Carlo Fidanza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlo Fidanza
Fidanza, Carlo-1971.jpg

Eurodeputato
Legislature VII
Gruppo
parlamentare
Partito Popolare Europeo
Circoscrizione Italia nord-occidentale
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Fratelli d'Italia
Circoscrizione Lombardia 1
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Fratelli d'Italia (Dal 2012)
In precedenza:
MSI (Fino al 1995)
AN (1995-2009)
PdL (2009-2012)
Titolo di studio Diploma di Liceo Scientifico
Professione Consulente Aziendale

Carlo Fidanza (San Benedetto del Tronto, 21 settembre 1976) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno), ma vive a Milano.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Ha ricoperto vari incarichi di responsabilità in Azione Giovani (movimento giovanile di Alleanza Nazionale) di cui è stato Presidente milanese, leader nazionale della destra sociale giovanile e Vice Presidente Nazionale (dopo essere stato sconfitto da Giorgia Meloni nel congresso nazionale di Viterbo del 2004).

È stato Capogruppo di Alleanza Nazionale in Consiglio di Zona 5 a Milano (1997-2001), e Assessore nel Comune di Desio (2005-2006).

Dal 2006 al 2011 è stato Consigliere Comunale a Milano, dapprima capogruppo di Alleanza Nazionale, poi Vice Capogruppo del Popolo della Libertà e Presidente della Commissione Consiliare "Expo 2015".

È stato membro dell'Ufficio di Presidenza nazionale di Anci Giovane, consulta nazionale dei giovani amministratori locali under 35.

È stato inoltre membro della Direzione Nazionale e Vice Coordinatore Regionale del Popolo della Libertà in Lombardia nonché membro dell'Ufficio di Presidenza di Giovane Italia, movimento giovanile del PdL.

Europarlamentare[modifica | modifica wikitesto]

Nelle elezioni europee del 6-7 giugno 2009 è stato eletto parlamentare europeo per il Popolo della Libertà nella circoscrizione Nord-Ovest (Lombardia, Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta) con 26822 preferenze personali.

Il 20 dicembre 2012 lascia il PdL ed è tra i dodici fondatori di Fratelli d'Italia - Centrodestra Nazionale, il nuovo partito promosso da Giorgia Meloni, Ignazio La Russae Guido Crosetto.

Nel gennaio 2013 viene eletto Vice Capodelegazione al Parlamento Europeo in rappresentanza di Fratelli d'Italia, in seno alla delegazione PdL che, per ragioni regolamentari, comprende esponenti di diversi partiti di centrodestra.

Dal novembre 2013 fino a fine mandato è stato Capodelegazione di Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale al Parlamento Europeo.

Nel corso del suo mandato europeo è stato membro titolare della Commissione Trasporti e Turismo e membro supplente della Commissione Agricoltura.

È stato membro dell'Ufficio di Presidenza del gruppo PPE, dal quale Fratelli d'Italia annuncerá la fuoriuscita a marzo 2014.

In occasione delle elezioni europee del 25 maggio 2014 ha riportato 12.738 preferenze personali nella lista di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale nella circoscrizione Nord-Ovest, non risultando eletto in quanto il partito non ha superato la soglia di sbarramento a livello nazionale.

È componente dell'Ufficio di Presidenza e responsabile nazionale degli Enti Locali di Fratelli d'Italia.

Dal gennaio 2015 è membro supplente del Comitato delle Regioni dell'Unione Europea e dal settembre 2017 è membro indipendente del gruppo ECR (European Conservatives and Reformists), nel cui bureau di presidenza rappresenta la delegazione italiana.

Il 26 febbraio 2016 il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti lo ha nominato Commissario straordinario dell'Agenzia regionale per la promozione turistica "In Liguria".[1]

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 marzo 2018 è stato eletto deputato alla Camera nelle liste di Fratelli d'Italia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Fidanza, su europarl.europa.eu, Parlamento europeo. URL consultato il 19 aprile 2014. Modifica su Wikidata