Aral Karakum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aral Karakum
Syr29.jpg
StatiKazakistan Kazakistan
Superficie40 000 km²
Mappa di localizzazione: Kazakistan
Aral Karakum
Aral Karakum
Coordinate: 46°41′17.88″N 63°01′09.12″E / 46.6883°N 63.0192°E46.6883; 63.0192

L’Aral Karakum (in kazako: Арал қарақұмы; in russo: Приара́льские Караку́мы) è un deserto del Kazakistan situato a Nord-Est del lago d’Aral. È delimitato a sud dal fiume Syr Darya. Ricopre un’area di 40.000 km².[1][2]

Il territorio della regione è abbastanza pianeggiante e varia dai 55 ai 118 metri di altitudine. Le dune possono raggiungere i 25 metri di altezza. La regione è molto arida gli alvei dei fiumi presentano acqua generalmente solo durante i mesi primaverili, quando si sciolgono le nevi invernali. Le precipitazioni annue si aggirano attorno ai 120 millimetri.

Durante l'inverno, che dura da metà novembre a metà marzo, il cielo è spesso coperto dalle nuvole e da frequenti nebbie. Le temperature medie diurne sono dell’ordine di 5-10 °C, mentre quelle notturne si aggirano attorno ai -25 °C. La temperatura minima registrata è stata di –42 °C. Le precipitazioni invernali sono prevalentemente nevose. Il manto di neve che ricopre il suolo misura in media circa 15 centimetri di spessore, ma può raggiungere anche i 30 centimetri.

Le estati durano da maggio a metà settembre. Le temperature diurne si aggirano normalmente attorno ai 30-35 °C; sono state registrate massime di 43 °C. Di notte le temperature scendono a 15-18 °C. Durante l’estate la regione è spesso spazzata da venti secchi e tempeste di sabbia.

La scarsa vegetazione dell’Aral Karakum, costituita prevalentemente da specie erbacee, viene pascolata dalle pecore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eugene Schuyler, Turkistan. Notes Of A Journey In Russian Turkistan, Khokand, Bukhara, And Kuldja, London, Sampson Low, Marston, Searle, & Rivington, 1876, p. 26.
  2. ^ Januarius A. Mac Gahan, Campaigning On The Oxus. And The Fall Of Khiva, London, Sampson Low, Marston, Searle, & Rivington, 1876, p. 13.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Kazakistan: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Kazakistan