Leo McKern

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Leo McKern

Leo McKern, nome d'arte di Reginald McKern (Sydney, 16 marzo 1920Bath, 23 luglio 2002), è stato un attore australiano naturalizzato britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da Vera Martin e Norman Walton McKern, a quindici anni perse in seguito ad un incidente l'occhio sinistro.

Da giovane studiò come apprendista ingegneria. Più tardi si arruolò nell'esercito australiano e combatté nella seconda guerra mondiale, durante la quale, a Sydney nel 1944, fece la sua prima esperienza teatrale.

Si trasferì in seguito in Inghilterra, dove nel 1946 sposò l'attrice Jane Holland. Divenne presto un attore stabile all'Old Vic di Londra e al Shakespeare Memorial Theatre (Royal Shakespeare Theatre) di Stratford-upon-Avon dove, nonostante l'occhio di vetro e l'accento australiano, riscosse un discreto successo. Nel 1949 interpretò Forester in Pene d'amore perdute all'Old Vic, ma il ruolo che gli donò maggior successo fu quello di Iago nell'Otello di Anthony Quayle del 1952.

Debuttò al cinema nel 1952, con il film Assassinio nella cattedrale, tratto dal dramma teatrale omonimo di Thomas Stearns Eliot.

Da ricordare la sua esilarante interpretazione dell'acerrimo nemico di Sherlock Holmes, l'esimio professor Moriarty, nel film Il fratello più furbo di Sherlock Holmes di Gene Wilder (1975).

Il diabete e altri problemi di salute lo costrinsero a ritirarsi dalla scena teatrale nel 2000. Morì due anni più tardi, il 23 luglio 2002, e venne sepolto nel cimitero crematorio di Haycombe a Bath, nel Somerset.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine dell'Australia - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dell'Australia
«Per il servizio alle arti sceniche.»
— 26 gennaio 1983[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN117438931 · ISNI (EN0000 0000 8186 584X · LCCN (ENn84189915 · GND (DE139402691 · BNF (FRcb140220358 (data) · WorldCat Identities (ENn84-189915