Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1828

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1828
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Data 31 ottobre/2 dicembre
Affluenza 57, 6%[1] %
Andrew Jackson.jpg JohnQAdams.png
Candidati Andrew Jackson John Quincy Adams
Partito Democratico National Republican Party
Voti 642.553
56,0 %
500.897
43,6 %
Grandi elettori 178 83
ElectoralCollege1828.svg
Presidente uscente
John Quincy Adams
Left arrow.svg 1824 1832 Right arrow.svg

Le elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1828 furono l'11° tornata elettorale quadriennale e si tennero da venerdì 31 ottobre a martedì 2 dicembre; sarà caratterizzata da una ripetizione della sfida tra il presidente in carica John Quincy Adams e Andrew Jackson, il quale era già riuscito ad ottenere la maggioranza dei grandi elettori del collegio elettorale già nelle elezioni presidenziali del 1824.

Senza altri candidati di primo piano in lizza Jackson e il suo principale alleato Martin Van Buren consolidarono le basi dei propri suffragi nel profondo Sud e Stato di New York e sconfissero facilmente Adams. Il Partito Democratico fuse le sue forze provenienti sia dai contemporanei sostenitori di Jackson che dalla loro coalizione con alcuni dei sostenitori di William Harris Crawford (i "vecchi repubblicani") e del Vicepresidente incumbent John Calhoun. Jackson potrà in tal maniera diventare il primo Presidente statunitense il cui Stato di origine non era né il Massachusetts né la Virginia.

La tariffa del 1828, indicata dai suoi oppositori come la "Tariff of Abominations", era stata convertita in legge all'inizio dell'anno, aumentando così le imposte doganali fino al 60%; anche se era riuscita a passare slamente di stretta misura al vaglio della Camera dei Rappresentanti, risulterà immediatamente assai impopolare negli Stati meridionali in quando essi importavano materiali e merci prevalentemente dall'estero[2].

Jackson e i Democratici vi si opposero con forza, anche se la loro politica non risultò alla fin fine determinante per impedirne la promulgazione[3] seppur temporanea; l'avversione nei riguardi del disegno di legge presentato portò ad a una decisa divisione del voto in due sezioni principali: quello nordico di minoranza andato ad Adams e quello meridionale che invece gli preferì Jackson. Quest'ultimo fece anche un appello personale agli Stati del West, giungendo a raccogliere i loro voti elettorali.

L'elezione inaugurò e mise in evidenza la cosiddetta "Democrazia Jacksoniana", segnando la transizione dal "primo sistema partitico" (che portò all'ascesa della democrazia jeffersoniana) al secondo. Con l'espansione in corso del diritto di voto alla maggior parte degli uomini bianchi vi sarà inoltre una forte espansione dell'elettorato, con il 9,5% degli americani che hanno scelto il Presidente rispetto all'appena 3,4% di 4 anni prima[4].

Gli storici dibattono sul ruolo che ebbe nel proseguio della storia pubblica nazionale, con molti di loro i quali sostengono abbia segnato l'inizio della più autentica politica americana moderna con la decisiva istituzione della Democrazia rappresentativa e il permanente costituirsi di un sistema in larga prevalenza bipartitico[5].

Nella mappa dei risultati a lato il colore blu indica gli Stati vinti da Jackson e Calhoun/Smith, mentre il giallo quelli conquistati da Adams/Rush; i numeri raffigurano i voti elettorali assegnati a ciascuno Stato.

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Nomination[modifica | modifica wikitesto]

Democratici[modifica | modifica wikitesto]

Democratic Party (United States)
Democratic Party Ticket, 1828
Andrew Jackson John C. Calhoun
for President for Vice President
Andrew jackson head.jpg
'John Caldwell Calhoun' by William Harrison Scarborough.jpg
Ex senatore per il Tennessee
(1797–1798 & 1823–1825)

Vicepresidente degli Stati Uniti d'America
(1825–1832)
Campaign

National Republican Party[modifica | modifica wikitesto]

Federalist Cockade.svg
National Republican Ticket, 1828
John Quincy Adams Richard Rush
for President for Vice President
JQA Photo.tif
Richard Rush engraving.png

Presidente degli Stati Uniti d'America
(1825-1829)

Segretario al Tesoro
(1825-1829)
Campaign

Appuntamento elettorale[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Candidato Partito Voti  % voti Grandi Elettori
Andrew Jackson Partito Democratico 642.553 56.0% 178
John Adams Partito Nazionale Repubblicano 500.897 43.6% 83
Altri 4.568 0,4% 0
Totale 1.148.018 100,0% 261

Risultati per Stato[modifica | modifica wikitesto]

1828 Electoral Map.png


Andrew Jackson
Democratico
John Quincy Adams
National Republican
Totale Stati
Stato federato Voti
elettorali
#  % Voti
elettorali
#  % Voti
elettorali
#
Alabama Alabama 5 0001361816.736 89,89 5 000486691.878 10,09 - 18.618 AL
Carolina del Nord Carolina del Nord 15 37.814 73,07 15 13.918 26,90 - 51.747 NC
Carolina del Sud Carolina del Sud 11 senza voto popolare 11 senza voto popolare - SC
Connecticut Connecticut 8 4.448 22,95 - 13.829 71,36 8 19.378 CT
Delaware Delaware 3 senza voto popolare senza voto popolare 3 - DE
Georgia Georgia 9 19.362 96,79 9 642 3,21 - 20.004 GA
Illinois Illinois 3 9.560 67,22 3 4.662 32,78 - 14.222 IL
Indiana Indiana[6] 5 22.201 56,62 5 17.009 43,38 - 39.210 IN
Kentucky Kentucky 14 39.308 55,54 14 31.468 44,46 - 70.776 KY
Louisiana Louisiana 5 4.605 53,01 5 4.082 46,99 - 8.687 LA
Maine Maine 9 13.927 40,03 1 20.773 59,71 8 34.789 ME
Maryland Maryland 11 22.782 49,75 5 23.014 50,25 6 45.796 MD
Massachusetts Massachusetts 15 6.012 15,39 - 29.836 76,36 15 39.074 MA
Mississippi Mississippi 3 6.763 81,05 3 1.581 18,95 - 8.344 MS
Missouri Missouri 3 8.232 70,64 3 3.422 29,36 - 11.654 MO
New Hampshire New Hampshire 8 20.212 45,90 - 23.823 54,10 8 44.035 NH
New Jersey New Jersey 8 21.809 47,86 - 23.753 52,12 8 45.570 NJ
New York New York 36 139.412 51,45 20 131.563 48,55 16 270.975 NY
Ohio Ohio[6] 16 67.596 51,60 16 63.453 48,40 - 131.049 OH
Pennsylvania Pennsylvania[6] 28 101.457 66,66 28 50.763 33,34 - 152.220 PA
Rhode Island Rhode Island[6] 4 820 22,91 - 2.755 76,96 4 3.580 RI
Tennessee Tennessee 11 44.293 95,19 11 2.240 4,81 - 46.533 TN
Vermont Vermont[6] 7 8.350 25,43 - 24.363 74,20 7 32.833 VT
Virginia Virginia 24 26.854 68,99 24 12.070 31,01 - 38.924 VA
Stati Uniti Stati Uniti: 261 642.553 55,97 178 500.897 43,63 83 1.148.018 US
MAGGIORANZA
GRANDI ELETTORI:
131

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Voter Turnout in Presidential Elections, in The American Presidency Project, UC Santa Barbara.
  2. ^ The Causes of the Civil War. 3rd ed. New York: Touchstone, 1991
  3. ^ [1] Taussig, F.W., The Tariff History of the United States, Part I, Fifth Edition, G. P. Putnam’s Sons, 1910, pages 88, 89, (page 55 in .pdf format)
  4. ^ J.N. Kish, U.S. Population 1776 to Present, su Google Fusion Tables. URL consultato il 10 febbraio 2015.
  5. ^ David Waldstreicher, "The Birth of Modern Politics: Andrew Jackson, John Quincy Adams, and the Election of 1828./Vindicating Andrew Jackson: The 1828 Election and the Rise of the Two Party System," Journal of the Early Republic, Winter 2010, Vol. 30 Issue 4, pp 674-678
  6. ^ a b c d e vote tallies from Counting the Votes website by G. Scott Thomas

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Samuel Flagg Bemis, John Quincy Adams and the Union, vol. 2, 1956.
  • Cheathem, Mark. "Frontiersman or Southern Gentleman? Newspaper Coverage of Andrew Jackson during the 1828 Presidential Campaign," The Readex Report (2014) 9#3 online
  • Cole, Donald B. Vindicating Andrew Jackson: The 1828 Election and the Rise of the Two Party System (2009) excerpt and text search
  • Michael F. Holt, Political Parties and American Political Development: From the Age of Jackson to the Age of Lincoln, 1992.
  • Howell, William Huntting. "Read, Pause, and Reflect!!", Journal of the Early Republic, Summer 2010, Vol. 30 Issue 2, pp 293-300; examines the campaign literature of 1828
  • Richard P. McCormick, The Second American Party System: Party Formation in the Jacksonian Era, 1966.
  • Parsons, Lynn H. The Birth of Modern Politics: Andrew Jackson, John Quincy Adams, and the Election of 1828 (2009) excerpt and text search
  • Robert V. Remini, Martin Van Buren and the Making of the Democratic Party, 1959.
  • Robert V. Remini, Andrew Jackson and the Course of American Freedom, 1822-1832, 1981.
  • Swint, Kerwin C., Mudslingers: The Top 25 Negative Political Campaigns of All Time, Praeger Publishers, 2006.
  • Harry L. Watson, Liberty and Power: The Politics of Jacksonian America, 1990, ISBN 0-374-52196-4.
  • Sean Wilentz, The Rise of American Democracy: Jefferson to Lincoln, 2005.

Altre letture[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica