My Immortal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
My Immortal
My Immortal.jpg
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaEvanescence
Tipo albumSingolo
Pubblicazione8 dicembre 2003
Durata4:33
Album di provenienzaFallen
GenereBallata
Piano rock
Rock gotico
EtichettaWind-up Records
ProduttoreDave Fortman, Ben Moody
Registrazione2002–2003, Conway Recording Studios, Hollywood (California)
Certificazioni
Dischi d'oroGermania Germania[1]
(vendite: 150 000+)
Norvegia Norvegia[2]
(vendite: 5 000+)
Regno Unito Regno Unito[3]
(vendite: 400 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia[4]
(vendite: 70 000+)
Italia Italia[5]
(vendite: 50 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[6]
(vendite: 1 000 000+)
Evanescence - cronologia
Singolo precedente
(2003)
Singolo successivo
(2004)

My Immortal è il terzo singolo del gruppo rock statunitense Evanescence estratto dal primo album Fallen, pubblicato nel 2003 dalla Wind-up Records.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

La sua prima comparsa pubblica avviene insieme a Bring Me to Life nella colonna sonora del film Daredevil, come sottofondo nella scena del funerale. La prima versione di questo brano risale al 1997, infatti è il primo demo (insieme a Understanding) scritto dal cofondatore degli Evanescence, Ben Moody. Il testo è basato su un breve racconto scritto da Moody in un momento anteriore. Dopo successive modifiche e versioni sia Amy Lee che David Hodges[7][8][9][10][11][12][13][14] arrivarono a condividerne i crediti (per quanto Hodges non sia accreditato nel booklet di Fallen[15]).

La traccia fu infatti registrata in una nuova versione per il primo disco demo del gruppo, Origin, con testo e melodia del pianoforte leggermente riarrangiate e con l'aggiunta del bridge composto da Amy Lee. Una nuova versione (la più nota) fu incisa per l'album di debutto ufficiale del gruppo Fallen ed incorporata nel Mystary EP. Il brano fu registrato una quarta volta e lanciato come singolo negli ultimi mesi del 2003; si fa riferimento ad esso spesso come alla "versione di gruppo".

Di questa canzone sono state diffuse diverse versioni:

  • Band Version (quella presentata nel video del singolo);
  • Band Version No Strings (simile alla band version non contiene accordi orchestrali);
  • Band Version Guitars Down (anch'essa molto simile alla versione band);
  • Instrumental Version;[senza fonte]
  • Live Acoustic Version;
  • Live Version (di versioni live ne sono state pubblicate due: quella di Anywhere but Home e My Immortal Live from Cologne);
  • Album Version (traccia #4 di Fallen);
  • Origin Version (la stessa versione Fallen ma senza gli accordi orchestrali);
  • Demo 1997 (la prima versione con differenze esorbitanti, più comunemente conosciuta come "piano - vocal version").

Nel 2007 viene registrata una cover dal cantante dei Toto Joseph Williams per l'album Tears.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua recensione del secondo disco degli Evanescence, The Open Door, Alex Nunn dal sito musicOMH ha criticato i nuovi brani, sostenendo che mostrassero quanto la band "fosse sprofondata" dalla canzone My Immortal di Fallen. Colette Claire dal The Gauntlet ha paragonato My Immortal a Lithium, scrivendo che il primo ha la stessa moda del secondo, ma solo in un modo più folle, da Tori Amos.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Il singolo di questo brano è stato pubblicato l'8 dicembre 2003 in diverse versioni:

CD singolo UK[16]

  1. My Immortal (Band Version) – 4:33
  2. My Immortal (Album Version) – 4:24

CD maxi singolo[17]

  1. My Immortal (Band Version) – 4:33
  2. My Immortal (Album Version) – 4:24
  3. Haunted (Live from Sessions @ Aol) – 3:08
  4. My Immortal (Live from Cologne) – 4:15

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il video è stato girato nel barrio gotico di Barcellona. Nell'immagine è possibile vedere la famosa fontana del video, situata al centro della plaça de Sant Felip Neri.

Nel video del brano (dalle immagini in bianco e nero), Amy Lee vaga senza meta a piedi nudi e vestita di bianco, cantando per Barcellona, facendosi cullare dalle note suonate da Ben Moody al piano e dalle impulsive ballate rock offerte nel finale dal resto della band, che suona in una stanza dalla luce soffusa, separatamente da Ben. In diverse occasioni, nel corso del video, la cantante Amy Lee viene ripresa sdraiata sul tetto di una Fiat 600.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2003/04) Posizione
massima
Australia[18] 4
Austria[19] 11
Belgio (Fiandre)[19] 5
Belgio (Vallonia)[19] 9
Canada[20] 1
Danimarca[19] 7
Finlandia[21] 9
Francia[19] 11
Germania[21] 5
Grecia[22] 1
Irlanda[21] 20
Italia[19] 3
Norvegia[21] 2
Nuova Zelanda[23] 2
Paesi Bassi[19] 7
Regno Unito[24] 7
Spagna[25] 4
Stati Uniti[20] 7
Stati Uniti (adult top 40)[26] 1
Svezia[21] 9
Svizzera[19] 7

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) BMVI | Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 22 gennaio 2019.
  2. ^ (NO) IFPI Norsk Platebransje, IFPI. URL consultato il 22 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2012).
  3. ^ (EN) BRIT Certified - bpi, British Phonographic Industry. URL consultato il 21 gennaio 2019. Nel menu "Filter" selezionare "Gold" e "Singles", nella barra di ricerca digitare "My Immortal" dunque premere "Invio".
  4. ^ (EN) ARIA Accreditations (1987-2010), ARIA Charts. URL consultato il 7 marzo 2008.
  5. ^ My Immortal (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 21 gennaio 2019.
  6. ^ (EN) Evanescence, My Immortal – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  7. ^ Note di copertina di My Immortal, Evanescence, Wind-up Records, 6745122, 2003.
  8. ^ Note di copertina di Anywhere but Home, Evanescence, Wind-up Records, 60150131062, 2004.
  9. ^ Evanescence - Official Fallen Songbook, Alfred Music Publishing. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  10. ^ Evanescence - Official My Immortal Songbook (Piano), Alfred Music Publishing. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  11. ^ Evanescence - Official Anywhere But Home Songbook (Piano/Vocal/Chords), Alfred Music Publishing. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  12. ^ Evanescence: The Piano Style of Amy Lee, Alfred Music Publishing. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  13. ^ MY IMMORTAL (Legal Title). BMI Work #6388504, Broadcast Music Incorporated. URL consultato l'8 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2015).
  14. ^ (EN) Fallen, su AllMusic, All Media Network.
  15. ^ Note di copertina di Fallen, Evanescence, Wind-up Records, 5108792000, 2003.
  16. ^ (EN) Evanescence – My Immortal (CD) at Discogs, Discogs.com. URL consultato il 30 aprile 2015.
  17. ^ (EN) Evanescence – My Immortal (CD) at Discogs, Discogs.com. URL consultato il 30 aprile 2015.
  18. ^ (EN) Australian Charts - 25/01/2004, australian-charts.com. URL consultato il 22 marzo 2011.
  19. ^ a b c d e f g h (NL) Evanescence - My Immortal - dutchcharts.nl, dutchcharts.nl. URL consultato il 22 marzo 2011.
  20. ^ a b Evanescence Billboard Singles
  21. ^ a b c d e (EN) Evanescence - My Immortal, αCharts.us. URL consultato il 22 marzo 2011.
  22. ^ Ελληνικό Chart
  23. ^ (EN) Australian Charts - 08/02/2004, charts.org.nz. URL consultato il 22 marzo 2011.
  24. ^ Chart Stats - Evanescence - My Immortal
  25. ^ spanishcharts.com - Spanish charts portal
  26. ^ (EN) Evanescence - Chart history (Adult Top 40), Billboard. URL consultato il 10 aprile 2019.
Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal