BFC Media

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da BLUE Financial Communication)
Jump to navigation Jump to search
BFC Media
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Borse valoriBorsa Italiana: BLUE
ISINIT0005144768
Fondazione1995 a Milano
Sede principaleMilano
Persone chiaveDenis Masetti, presidente
SettoreEditoria
Prodotti
Fatturato7.840.000 (2019)
Utile netto186.761 € (2019)
Slogan«The media & digital company»
Sito webbluefinancialcommunication.com

BFC Media S.p.A. (fino al 22 aprile 2021 Blue Financial Communication S.p.A.[1]) è un gruppo multimediale italiano specializzato in informazione su personal business e prodotti finanziari. La società per azioni è quotata all’AIM Italia di Borsa Italiana dal 11 dicembre 2015 ed edita i mensili «Forbes», «Bluerating», «Private», «Asset Class», «COSMO» e il trisettimanale «Trotto&Turf». Opera i canali televisivi BFC (satellite, streaming), Bike Smart Mobility (DTT, HbbTV, streaming) e EQUOS TV (HbbTV, streaming).

BFC Media è stata fondata nel 1995 da Denis Masetti che ne è tuttora presidente e azionista di riferimento.

La società è quotata negli indici FTSE AIM Italia e AIM Italia Investable della Borsa Italiana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

BFC Media viene fondata a Milano nel 1995 su iniziativa di Denis Masetti come Blue Financial Communication Srl, comunemente abbreviato in BFC. Nel 1997 viene lanciato il sito Bluerating.com, indirizzato come l’attuale testata e piattaforma digitale alla comunità dei promotori finanziari.

È del 1997 la creazione del settimanale Bloomberg Investimenti, giornale a diffusione nazionale diretto da Alessandro Rossi in partnership con Michael Bloomberg, partecipazione che verrà ceduta nel 2002.

Nel 2002 viene lanciato il mensile «HEDGE», newsmagazine dedicato al Private banking e agli investimenti alternativi che continuerà le pubblicazioni fino al 2009, anno della grave crisi dei fondi hedge.

È del 2003 la creazione e il lancio del mensile «ADVISOR» dedicato al mondo dei promotori e dei gestori finanziari, che verrà poi ceduto nel 2010 ad altra casa editrice.

Logo Blue Financial Communication 1995-2015
Logo usato da Blue Financial Communication tra il 1995 e il 2015

Nel 2009 nasce «SOLDI», settimanale del personal business che viene distribuito nelle edicole a livello nazionale fino al 2013, poi sostituito dal sito soldiweb.com.

«Bluerating advisory e asset management» è il mensile lanciato nel 2013, inviato alle agenzie di consulenti finanziari in Italia e alle principali agenzie delle banche, oltre che distribuito in edicola e agli eventi di settore.

A novembre 2015 nasce «Private», magazine mensile dedicato al private banking.

Quotazione in borsa e ulteriore espansione[modifica | modifica wikitesto]

Venerdì 11 dicembre 2015 Blue Financial Communication S.p.A. viene ammessa al AIM Italia - Mercato alternativo del capitale di Borsa Italiana con il simbolo BLUE a seguito di un collocamento di 750 mila azioni ordinarie, per il 90% rivenienti dall'aumento di capitale e per la restante parte da azioni in vendita (10%).[2]

A maggio 2016 nasce «iFinance», mensile dedicato al mondo del fintech e del business digitale[3] e a luglio viene fondata la controllata iFinance Media Ltd. con sede a Londra, focalizzata sugli sviluppi del settore.[4]

Sempre nel 2016 viene acquisita la maggioranza di Spring Eventi Srl[5] (ora Investment & Trading Events Srl), società organizzatrice di ITForum di Rimini, manifestazione dedicata al trading online e al risparmio gestito. Dopo l'acquisizione la manifestazione raddoppia gli appuntamenti annuali con un secondo evento organizzato a Milano.

Nel 2018 viene lanciato anche il mensile «Asset Class», un nuovo magazine diretto da Andrea Giacobino che racconta il mondo dell’asset management italiano e internazionale; la rivista dispone di un’ampia sezione di analisi e comparazione dei prodotti realizzata grazie alla collaborazione con l'agenzia di rating Morningstar.[6]

A fine giugno 2018 viene inoltre acquisito il sito dedicato al trading online FinanzaOperativa.com, attivo dal 2013, che offre consigli operativi di investimento provenienti dalle analisi macroeconomiche, tecniche e fondamentali della redazione oltre a numerosi approfondimenti sulle diverse asset class, su risparmio gestito e gli strumenti di investimento, sull’educazione finanziaria e la finanza personale in genere.[7] FinanzaOperativa.com verrà poi accorpato a Bluerating.com nel corso del 2021.

Forbes Italia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'autunno 2017 su licenza di Forbes Media LLC, Blue Financial Communication lancia la versione italiana del mensile Forbes con direttore Alessandro Rossi.

Sulla copertina del primo numero, fotografato da Oliviero Toscani, appare James Ferragamo, erede della casa di moda Salvatore Ferragamo.[8] A dicembre 2017 viene anche organizzato il primo evento con marchio FORBESlive.

Cambio marchio e impegno nella televisione[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del 2019 l'azienda comincia a farsi conoscere come BFC Media, anche se il cambiamento ufficiale di ragione sociale arriverà solo nel 2021.

L'impegno nel settore televisivo di BFC Media inizia nel 2018 con la nascita della divisione BFC Video tramite un accordo di partnership con il canale Reteconomy e la produzione quotidiana del TgBluerating[9] a cui si aggiungeranno altri programmi nei mesi successivi.

Dopo 10 mesi di produzioni video indipendenti il 12 giugno 2019 va in onda il nuovo canale BFC al numero 511 della piattaforma Sky, al numero 61 di Tivùsat e in streaming sul sito bfcvideo.com. Il canale nel 2020 prevede 25 produzioni originali e accordi con partner come Euronews, Bloomberg Television, Askanews e TaTaTu.[10]

Dal mese di novembre 2019 arriva per occuparsi dell'area audiovideo Valerio Gallorini personaggio storico del mondo radiotelevisivo italiano. Nel mese di maggio 2020 viene lanciato il progetto BIKE Smart Mobility sul canale 259 della Televisione digitale terrestre e in streaming.[11]

BFC Space[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 luglio 2019 BFC Media ha acquisito il 70% della casa editrice Gruppo B Editore (ridenominata BFC Space srl)[12] che da anni editava i mensili «Le Stelle» e «Nuovo Orione», con l’obiettivo di sviluppare una nuova linea di business verticale legata al crescente interesse per l’industria della New Space Economy. A ottobre 2019 sono stati lanciati il magazine mensile «COSMO» e il sito www.BFCspace.com.

Sulla copertina del primo numero di COSMO appare l'imprenditore britannico Richard Branson fondatore dell'azienda Virgin Galactic.

BIKE Smart Mobility e Equos[modifica | modifica wikitesto]

A maggio 2020 BFC Media ha dato vita al progetto BIKE Smart Mobility, una piattaforma multimediale tv-web e magazine basata sul canale 259 del digitale terrestre (e in diretta video su BIKEplay.tv) e sul trimestrale cartaceo, che debutta come inserto del n° 33 della rivista Forbes. Nel gennaio 2021 viene acquistato il ramo d'azienda di Bike Channel lo storico canale satellitare dedicato al mondo dell due ruote.

La società Equos Srl, appositamente costituita a maggio 2020 e controllata all'80% da BFC Media, ha preso in affitto dalla società Ippica & Stampa il ramo d’azienda relativo al trisettimanale «TROTTO&TURF» che ha ripreso le pubblicazioni il 2 giugno con un’edizione di 64 pagine. L’operazione «TROTTO&TURF» è il primo segmento del PROGETTO EQUOS di BFC Media, nato per creare una serie di sinergie editoriali nel mondo dell’ippica.

Ventures Studio[modifica | modifica wikitesto]

A dicembre 2020 BFC Media ha lanciato il nuovo progetto Ventures Studio, un abilitatore di startup legate al Gruppo Editoriale. La struttura nasce all'interno di Le Village By Credit Agricole e includerà attività innovative e progetti digitali in settori quali finance, business, space, betting e smart mobility.[13]

Emittenti televisive del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Nome DTT Sky Tivùsat Streaming HbbTV
BFC X mark.svg 511 61 Yes check.svg Yes check.svg
BIKE Smart Mobility 259 X mark.svg Yes check.svg Yes check.svg
EQUOS TV 60 (SI Smart) X mark.svg Yes check.svg Yes check.svg

Principali partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Equos Srl - 80%
  • BFC Space Srl (già Gruppo B Editore) - Milano - 70%
  • ITE - Investment & Trading Events Srl
  • Gooruf Ltd - Londra
  • Gooruf Asia Ltd - Hong Kong

Dati economici e finanziari[modifica | modifica wikitesto]

I Ricavi totali consolidati al 31 dicembre 2019 raggiungono gli 8,61 milioni di euro e si attestano, dopo le riduzioni per fatture infragruppo e proventi straordinari, a 7,84 milioni di euro, registrando un incremento del 43,2% rispetto a 5,47 milioni del 2018.

Il margine operativo lordo (EBITDA) consolidato è pari a 923.128 euro (+28,8% rispetto a 716.982 euro del 2018) corrispondente a un Ebitda margin delL’11,8%. L’utile netto consolidato è di 186.761 euro (rispetto a un utile netto di 45.237 euro nel 2018).

Il Patrimonio Netto consolidato è pari a 2,081 milioni di euro e la Posizione Finanziaria Netta consolidata ammonta a 912.861 euro (debito).[14]

BFC Media ha chiuso il 2020 con un +82,6% posizionandosi come quinto miglior titolo su AIM Italia di Borsa Italiana[15]

Il 22 aprile 2021 viene cambiata la ragione sociale dell'azienda che diventa ufficialmente BFC Media S.p.A.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comunicato stampa (PDF), su Borsa Italiana, 22 aprile 2021. URL consultato il 26 aprile 2021.
  2. ^ Luca Fiore, Blue Financial Communication domani debutta sull’AIM, prezzo fissato a 2 euro, su Finanza.com, 10 dicembre 2015. URL consultato il 23 novembre 2019.
  3. ^ Marco Barlassina, Il primo numero di iFINANCE in edicola, su Bluerating.com, 17 maggio 2016. URL consultato il 24 novembre 2019.
  4. ^ iFinance raddoppia: BFC lancia a Londra la nuova iFinance Media Ltd, su Bluerating.com, 13 luglio 2016. URL consultato il 24 novembre 2019.
  5. ^ Bfc: volano i ricavi (+48%) e compra Spring (IT Forum), su Bluerating.com, 20 settembre 2016. URL consultato il 23 novembre 2019.
  6. ^ Benvenuto Asset Class, su Bluerating.com, 9 aprile 2018. URL consultato il 24 novembre 2019.
  7. ^ Blue Financial Communication cresce con Finanzaoperativa.com, su Bluerating.com, 28 giugno 2018. URL consultato il 24 novembre 2019.
  8. ^ Debutta domani in edicola il primo numero dell’edizione italiana del magazine ‘Forbes’, su primaonline.it, 23 ottobre 2017. URL consultato il 24 novembre 2019.
  9. ^ Blue Financial Communication entra nel mercato della produzione digital di video e si accorda con Reteconomy, su Prima Comunicazione, 2 ottobre 2018. URL consultato il 24 novembre 2019.
  10. ^ Nasce BFC, la TV di Blue Financial Communication, su Askanews, 12 giugno 2019. URL consultato il 24 novembre 2019.
  11. ^ DTT. Parte Bike: progetto crossmediale sulla smart mobility. Alla direzione Valerio Gallorini, su Newslinet, 6 maggio 2020. URL consultato il 9 luglio 2020.
  12. ^ Comunicato stampa 9 luglio 2019 (PDF), su 1INFO, 9 luglio 2019. URL consultato il 23 novembre 2019.
  13. ^ BFC Ventures Studio, il nuovo abilitatore di startup lanciato da BFC Media, su Forbes Italia, 11 dicembre 2020. URL consultato il 7 gennaio 2021.
  14. ^ BFC Media approva il bilancio 2019 (PDF), su 1INFO, 22 aprile 2020. URL consultato il 9 luglio 2020.
  15. ^ AIM (-6,7%) - La TOP10 2020 vede Relatech in testa (+226,8%), segue Sciuker Frames (+157,7%), su Market Insight, 30 dicembre 2020. URL consultato il 7 gennaio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]