Deserto del Monte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monte argentino
Argentine Monte
Ischigualasto national park.jpg
Effetti dell'erosione sulle rocce del deserto del Monte presso Ischigualasto, in Argentina.
Ecozona Neotropicale (NT)
Bioma Praterie, savane e macchie temperate
Codice WWF NT0802
Superficie 409,000 km2
Conservazione Vulnerabile
Stati Argentina Argentina
Scheda WWF

Il deserto del Monte è un'ecoregione sudamericana della ecozona neotropicale appartenente al bioma delle Praterie, savane e macchie temperate (codice ecoregione: NT0802[1]). Si trova situata interamente nell'Argentina e si estende sulle aree pedemontane delle province argentine di Catamarca, La Rioja, San Juan, San Luis e Mendoza e inoltre nella metà occidentale della Provincia di La Pampa e nell'estremità settentrionale della Provincia di Río Negro.

Il deserto si trova a sud del deserto di Atacama, nel Cile, a nord del vasto deserto della Patagonia, a est delle Ande e a ovest della catena montuosa delle Sierras de Córdoba.[2]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La delimitazione tra il deserto del Monte, il deserto di Atacama e le steppe della Patagonia, non è ben delineata e il deserto sembra essere quasi la continuazione degli altri due. Gli aspetti geografici sono simili a quelli dell'interno del deserto patagonico, con sedimenti vulcanici, pianure pedemontane, gruppi montuosi e laghi salati disseccati. I fiumi più importanti che lo attraversano sono il Colorado e il suo affluente Río Desaguadero, che si incontrano nella parte sud della regione e rappresentano la principale fonte di irrigazione per la coltivazione della vite.

La regione si trova sottovento a est delle Ande, e a ovest delle Sierras de Córdoba, e riceve poche precipitazioni a causa dell'ombra pluviometrica esercitata dalle catene montuose, che è la principale causa dell'aridità dell'area e della formazione sia del deserto del Monte che degli altri deserti contigui. Questo deserto tuttavia risente in modo minore degli effetti delle correnti marine fredde al largo delle coste sudamericane. Questo permette lo sviluppo di una maggiore varietà di forme di vita rispetto agli altri due deserti dove le condizioni sono più estreme.[3]

Flora[modifica | modifica wikitesto]

La flora della regione è molto più diversificata rispetto al confinante deserto della Patagonia (in cui crescono prevalentemente arbusti e erbe) e al deserto di Atacama (sostanzialmente privo di forme di vita). Qui gli arbusti spinosi e le erbe sono molto più comuni e nelle aree più ospitali crescono anche alti cactus. Nell'ecoregione scorrono lentamente anche fiumi con numerosi meandri che creano occasionalmente foreste a galleria. La formazione vegetale più comune è il jarillal, una consociazione caratterizzata dalla presenza del genere Larrea (Larrea cuneifolia, Larrea divaricata e Larrea nitida)([1].

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

La fauna è simile a quella del deserto della Patagonia, ma più diversificata nel numero e nelle specie grazie alle condizioni più favorevoli. Piccoli mammiferi come i topi sono abbondanti, ma si trovano anche animali più grandi come il guanaco e la civetta delle tane. I mammiferi più caratteristici sono l'armadillo peloso urlatore, il Chlamyphorus tuncatus, il puma e vari roditori [1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Argentine monte, in Terrestrial Ecoregions, World Wildlife Fund. URL consultato il 15 marzo 2017.
  2. ^ Monte Desert Archiviato il 31 maggio 2011 in Internet Archive. Desert Community Ecology research team
  3. ^ Dawson, John; Lucas, Rob. The Nature Of Plants: Habitats, Challenges, and Adaptations. 2005 Timber Press. ISBN 0-88192-675-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]