Assistente parlamentare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'assistente parlamentare, comunemente chiamato portaborse, è una figura professionale, scelta intuitu personae, che lavora presso un'istituzione parlamentare al servizio di un personaggio o di un gruppo politico.

La natura fiduciaria dell'incarico - che cessa al termine del mandato del parlamentare, a differenza dei dipendenti delle Camere assunti per concorso - non osta a regolamentazioni ulteriori, introdotte dalle Camere, che variano da Stato a Stato.

Terminologia[modifica | modifica wikitesto]

Nel Parlamento italiano il termine assistente parlamentare indica una figura professionale ben diversa, dipendente di ruolo dell'Istituzione ed assunto per pubblico concorso. All'Assemblea regionale siciliana, mutuando la terminologia nazionale, lo stesso termine si applica ai locali commessi, mentre è diversa e molteplice (a seconda della dipendenza dai Gruppi o dai singoli eletti) la definizione che si applica ad alcune figure di collaboratori scelti intuitu personae dai politici per la durata della legislatura[1].

Figura professionale[modifica | modifica wikitesto]

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia si usa il termine collaboratore parlamentare, per indicare la figura professionale simile a quella che in ambito europeo viene chiamata assistente parlamentare, stante il possibile equivoco terminologico con il modo in cui gli atti interni definiscono il commesso parlamentare.

La figura del collaboratore parlamentare è meno professionalizzata rispetto all'assistente parlamentare del Parlamento europeo. Spesso viene infatti definita, in modo spregiativo, col nome di portaborse e dotata di basso profilo esecutivo. Non rare tuttavia le eccezioni, di collaboratori di elevatissimo profilo giuridico e legislativo, che successivamente assumono ruoli politici in prima persona[2].

I collaboratori parlamentari in Italia sono stati inoltre oggetto di polemiche giornalistiche e politiche poiché si è scoperto come raramente i medesimi siano in grado di esibire regolare contratto lavorativo[3], come peraltro previsto dalla legge italiana[4] che impone al datore di lavoro pagamenti tracciabili[5] anche per quanto riguarda gli oneri previdenziali[6]. La Presidente della Camera dei deputati ha ravvisato, in una dichiarazione del 3 ottobre 2017, «la necessità di una differente regolamentazione dei rapporti economici tra i deputati e i collaboratori parlamentari. Attualmente è il singolo deputato che provvede a retribuire chi collabora con lui, ma più trasparente sarebbe un rapporto nel quale fosse la Camera a erogare il compenso in presenza di un contratto regolarmente registrato. È quello che da tempo, giustamente, chiede l'Associazione che rappresenta questi lavoratori e lavoratrici. Quando li ho incontrati ho apprezzato le loro proposte, ma non ho riscontrato tra i gruppi il consenso necessario per giungere a una decisione, trattandosi di una materia sulla quale deve deliberare l'Ufficio di Presidenza»[7].

Anche i profili deontologici della scelta effettuata sono oggetto di regolamentazione[8], ma in Italia essa è assunta in autodichia dalle Camere. All'estero, invece, la salvaguardia della genuinità della dichiarazione in ordine alle mansioni[9] attribuite agli assistenti parlamentari è stata oggetto di normative sanzionate dall'ordinamento generale: alla luce di quelle varate per il Parlamento europeo, sono state avanzate delle richieste di restituzione di somme[10] ed in alcuni casi sono stati aperti anche dei procedimenti penali in patria[11].

In Francia[modifica | modifica wikitesto]

Anche in Francia la carriera politica può passare per inizi da assistenti parlamentari: il candidato alle presidenziali 2017 Benoît Hamon, ad esempio, fu assistente del deputato Pierre Brana all'inizio degli anni Novanta.

Nel suo discorso a Versailles del 3 luglio 2017, il presidente della Repubblica Macron - nell'ambito dell'illustrazione della proposta di un "Parlamento meno numeroso, ma rafforzato nei suoi mezzi" - ha auspicato che i parlamentari "possano contornarsi di collaboratori meglio formati e più numerosi"[12].

Dopo lo scandalo che ha coinvolto Fillon, anche in Francia "si fa strada l'idea di creare uno «statut du collaborateur conjoint ou membre de famile», un regolamento a parte per gli assistenti parlamentari parenti stretti del deputato": finora, infatti, a differenza delle normative interne al Parlamento europeo[13], a Parigi "la possibilità di assumere mogli, mariti, figli, cugini e cognati come assistenti parlamentari e metterli a carico del bilancio della République è tuttora, e da lungo tempo, un fatto assolutamente normale, legale, regolare"[14], "ma il punto è che quelle persone devono poi lavorare davvero per l’attività parlamentare, altrimenti si tratta di impieghi fittizi"[15]. Nel giugno 2017 il ministro François Bayrou ha proposto[16] un provvedimento per la “moralizzazione della vita pubblica”, nell'ambito del quale è previsto "il divieto di assumere i familiari come assistenti o collaboratori e una forte riduzione delle attività di consulenza. L’intento della legge è quello di evitare il ripetersi di scandali come quello di Fillon"[17]; lo stesso ministro guardasigilli, però, si è dimesso dalla carica quando il medesimo scandalo ha lambito componenti del suo partito[18].

Al Parlamento europeo[modifica | modifica wikitesto]

Per assistente parlamentare si intende il lavoratore dipendente assunto da un deputato al Parlamento europeo (Accredited Parliamentary Assistant, APA). Assiste il deputato nell'esercizio della sua funzione elettiva. L'assunzione dell'assistente parlamentare si concretizza con l'accreditamento presso il Parlamento europeo, presso le cui sedi svolgeranno le loro mansioni[19]. All'inizio di ciascuna legislatura i questori fissano il numero massimo di assistenti che ciascun deputato può accreditare. Al momento dell'entrata in servizio, gli assistenti accreditati rilasciano una dichiarazione scritta in cui enumerano le loro attività professionali nonché qualsiasi altra funzione o attività retribuita da loro esercitate. Il Parlamento europeo provvede alla loro retribuzione[20], "con contratti di lavoro subordinato e una scadenza legata alla fine del mandato del parlamentare"[21].

Dal 14 luglio 2009, inizio della settima legislatura del Parlamento europeo, è in vigore il nuovo Statuto degli assistenti parlamentari accreditati. Istituito con Regolamento Ue 160/2009, lo Statuto istitutisce la nuova categoria professionale degli assistenti parlamentari accreditati, dispone regole comuni per il trattamento economico, la previdenza sociale, i diritti ed i doveri. Prima dello statuto, gli assistenti parlamentari erano retribuiti sulla base di contratti di diritto nazionale, con differenze significative fra i livelli di retribuzione. Lo Statuto prevede inoltre l'elezione di un comitato di Rappresentanza, composto da 7 membri eletti dal corpo degli assistenti parlamentari accreditati, a tutela dei loro interessi.

Nel 2016 Europarl TV, canale televisivo del Parlamento europeo, ha dedicato un proprio video[22] alla figura degli assistenti, per spiegarne brevemente mansioni e ruolo.

Nel Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord[modifica | modifica wikitesto]

In ordine alla disciplina delle tutele del rapporto di lavoro degli assistenti parlamentari che lavorano nel palazzo di Westminster, lo Speaker ancora di recente ha affermato che "i parliamentary staffers sono dipendenti dei membri del Parlamento e non delle autorità della Camera dei Comuni"[23]. Queste comunque vanno sempre più esercitando un generale potere di indirizzo sui profili deontologici della scelta, nella medesima direzione degli altri ordinamenti europei[24].

