Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1936

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1936
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Data 3 novembre
FDR in 1933.jpg LandonPortr.jpg
Candidati Franklin Delano Roosevelt Alf Landon
Partito Partito Democratico Partito Repubblicano
Voti 27.752.648
60,8 %
16.681.862
36,5 %
Grandi elettori 523 8
ElectoralCollege1936.svg
Presidente uscente
Franklin Delano Roosevelt (Partito Democratico)
Left arrow.svg 1932 1940 Right arrow.svg

Le elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1936 si svolsero il 3 novembre. La sfida oppose il candidato repubblicano Alfred Mossman Landon e il presidente democratico uscente Franklin Delano Roosevelt.

Le elezioni del 1936 furono caratterizzate da un evento centrale nella storia della statistica e dei sondaggi. La rivista Literary Digest, che aveva puntualmente previsto i risultati delle quattro elezioni presidenziali precedenti, condusse un sondaggio elettorale reclutando un campione di dieci milioni di cittadini dalle liste del registro automobilistico e dell'elenco telefonico. Solo 2,3 milioni di persone parteciparono all'indagine. Secondo il Digest, le elezioni sarebbero state certamente vinte da Landon.

Contemporaneamente, lo statistico George Gallup predisse invece la vittoria di Roosevelt utilizzando un campione molto più ristretto (50.000 persone). Non solo, ma con un esiguo sottoinsieme delle persone incluse nella lista del 'Digest' (3.000) Gallup replicò i risultati ottenuti dalla rivista.

Le elezioni furono vinte da Roosevelt. Literary Digest chiuse i battenti dopo due anni. La lezione di Gallup fu fondamentale negli anni a venire, dimostrando la scarsa importanza della dimensione del campione statistico rispetto alla sua composizione, che dev'essere necessariamente casuale e probabilistica. Servendosi infatti degli elenchi del telefono e del registro automobilistico, il Digest aveva finito per intervistare troppi repubblicani (mediamente più ricchi e più facilmente in possesso di un'utenza telefonica o di una automobile) e di conseguenza aveva sottostimato l'elettorato democratico. Dalle elezioni successive, la tecnica di campionamento utilizzata dai sondaggisti fu quella per quote.[1][2]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Candidati Grandi elettori Voti
Presidente Vicepresidente Partito # # %
Franklin D. Roosevelt, NY John Nance Garner, TX Democratico 523 27.752.648 60,8
Alf Landon, KS Frank Knox, IL Repubblicano 8 16.681.862 36,5
William Lemke, ND Thomas C. O'Brien, MA Union Party 0 892.378 2,0
Norman Thomas, NY George A. Nelson Socialista d'America 0 187.910 0,4
Earl Browder, NY James W. Ford, NY Comunista 0 79.315 0,2
Altri 0 53.586 0,1
Totale 531 45.647.699 100,0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Corbetta e Gasperoni, I sondaggi politici nelle democrazie contemporanee, Il Mulino.
  2. ^ Due clamorosi errori nella storia dei sondaggi elettorali Archiviato il 2 gennaio 2010 in Internet Archive..

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]