy Lee, Terry Balsamo, Tim McCord, Will Hunt, Will B. Hunt)
  7. Bring Me to Life – 4:18 (Amy Lee, Ben Moody, David Hodges)
  8. Unraveling (Interlude) – 1:40 (Amy Lee)
  9. Imaginary – 4:03 (Amy Lee, Ben Moody, David Hodges)
  10. Secret Door – 3:48 (Amy Lee, Will B. Hunt)
  11. Lithium – 4:05 (Amy Lee)
  12. Lost in Paradise – 4:43 (Amy Lee)
  13. Your Star – 4:38 (Amy Lee, Terry Balsamo)
  14. My Immortal – 4:25 (Amy Lee, Ben Moody, David Hodges)
  15. The In-Between (Piano Solo) – 2:11 (Amy Lee)
  16. Imperfection – 4:22 (Amy Lee, Jennifer Indrasen, Tim McCord, Troy McLawhorn, Will Hunt, Will B. Hunt)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2018) Posizione
Stati Uniti (classical)[34] 4
Stati Uniti (independent)[35] 18
Stati Uniti (rock)[36] 100

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Evanescence Synthesis album review, Loudwire. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  2. ^ Alessio Sagheddu, Evanescence - Synthesis, SpazioRock, 24 novembre 2017. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  3. ^ Synthesis - Evanescence - CD, su IBS.it. URL consultato il 28 dicembre 2017.
  4. ^ Evanescence, prima anticipazione da "Synthesis": "Bring me to life"., su Rockol, 18 agosto 2017. URL consultato il 28 dicembre 2017.
  5. ^ Evanescence, ascolta il nuovo singolo ‘Imperfection’, Rolling Stone, 19 ottobre 2017. URL consultato il 28 dicembre 2017.
  6. ^ Lacrymosa: Evanescence: Amazon.it: Musica Digitale, su Amazon.it. URL consultato il 28 dicembre 2017.
  7. ^ (EN) Hi-Lo (Radio Edit), Amazon, 8 giugno 2018. URL consultato il 9 giugno 2018.
  8. ^ (EN) Evanescence Announce 'Synthesis Live' Tour for Fall 2017, Loudwire, 14 agosto 2017. URL consultato il 28 dicembre 2017.
  9. ^ (EN) Evanescence & Lindsey Stirling Launching Joint Summer Tour With Full Orchestra, Billboard. URL consultato l'8 marzo 2018.
  10. ^ (EN) Reviews for Synthesis by Evanescence, Metacritic. URL consultato il 28 dicembre 2017.
  11. ^ (EN) Chad Bowar, Evanescence Find Orchestral Bliss With 'Synthesis', Loudwire, 10 novembre 2017. URL consultato il 13 novembre 2017.
  12. ^ (EN) Suzy Exposito, Review: Evanescence Flourishes With the Classical Makeover of 'Synthesis', Rolling Stone, 14 novembre 2017. URL consultato il 19 novembre 2017.
  13. ^ (EN) Catherine Morris, Evanescence - Synthesis album review, Metal Hammer, 6 novembre 2017. URL consultato il 10 novembre 2017.
  14. ^ (EN) Keith Caulfield, Taylor Swift's 'Reputation' Debuts at No. 1 on Billboard 200 Albums Chart, Billboard, 20 novembre 2017. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  15. ^ a b (EN) Chart History - Top Rock Albums, Billboard 200. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  16. ^ a b (EN) Chart History - Alternative Albums, Billboard 200. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  17. ^ a b (EN) Chart History - Classical Albums, Billboard 200. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  18. ^ a b (EN) Chart History - Independent Albums, Billboard 200. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  19. ^ (EN) Chart Data, US pure album sales: #65 @evanescence, Synthesis 4,644 (35,313 total), Twitter. URL consultato il 30 novembre 2017.
  20. ^ (EN) Chart Data, US pure album sales: @evanescence, Synthesis 64,668 (total), Twitter. URL consultato il 20 luglio 2018.
  21. ^ (EN) Alan Jones, Charts Analysis: Taylor Swift's Reputation soars to chart summit, Music Week, 17 novembre 2017. URL consultato il 21 novembre 2017.
    «Each of the three previous studio albums by US rockers Evanescence made the Top 5, but their latest album Synthesis has only two new songs amidst heavily reworked versions of their old favourites, including Bring Me To Life, My Immortal and Lithium. None were broke, and fans may think they didn't need fixing, hence the album's No.23 debut on sales of 6,638 copies.».
  22. ^ (EN) Alan Jones, Charts Analysis: Paloma Faith scores first No.1 album, Music Week, 24 novembre 2017. URL consultato il 28 novembre 2017.
    «Falling out of the Top 10: Beautiful Trauma (9-11, 15,315 sales) by Pink, Nat King Cole & Me (7-13, 11,707 sales) by Gregory Porter, Listen Without Prejudice Volume 1 (10-14, 10,863 sales) by George Michael and Instant Pleasures (8-100, 1,633 sales) by Shed Seven.».
  23. ^ International Standard Musical Work Code, su iswcnet.cisac.org. Digitare il titolo delle canzoni sul motore di ricerca.
  24. ^ a b c d e f g h i j k l (NL) EVANESCENCE - SYNTHESIS, Ultratop. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  25. ^ (EN) Chart History - Billboard Canadian Albums, Billboard. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  26. ^ (JA) Oricon Albums Chart: 2017-11-20, Oricon. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  27. ^ (JA) Oricon Western Albums Chart: 2017-11-20, Oricon. URL consultato il 20 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 16 novembre 2017).
  28. ^ (EN) Official IFPI Charts - Top-75 Albums Sales - Chart, IFPI Greece. URL consultato il 17 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2017).
  29. ^ (EN) Irish Albums Chart: 17 November 2017, Irish Recorded Music Association. URL consultato il 20 dicembre 2017.
  30. ^ (EN) Oficjalna lista sprzedaży :: OLIS – Official Retail Sales Chart, OLiS. URL consultato il 20 dicembre 2017.
  31. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100, Official Charts Company. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  32. ^ (EN) Official Scottish Albums Chart Top 100, Official Charts Company. URL consultato il 20 dicembre 2017.
  33. ^ (EN) Chart History - Billboard 200, Billboard 200. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  34. ^ (EN) Classical Albums – Year-End 2018, Billboard. URL consultato il 4 dicembre 2018.
  35. ^ (EN) Independent Albums – Year-End 2018, Billboard. URL consultato il 4 dicembre 2018.
  36. ^ (EN) Top Rock Albums – Year-End 2018, Billboard. URL consultato il 4 dicembre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock