Antiziganismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Locandina raffigurante un bambino rapito dagli zingari, tipico e infondato pregiudizio dell'antiziganismo

L'antiziganismo indica il pregiudizio e l'odio generalizzato verso i popoli romanì (rom, sinti e altri gruppi), chiamati (spregiativamente) anche zingari, gitani o zigani. L'antiziganismo è una forma di razzismo.

Fin dal loro arrivo in Europa gli “zingari” sono stati definiti “stranieri pericolosi” e sono stati accusati di spionaggio, stregoneria, di essere creature diaboliche e spaventose, così come di rifiutare di lavorare per la loro “predisposizione al furto”.[1] Pregiudizi e stereotipi di tipo razzista si verificano frequentemente in Europa, in conseguenza di credenze popolari persistenti, spesso avallate dai mezzi di comunicazione di massa, che contribuiscono ad aggravare la discriminazione nei confronti dei rom[2].

Nel 2005 e nel 2006 il razzismo nei confronti delle popolazioni gitane è diventato oggetto di attenzione a livello europeo, con l'adozione di una risoluzione del Parlamento europeo, il primo testo ufficiale che parla di antiziganismo (Anti-Gypsyism/Romaphobia in lingua inglese, antitsiganisme/romaphobie/tsiganophobie in lingua francese).[3] Le conferenze internazionali OSCE/EU/CoE di Varsavia (ottobre 2005) e Bucarest (maggio 2006), hanno confermato il termine «anti-Gypsyism» a livello internazionale[4]. Dal 2008 l'Unione europea ha inaugurato una Strategia europea per i rom[5]

Storia dell'antiziganismo[modifica | modifica wikitesto]

Lo Zigeuner-Buch, 1905
Il Dott. Robert Ritter identifica una rom con un poliziotto. Donazione dell'Archivio Federale Tedesco (Deutsches Bundesarchiv)
Deportazione di rom effettuata dai nazisti nel 1940
Manifestazione antizigana a Sofia, Bulgaria
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia dei popoli romanì e Porrajmos.

La storia dei popoli romaní è una storia di oppressione che va dalla riduzione in schiavitù, espulsione e deportazione, fino agli internamenti e il genocidio sistematico, perpetrato dal regime nazista,[6]. alla persistente discriminazione quotidiana e persecuzione razzista odierna.[7][8]

Lungo la storia che li accompagna fino ad oggi si è protratta nel tempo la diffidenza nata al loro primo apparire nel Medioevo europeo: il nomadismo come maledizione di Dio; la pratica di mestieri quali forgiatori di metalli, considerati nella superstizione popolare riconducibili alla magia; le arti divinatorie identificabili come aspetto stregonesco, ecc.[9] Di qui la tendenza delle società moderne a liberarsi di tale presenza anche a costo dell'eliminazione fisica. Tutti i paesi europei adottarono bandi di espulsione nei loro confronti, fino alla programmazione del genocidio dei rom, insieme a quello degli ebrei, durante il nazismo in Germania (porrajmos), in cui trovarono la morte circa 500.000 persone romanì. Nella stessa Auschwitz esisteva un ghetto riservato agli zingari: erano le baracche chiamate "Zigeuner Lager".

In Germania, e nel resto dell'Europa, la popolazione zingara fu vista con diffidenza sin dal medioevo[10]. Gli zingari, essendo un popolo nomade, si mostravano diversi dalle altre popolazioni per usi e costumi. Furono accusati di stregoneria, e durante il Sacro Romano Impero di essere spie al servizio dei turchi. Con la Riforma protestante fu severamente vietato l'accattonaggio, una delle attività principali degli zingari, che giudicati come mendicanti, per di più stranieri, non erano accolti dalle parrocchie. Alcuni di questi reati erano talvolta puniti con la pena di morte.

