Essie Davis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Esther "Essie" Davis (Hobart, 19 gennaio 1970) è un'attrice e produttrice cinematografica australiana, nota per l'interpretazione di Phryne Fisher in Miss Fisher - Delitti e misteri e dei ruoli in Babadook e Babyteeth - Tutti i colori di Milla.

Davis ha recitato nei film Matrix Reloaded, La ragazza con l'orecchino di perla, Australia, Assassin's Creed, e nelle serie televisive Il Trono di Spade,The White Princess e The Last Post, ottenendo diverse nomine ai AACTA Award, Logie Award e Empire Awards.

Nel corso della sua carriera ha fatto parte di numerose compagnie teatrali, tra cui la Sydney Theatre Company, Tasmanian Theatre Company e Melbourne Theatre Company, debuttando a Broadway con Jumpers di Tom Stoppard, ruolo che le vale una candidatura ai Tony Award del 2004.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata e cresciuta a Hobart, in Tasmania, è la figlia di un noto artista locale, George Davis. Alla fine degli anni ottanta, fece parte della Old Nick Company all'University of Tasmania. Si diplomò al NIDA (National Institute of Dramatic Art) di Sydney.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera di attrice inizia con la compagnia teatrale Bell Shakespeare quando, dopo aver lasciato il NIDA, interpretò il ruolo di Giulietta in una produzione del 1993 di Romeo e Giulietta.[1] Nello stesso anno, interpreta altri ruoli nelle produzioni dell'Amleto e di Riccardo III, mentre nel 1994 in Macbeth e La bisbetica domata.[2]

Debutta sul grande schermo con Dad and Dave: On Our Selection, al fianco di Geoffrey Rush, Leo McKern e Joan Sutherland. Negli anni seguenti appare in film come Matrix Reloaded e il suo sequel Matrix Revolutions, The Sound of One Hand Clapping, La ragazza con l'orecchino di perla e Codice 46. Continua nel frattempo la sua carriera teatrale, facendo un tour nazionale de L'importanza di chiamarsi Ernesto con la compagnia teatrale Gwendolen Fairfax nel 2000 e nel 2001 recita in La scuola della maldicenza per la Sydney Theatre Company. Nel 2003 vince il Laurence Olivier Award come miglior attrice non protagonista per la sua performance in Un tram che si chiama Desiderio di Tennessee Williams.[3]

Nel 2004, debutta a Broadway con Jumpers di Tom Stoppard, venendo candidata ad un Tony Award.[4] Nel 2005, interpreta Mrs. Lovett in una versione della BBC di Sweeney Todd, con Ray Winstone nel ruolo eponimo.[5] Nel 2008 è nel cast di Australia di Baz Luhrmann, al fianco di Nicole Kidman e Hugh Jackman.[6] Lo stesso anno, interpreta Maggie in La gatta sul tetto che scotta' per la Melbourne Theatre Company[7] e torna in Tasmania per supportare la neonata Tasmanian Theatre Company.[8]

Nel 2011 interpreta Anouk in otto episodi della miniserie televisiva australiana The Slap, ottenendo una candidatura ai Logie Award.[9] A partire dal 2012, Davis interpreta la protagonista Phryne Fisher nella serie televisiva di ABC Television Miss Fisher - Delitti e misteri, ruolo per cui è stata candidata all'AACTA, divenendo produttrice esecutiva della serie nel 2015.[10] Nel 2014 recita nel pluripremiato horror di Jennifer Kent Babadook nel ruolo di una madre assuefatta da farmaci, venendo candidata all'AACTA Award come miglior attrice e miglior attrice internazionale[11] ed un Fangoria Chainsaw Award nella stessa categoria.[12] Nel 2016, ha interpretato Lady Crane in tre episodi della sesta stagione della serie televisiva targata HBO Il Trono di Spade.[13] Nel corso dello stesso anno è parte del cast di attori dei film Assassin's Creed, con la regia di Justin Kurzel,[14] e Mindhorn, diretto da Sean Foley.[15]

Nel 2017 l'attrice è impegnata nelle serie televisive The White Princess,[16] The Last Post e come comparsa in un episodio di Philip K. Dick's Electric Dreams.[17] Nel corso del 2018 viene scelta da Shannon Murphy per il film Babyteeth - Tutti i colori di Milla, presentato alla 76ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, ottenendo per la performance un AACTA Award come miglior attrice non protagonista.[18] Nel 2019 Davis recita inoltre nel film The Kelly Gang.[19]

Nel 2020 viene presentato il film tratto dalla serie omonima Miss Fisher and the Crypt of Tears,[20] mentre nel 2021 l'attrice è inserita nel cast del film diretto da Justin Kurzel, Nitram.[21]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Essie Davis si è sposata nel 2002 con il regista e sceneggiatore australiano Justin Kurzel. Dal loro matrimonio, nel 2006 sono nate due gemelle: Stella e Ruby.[22]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Produttrice[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • AACTA Awards
    • 2012 – Candidata come miglior attrice protagonista per Cloudstreet
    • 2013 – Candidata come miglior attrice non protagonista per Burning Man
    • 2013 – Candidata come miglior attrice protagonista in una serie drammatica per Miss Fisher's Murder Mysteries
    • 2014 – Candidata come miglior attrice protagonista per Babadook
    • 2015 – Candidata come miglior attrice internazionale per Babadook
    • 2019 – Candidata come miglior attrice protagonista in una serie drammatica per Lambs of God
    • 2020 – Miglior attrice non protagonista per Babyteeth - Tutti i colori di Milla
  • 2015 - Empire Awards[23]
  • Logie Awards
    • 2012 – Candidata come miglior attrice per The Slap
    • 2014 – Candidata come attrice più popolare per Miss Fisher's Murder Mysteries
    • 2016 – Candidata come miglior attrice protagonista in una serie drammatica per Miss Fisher's Murder Mysteries
    • 2016 – Candidata come Gold Logie per Miss Fisher's Murder Mysteries
    • 2016 – Candidata come miglior attrice per Miss Fisher's Murder Mysteries
  • 2015 - Saturn Award[24]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi lavori, Essie Davis è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Peter Gotting, Big screen dreaming, in The Sydney Morning Herald, Sydney, 17 marzo 2004.
  2. ^ (EN) AusStage - Essie Davis, su ausstage.edu.au. URL consultato il 27 maggio 2016.
  3. ^ Previous Winners: Olivier Winners 2003 - Olivier Awards, su web.archive.org, 1º giugno 2013. URL consultato il 5 ottobre 2021 (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2013).
  4. ^ (EN) Assassins Wins Big at the 2004 Tony Awards, su Broadway.com. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  5. ^ (EN) Sweeney Todd. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  6. ^ «Australia»: cast, trama, trailer e immagini del film, su TV Sorrisi e Canzoni, 2 gennaio 2020. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  7. ^ (EN) Production details for 'Cat on a Hot Tin Roof', su Melbourne Theatre Company. URL consultato il 10 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2008).
  8. ^ (EN) About The Tasmanian Theatre Company, su tastheatre.com. URL consultato il 10 ottobre 2014.
  9. ^ Anouk - The Slap - ABC TV, su www.abc.net.au. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  10. ^ (EN) Essie Davis talks about the challenge of bringing Miss Fisher to the big screen, su SBS Movies, 24 febbraio 2020. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  11. ^ (EN) Mr. Babadook Speaks!, su dreadcentral.com.
  12. ^ (EN) For Your Consideration: The 2015 Chainsaw Award Nominees for Best Actress, su fangoria.com (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2015).
  13. ^ (EN) Joanna Robinson, Game of Thrones Casts Babadook Star Essie Davis to Play Queen Cersei . . . Kinda [Updated], in Vanity Fair, 11 settembre 2015. URL consultato il 23 agosto 2016.
  14. ^ (EN) Harry Windsor, Harry Windsor, ‘Assassin’s Creed’: Film Review, su The Hollywood Reporter, 19 dicembre 2016. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  15. ^ (EN) Mindhorn review – Julian Barratt’s arresting spoof sleuth, su the Guardian, 7 maggio 2017. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  16. ^ (EN) Denise Petski, Denise Petski, ‘The White Princess’: Essie Davis, Joanne Whalley, More Join Cast; First-Look Photo, su Deadline, 13 giugno 2016. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  17. ^ (EN) Matt Mueller2020-04-22T12:30:00+01:00, My Working From Home Life: Australian actress Essie Davis, su Screen. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  18. ^ (EN) arts editor Dee Jefferson, 'That we made it at all seems like a miracle': Cate Blanchett's refugee drama sweeps AACTA awards, in ABC News, 30 novembre 2020. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  19. ^ (EN) Genevieve Quigley, 'So creative and brave': Essie Davis on film, family and The Kelly Gang, su The Sydney Morning Herald, 25 gennaio 2020. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  20. ^ (EN) Miss Fisher and the Crypt of Tears review – Essie Davis delights in hokey, lustreless film, su the Guardian, 26 febbraio 2020. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  21. ^ (EN) Streaming premiere date set for critically acclaimed Australian film Nitram, su www.nine.com.au. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  22. ^ (EN) Karl Quinn, Snowtown Kurzel to direct Fassbender, Portman in big-screen Macbeth, in The Sydney Morning Herald, 1º maggio 2013.
  23. ^ (EN) Winners Empire Awards 2015, su www.empireonline.com. URL consultato il 20 aprile 2015.
  24. ^ (EN) 2015 Saturn Awards: Captain America: Winter Soldier, Walking Dead lead nominees, su ew.com. URL consultato il 24 agosto 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN250218377 · ISNI (EN0000 0004 2339 9560 · LCCN (ENno2005009555 · GND (DE1077796315 · BNF (FRcb14169523b (data) · BNE (ESXX4806983 (data) · NLA (EN68381303 · WorldCat Identities (ENlccn-no2005009555