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.blogsicilia.it/palermo/347-portaborse-e-324-vitalizi-ecco-come-lars-spende-29-milioni-di-euro-lanno/435875/#x0xLiJL10mhBT6Ml.01
  2. ^ Questo sarebbe stato il caso di Matteo Renzi, che sarebbe stato l'assistente di Lapo Pistelli, secondo Oreste Martino, Quando Renzi faceva il portaborse. Ecco perché ha nominato Gentiloni, Il secolo d'Italia, 1º novembre 2014 e secondo Leopoldo Mattei, Cosa c'è dietro il divorzio tra Pistelli e il suo ex portaborse Matteo Renzi, Il Foglio, 16 giugno 2015. Per un altro caso v. Il 5 Stelle diventato vicepresidente Ue: sì, incontrai Assad, Corriere della Sera, 17 novembre 2017.
  3. ^ Camera, i portaborse restano fuori solo 250 sono stati regolarizzati - Politica - Repubblica.it
  4. ^ M5s, deputato licenzia collaboratore: "Costretto da Jobs act". E in Parlamento pochi sono in regola - Il Fatto Quotidiano
  5. ^ L'onorevole paga il portaborse in nero, L'Espresso, 9 gennaio 2017.
  6. ^ http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/10/06/luomo-dei-diritti-del-pd-ha-un-problema-riconoscerli-da-5-anni-non-paga-contributi-allassistente-parlamentare/3898458/
  7. ^ http://www.ilmessaggero.it/primopiano/politica/sottosegretario_rossi_rimette_deleghe_servizo_iene-3278363.html
  8. ^ Viene citata da Emiliano Fittipaldi "quella prevista dal Senato. Che prevede che non vengano assunti familiari, conviventi, parenti o affini", alla URL http://espresso.repubblica.it/palazzo/2013/11/04/news/portaborse-la-grillina-barbara-lezzi-assume-la-figlia-del-fidanzato-1.139980 .
  9. ^ Viene citato da Alberto D'Argenio il caso di coloro che, al Parlamento europeo, "assumono collaboratori con i soldi di Strasburgo ma li impiegano in patria per lavorare al partito", alla URL: Scandalo rimborsi alla Ue: così i partiti euroscettici hanno truffato Strasburgo - Repubblica.it .
  10. ^ Lo scandalo dei rimborsi Ue: sotto inchiesta anche deputati italiani - Rai News
  11. ^ Marine Le Pen deve dei soldi all'Europa - Il Post
  12. ^ Devant le Congrès, Emmanuel Macron propose de réduire d'un tiers le nombre de parlementaires, Le Figaro, 3/07/2017.
  13. ^ Francia, Le Pen convocata dai giudici invoca immunità e non si presenta - Il Fatto Quotidiano
  14. ^ Giuseppe Corsentino, In parlamento con i familiari, ItaliaOggi, 15 febbraio 2017.
  15. ^ Notizie di esteri del Corriere della Sera, su corriere.it.
  16. ^ http://www.lefigaro.fr/politique/2017/06/01/01002-20170601ARTFIG00228-ce-que-prevoit-la-loi-de-moralisation-publique-de-bayrou.php?redirect_premium
  17. ^ Francia, si dimettono 2 ministri in 24 ore: dopo Ferrand lascia anche Sylvie Goulard, Fatto quotidiano, 20 giugno 2017.
  18. ^ http://www.lefigaro.fr/photos/2017/06/21/01013-20170621ARTFIG00053-francois-bayrou-et-marielle-de-sarnez-quittent-le-gouvernement.php
  19. ^ "Un assistant parlementaire accrédité doit être employé «sur l'un des trois lieux de travail» (Bruxelles, Strasbourg, Luxembourg) du Parlement européen, et est «tenu de résider» à proximité": Assistants parlementaires du FN: le rapport qui embarrasse Marine Le Pen, Le Figaro, 17/02/2017.
  20. ^ Parlamento europeo: "Assistente parlamentare"
  21. ^ Vannino Chiti,Vitalizi, pensioni e stipendi dei parlamentari, ecco una proposta di sobrietà e trasparenza, Huffington Post, 07/03/2017: vi si legge anche che il sistema del Parlamento europeo supera le evidenti "criticità legate a un utilizzo discrezionale delle risorse e alla natura del rapporto di lavoro che si viene a creare tra senatore e collaboratore", perché è sbagliato che "il rapporto di lavoro con i collaboratori di segreteria (...) sia gestito personalmente dai parlamentari".
  22. ^ The A(ssistant)-Team
  23. ^ Parliament 'ignored' sex assault allegation made by woman working for MP - despite her reporting it four times, The Independent, 2017-10-31.
  24. ^ http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/03/16/uk-i-deputati-non-potranno-piu-assumere-familiari-e-scoppia-anche-lo-scandalo-sulle-spese-elettorali-e-rimborsi/3455827/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]