Nel XVII secolo, in seguito alla Guerra dei Trent'anni, i paesi dilaniati dal conflitto, e soprattutto la Germania, furono travolti da un'ondata di brigantaggio che vide come protagonisti numerosi gruppi di zingari spinti dalla fame. Così i principi tedeschi emanarono una serie di leggi contro di loro per fermarne le scorribande. Durante il 1700 vennero promulgate molte norme contro il vagabondaggio, il nomadismo, e in generale verso le attività zingare da parte di figure quali Augusto I di Sassonia e Adolfo Federico IV di Meclemburgo-Strelitz[11].

Con l'Illuminismo la situazione migliorò sensibilmente e molte di queste leggi furono attenuate. Si trasformarono in forme di controllo e monitoraggio, mirate all'identificazione degli individui presenti nei vari Paesi. Durante la Repubblica di Weimar gli zingari iniziarono a essere controllati da speciali corpi di polizia che garantivano l'ordine pubblico, imponendo documenti di identificazione e permessi per sostare in luoghi predisposti rispettando il numero di persone e carovane che erano consentite. Tutti gli zingari presenti sul territorio tedesco vennero schedati ed iscritti nel cosiddetto Zigeuner-Buch già dal 1905 [12][13]. In Italia l'epurazione del territorio dagli zingari venne trattata già prima dello scoppio della guerra in una circolare dell'8 agosto del 1926, dove si ordinava di respingere qualsiasi carovana priva di documenti e di segnalare quelle che non rispettavano i limiti di tempo e di itinerario fissati dalle autorità.

Nel dopoguerra in Svizzera il programma eugenetico Kinder der Landstrasse, appoggiato e finanziato dalle autorità, sottrasse dai 600 ai 2000 bambini Jenisch alle loro famiglie. La sterilizzazione forzata delle donne romanì era inoltre pratica corrente in Cecoslovacchia e altri paesi del blocco ex sovietico.

L'anti-ziganismo è proseguito anche negli anni 2000, in particolare in Slovacchia,[14] Ungheria,[15] Slovenia[16] e Kosovo.[17] In Bulgaria, il professor Ognian Saparev ha scritto articoli che affermano che "gli zingari" sono culturalmente inclini a frodi e utilizzano il loro status minoritario per "ricattare" la maggioranza [18]. L'Unione europea ha condannato la Repubblica ceca e la Slovacchia nel 2007 per la separazione forzata dei bambini romani dalle scuole regolari [19]

In tutta l'Europa «si è costruito lo stereotipo dello zingaro criminale incallito e irrecuperabile, negando l'identità a quel popolo e disconoscendo l'esistenza di una lingua e di una cultura Rom e di una loro struttura sociale. Non vi è stato scambio culturale con le popolazioni europee ospitanti, come viceversa accade quando due popoli, con culture differenti, vengono a contatto. Verso i rom, la risposta delle popolazioni ospitanti è stata di tipo normativo, quasi sempre repressivo, allo scopo di evitarne la presenza sul territorio nazionale o di normalizzarla, attraverso l'assimilazione»[20][21].

Si stima che nel mondo ci siano tra i 12 e i 15 milioni di rom. Tuttavia il numero ufficiale di rom è incerto in molti paesi.[22] Questo anche perché molti di loro rifiutano di farsi registrare come etnia rom per timore di subire discriminazioni.[23]

Antiziganismo in Europa[modifica | modifica wikitesto]

Una donna rom dimostra a Bucarest contro l'insulto rivolto dal presidente Traian Băsescu a un giornalista nel maggio 2007, "sporca zingara".[24]

Nel 1977 una risoluzione dell'ONU (Sottocommissione per la lotta contro le misure discriminatorie e la protezione delle minoranze) definiva gli “zingari” come la minoranza trattata peggio in Europa; mentre il Consiglio d'Europa ha più volte espresso allarmata attenzione al caso dei rom e dei sinti, con un susseguirsi di osservazioni critiche ai paesi membri dal 1969, fino ad oggi.[25]

Secondo uno studio del 2002 delle Nazioni Unite, i cittadini rom in Europa sono arrestati per furto e rapina molto più spesso che i non-rom.[26] Amnesty International[27] e i gruppi per i diritti umani come l'Unione Romanì ne accusano il razzismo diffuso e istituzionalizzato.[28] Nel luglio 2008, il magazine Business Week ha caratterizzato l'antiziganismo come una "perdita di opportunità economica" per l'Europa. [29]

Nel 2009 il panel anti-razzismo dell'ONU ha affermato che "gli zingari soffrono di un razzismo diffuso nell'Unione europea". [30] L'UE ha lanciato un programma intitolato Decennio di inclusione dei rom (2005-2015) per combattere questo e altri problemi. [31]

Una rapporto di Amnesty International del 2011 afferma che "una discriminazione sistematica ha luogo nei confronti di fino a 10 milioni di rom in tutta l'Europa. L'organizzazione ha documentato il fallimento dei governi in tutto il continente nell'adempiere ai loro obblighi".[32]

Il commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa, Thomas Hammarberg, è stato un forte critico dell'antiziganismo. Nell'agosto del 2008, Hammarberg ha osservato che "la retorica di oggi contro i rom è molto simile a quella usata dai nazisti e dai fascisti prima che le uccisioni di massa avessero avuto inizio negli anni trenta e quaranta. Ancora una volta, si afferma che i rom rappresentano una minaccia per la sicurezza e La sanità pubblica, non si fa distinzione fra alcuni criminali e la stragrande maggioranza della popolazione rom, il che è vergognoso e pericoloso".[33]

Secondo l'ultima indagine di Human Rights First, i rom soffrono continuamente assalti nelle vie cittadine e in altri luoghi pubblici in Europa. In una serie di gravi casi di violenza, gli aggressori hanno anche attaccato famiglie intere nelle loro case o intere comunità in insediamenti prevalentemente romanì. I diffusi schemi di violenza sono talvolta diretti a causare danni immediati ai rom, senza distinzione tra adulti, anziani e bambini piccoli e sradicare fisicamente la presenza dei roma in città di diversi paesi europei.[34]

Nel 2012 una rivista belga ha osservato:

Per la Giornata Internazionale dei Rom, l'8 aprile, la maggior parte dei 12 milioni di rom europei che vivono in condizioni deplorevoli non avrà molto da celebrare. E la povertà non è l'unica preoccupazione per la comunità. Le tensioni etniche sono in aumento. Nel 2008 i campi rom sono stati attaccati in Italia, l'intimidazione da parlamentari razzisti è la norma in Ungheria. Parlando nel 1993, Václav Havel ha osservato profeticamente che "il trattamento dei rom è un test chiave per la democrazia": e la democrazia ha fallito. Le conseguenze della transizione al capitalismo sono state disastrose per i rom. Sotto il comunismo avevano posti di lavoro, alloggio gratuito e scolarizzazione. Ora molti sono disoccupati, molti perdono le loro case e il razzismo viene sempre più ricompensato con l'impunità. [35]}}

Antiziganismo in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Razzismo in Italia.

Il sentimento anti-roma esiste in Italia e assume la forma di ostilità, pregiudizio, discriminazione o razzismo rivolti alle persone romanì. Non ci sono dati affidabili per il numero totale di rom che vivono in Italia, ma le stime indicano tra 140.000 e 170.000 persone.

Molti organismi di tutela dei diritti umani, nonché studiosi ed esponenti del mondo della cultura, hanno denunciato che nei media italiani l'immagine sociale degli “zingari” viene costruita quasi esclusivamente nel racconto di fatti di cronaca, quasi sempre “nera”, piuttosto che nell'ambito di una discussione sulla tutela di una minoranza etnica riconosciuta dall'ONU, con la rappresentazione dello “straniero lontano da noi”, dello “straccione” e del “parassita”. [senza fonte] Le istituzioni che si occupano dei rom si trovano spesso ad affrontare il problema di una opinione pubblica ostile, orientata a considerare solo i “dati antisociali” e le “statistiche criminali” [36] con la conseguenza di individuare nella condizione dei Rom un fenomeno di devianza sociale.[36] Il modello “segregazionista” che ne consegue[37], che contempla disuguaglianze a livello della sfera pubblica, prosegue l'assenza di una politica di “reale integrazione”.

Il dibattito sul presunto nomadismo[modifica | modifica wikitesto]

I rom in Italia spesso vengono chiamati nomadi, benché la maggior parte di loro voglia radicarsi in un territorio, in conseguenza del venire meno, nell'economia contemporanea, del “prestigio sociale” delle attività professionali (giostrai, venditori di cavalli, arrotini, circensi, etc.) connesse alla loro secolare storia nomadica. La definizione, che contiene una “promessa della temporaneità e della estraneità della comunità dai residenti” costituisce un nesso inscindibile con la discriminazione che subiscono gli "zingari". La Commissione Europea contro il Razzismo e l'Intolleranza (ECRI), nei suoi “rapporti sull'Italia”, ha invitato diverse volte ad abbandonare, nelle “politiche a riguardo di rom e sinti”, il “falso presupposto che i membri di tali gruppi siano nomadi”, in base ai quali viene attuata “una politica di segregazione dal resto della società”, con l'installazione di "campi nomadi", concepiti in base al principio della presenza temporanea dei rom, in molti casi senza accesso ai servizi più basilari, favorendo la deresponsabilizzazione delle amministrazioni locali dal dover fornire servizi scolastici e sociali finalizzati all'integrazione.[38][39] Una analoga obiezione è stata mossa all'Italia anche dalle Nazioni Unite, da Doudou Diène, nel suo rapporto sull'Italia.[40]

La politica segregazionista, è stato osservato, contraddice le stesse intenzioni degli attuatori, che spesso mettono l'accento sulle politiche di pubblica sicurezza e di controllo sociale degli "zingari". L'isolamento e la scarsa visibilità dei campi favorisce “l'occultamento e la dissimulazione degli elementi pericolosi”, aggravando la situazione sia dal punto di vista della incolumità di chi vive nei campi, sia peggiorando il giudizio negativo su chi vive nei campi.[41]

Retorica e politiche securitarie e repressive[modifica | modifica wikitesto]

Schedatura dei rom in Italia nel 2008

In Italia, molti leader politici nazionali e locali hanno fatto uso di retorica antizigana nel corso del 2007 e del 2008, affermando che lo straordinario aumento della criminalità in quel periodo era principalmente dovuto all'immigrazione incontrollata di persone di origine romanì dalla Romania, da poco entrata nell'UE.[42] I politici nazionali e locali hanno dichiarato di voler espellere i rom dagli insediamenti intorno a grandi città e deportare gli immigrati irregolari. I sindaci di Roma e di Milano hanno firmato "Patti di sicurezza" nel maggio 2007 che secondo Amnesty International "prevedevano lo sfratto forzato di fino a 10.000 persone romanì".[43]

Nell'ottobre 2007, il sentimento straordinario anti-immigrazione è esploso nella violenza verso gli immigrati romeni e i rom in generale a seguito del brutale stupro e assassinio a Roma di una donna di 47 anni, Giovanna Reggiani, attribuito ad un immigrato romeno di origine rom di un vicino insediamento.[44] Il governo italiano ha risposto dichiarando la popolazione rom come un pericolo per la sicurezza nazionale in quanto responsabili della crescita dei crimini nelle aree urbane (c.d. "emergenza nomadi").[45] Le forze dell'ordine italiane hanno quindi proceduto al rastrellamento di immigrati rumeni e espulsioni sommarie di circa 200 persone, principalmente rom, in violazione del diritto europeo.[46][47] Secondo l'allora sindaco di Roma, Walter Veltroni, i romeni avrebbero costituito il 75 per cento di coloro che hanno violentato, rubato e ucciso nei primi sette mesi dell'anno.[48]

Nel maggio 2008, una ragazza rom romena di 16 anni è stata arrestata con l'accusa di aver tentato di rapire un bambino di sei mesi lasciato solo.[49] A seguito di ciò e al riecheggiare di sentimenti xenofobi riguardanti le presunte storie degli zingari ladri di bambini (storicamente prive di fondamento in Italia) [50], vari gruppi (forse con l'implicazione di alcun clan camorristici[51]) hanno attaccato le comunità rom di Ponticelli (Napoli), bruciando le case e costringendo centinaia di persone romanì alla fuga.[52] Il campo di Ponticelli fu messo alle fiamme ogni mese tra maggio e luglio 2008. [53]

La situazione crescente di sentimento antirom ha portato persino l'Unione Europea a istituire una commissione per accertare le condizioni dei rom romeni in Italia, arrivando alla conclusione:

« La visita ha permesso di accertare la tensione sociale e il clima che caratterizza attualmente il contesto italiano in merito alla questione dei nomadi. Un senso di disagio e di insicurezza sembra propagarsi nella vita quotidiana dei cittadini italiani e stranieri. Si è registrato un aumento degli episodi di xenofobia, alcuni dei quali caratterizzati da una violenza senza precedenti.[54] »

Nel luglio 2008, un alto tribunale in Italia ha rovesciato la condanna degli imputati che avevano pubblicamente richiesto l'espulsione dei rom da Verona nel 2001, sostenendo che "è accettabile discriminare i Rom sulla base del fatto che essi sono ladri".Tra gli assolti vi era Flavio Tosi, sindaco di Verona della Lega Nord. [55]

Nello stesso periodo, il governo Berlusconi III aveva annunciato una campagna repressiva contro i rom, e il ministro ministro degli interni, Roberto Maroni, aveva dichiarato che a tutti i rom in Italia, inclusi i bambini, sarebbero state rilevate le impronte digitali.[55] Tali misure sono state denunciate dall'opposizione in quanto "assomigliano sempre più a quelle di un regime autoritario".[55] In risposta al piano delle impronte digitali, tre esperti delle Nazioni Unite hanno testimoniato che "essendo rivolta esclusivamente alla minoranza rom, questa proposta può essere classificata senza ambiguità come discriminatoria".[56] nche iIl Parlamento europeo ha denunciato il piano come "un chiaro atto di discriminazione razziale" e ha chiesto al governo italiano di non procedere.[56] La morte ne 2008 di Cristina e Violetta Djordjevic, due bambine rom annegate nell'indifferenza degli altri bagnanti, ha portato di nuovo l'attenzione sul rapporto tra gli italiani e i rom.

Casi come lo stupro di Guidonia, ove i fatti successi hanno portato gente del comune a vandalizzare esercizi commerciali, picchiare e scrivere sui muri frasi antiromene,[57] o l'investimento di una giovane coppia italiana a causa di un romeno ubriaco che si è salvato a un tentativo di linciaggio di testimoni,[58] hanno portato il ministro degli esteri romeno, Cristian Diaconescu, a denunziare pretestuosamente, pubblicamente ed esplicitamente il governo italiano di istigazione alla violenza xenofoba attraverso pratiche politiche e mediatiche ben congeniate andando contro al concetto di "europei".[59][60]

Rapporti internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Il Commissario Europeo per i diritti umani del Consiglio d'Europa Alvaro Gil Robles, in un rapporto del 2006, ha denunciato le condizioni dei campi rom in Italia.[61]

L'International Labour Organization (ILO), l'agenzia per il lavoro delle Nazioni Unite, nel suo rapporto sull'applicazione delle "Convenzioni e Raccomandazioni internazionali" del 6 marzo del 2009, ha condannato l'Italia per il “clima di intolleranza esistente”, creato dai “leader politici” italiani, rei di usare una “retorica aggressiva e discriminatoria nell'associare i rom alla criminalità, creando così un sentimento di ostilità e antagonismo nell'opinione pubblica”. Il rapporto chiede, inoltre, al governo italiano di eliminare il clima di intolleranza, violenza e discriminazione delle comunità rom, e di assicurare loro, sia legalmente che socialmente, i diritti umani fondamentali, facendo in modo che gli atteggiamenti discriminatori siano meglio identificati e condannati.[62]

Opinione pubblica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo un sondaggio del maggio 2008, il 68% degli italiani avrebbe voluto vedere l'espulsione di tutti i circa 150.000 zingari del paese, molti dei quali cittadini italiani. Il sondaggio, pubblicato mentre i campi rom di Napoli andavano a fuoco, ha rivelato che la maggioranza avrebbe anche voluto vedere la demolizione di tutti i campi rom in Italia.[63]

Un sondaggio di Pew Research del 2016 ha rilevato che gli italiani, in particolare, hanno un forte pregiudizio anti-zigano, con l'82% degli italiani che esprimono opinioni negative sui rom. In Grecia il 67%, in Inghilterra 64%, in Francia 61%, in Spagna 49%, in Polonia 47%, nel Regno Unito 45%, in Svezia 42%, in Germania 40% e nei Paesi Bassi 37% ha una visione negativa dei rom. [64]

Mancanza di tutela e promozione della lingua romaní[modifica | modifica wikitesto]

In Italia, la lingua romaní non gode di alcuna forma di tutela a livello nazionale, nonostante la presenza storica plurisecolare.[65] Il presunto nomadismo è stato utilizzato dal legislatore per escludere le comunità parlanti la lingua romaní dai benefici della legge n. 482 del 1999.[66] Vari progetti di legge sono rimasti finora non adottati.[67] L'iter per il riconoscimento del romanì come minoranza linguistica è stato avviato nel 2016 dall'Università di Teramo.[68]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Christian Bernadac, L'Olocausto dimenticato (L'Holocauste oublié), Éditions France-Empire 1979, per l'Italia Edizioni Ferni Ginevra
  • Leonardo Piasere, Breve storia dei rapporti tra rom e gagé in Europa
  • Nando Sigona e Lorenzo Monasta, Cittadinanze Imperfette. Rapporto sulla discriminazione razziale di rom e sinti in Italia, Edizioni Spartaco, 2006
  • Nando Sigona (2009) "I rom nell'Europa neoliberale: povertà, antiziganismo e i limiti dell'etnopolitica", relazione presentata all'Università di Genova, 26 marzo 2009:[1]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michael Teichmann, Stereotypes and Floklorism., romani.uni-graz.at, gennaio 2003. URL consultato il 19 settembre 2009.
  2. ^ Antibufala Classic: attenti ai segni degli zingari sui citofoni e sulle porte!
  3. ^ Risoluzione PE 28 aprile 2005
  4. ^ http://erionet.org/site/basic.php?id=100112&sw=anti-Gypsyism
  5. ^ EU and Roma
  6. ^ Guenter Lewy, La persecuzione nazista degli zingari (Biblioteca di cultura storica, 236), Einaudi, Torino, 2002, ISBN 88-06-15945-3
  7. ^ La vergogna e la fortuna: Storie di rom, Bianca Stancanelli, Marsilio Editori spa, ISBN 8831736949.
  8. ^ Paola Trevisan, «Le ricerche sull'internamento dei Sinti e dei Rom in Italia durante il regime fascista», in Hannes Obermair, Sabrina Michielli (a cura di), Erinnerungskulturen des 20. Jahrhunderts im Vergleich - Culture della memoria del Novecento a confronto (Quaderni di storia cittadina, 7), Bolzano, Città di Bolzano, 2014, ISBN 978-88-907060-9-7, pp. 189-205.
  9. ^ * Leonardo Piasere, I rom d'Europa, Laterza, 2004. ISBN 978-88-420-7303-1
  10. ^ Il destino degli zingari. La storia sconosciuta di una persecuzione dal medioevo a Hitler di Donald Kenrick e Grattan Puxon, Rizzoli, Milano 1975.
  11. ^ Guenter Lewy, La persecuzione nazista degli zingari, pp. 6.
  12. ^ Zigeuner-Buch
  13. ^ Che Zigeuner-Buch, vedi data 1899
  14. ^ Amnesty International, Web.amnesty.org. URL consultato il 17 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2007).
  15. ^ The Christian Science Monitor, Hungary's anti-Roma militia grows, su The Christian Science Monitor.
  16. ^ roma | Human Rights Press Point, Humanrightspoint.si. URL consultato il 17 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2012).
  17. ^ Gesellschaft fuer bedrohte Voelker – Society for Threatened Peoples, Roma and Ashkali in Kosovo: Persecuted, driven out, poisoned, Gfbv.de. URL consultato il 17 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2007).
  18. ^ MP publishes inflammatory article against the Roma, su bghelsinki.org.
  19. ^ IHT.com, IHT.com, 29 marzo 2009. URL consultato il 17 maggio 2012.
  20. ^ Giannini 2011, pp. 28-77 (Cap. Il genocidio dei Rom).
  21. ^ La cultura dei Rom non è stata accettata, neppure in parte, dalle popolazioni stanziali europee che li hanno ospitati. Solo in Irlanda c'è stata una parziale assimilazione con le popolazioni nomadi locali.
  22. ^ European effort spotlights plight of the Roma
  23. ^ It Now Suits the EU to Help the Roma, other-news.info. URL consultato il 29 settembre 2004.
  24. ^ Basescu chided for 'gypsy' remark, BBC News, 23 maggio 2007. URL consultato il 21 luglio 2009.
  25. ^ Rocca
  26. ^ Andrey Ivanov, 7, in Avoiding the Dependence Trap: A Regional Human Development Report, United Nations Development Programme, December 2002, ISBN 92-1-126153-8.
  27. ^ Julie Denesha, Anti-Roma racism in Europe, Amnesty International, February 2002. URL consultato il 26 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2007).
  28. ^ Rromani People: Present Situation in Europe, Union Romani. URL consultato il 26 agosto 2007 (archiviato il 20 agosto 2007).
  29. ^ S. Adam Cardais, Businessweek.com, Businessweek.com, 28 luglio 2008. URL consultato il 17 maggio 2012.
  30. ^ Ian Traynor, Gypsies suffer widespread racism in European Union (London), Guardian, 23 aprile 2009. URL consultato il 26 agosto 2010 (archiviato il 9 agosto 2010).
  31. ^ Decade of Roma inclusion web site
  32. ^ Amnesty International – International Roma Day 2011 Stories, Background Information and video material (PDF), AI Index: EUR 01/005/2011, Amnesty International, 7 aprile 2011. URL consultato il 15 maggio 2011 (archiviato il 5 giugno 2011).
  33. ^ Viewpoints by Council of Europe Commissioner for Human Rights, Coe.int. URL consultato il 17 maggio 2012.
  34. ^ Human Rights First Report on Roma, Humanrightsfirst.org. URL consultato il 17 maggio 2012.
  35. ^ Hellen Kooijman, Bleak horizon, EU, Presseurop, 6 aprile 2012. URL consultato il 6 aprile 2012.
  36. ^ a b Michele Mannoia, “Zingari che strano popolo. Storia e problemi di una minoranza esclusa”, pag. 153-154, XL Edizioni Sas, 2007, ISBN 978-88-6083-006-7
  37. ^ Non siamo zingari: Viaggio antropologico nel campo della Fontanassa di Savona, Gianmaria Pace, Matisklo Edizioni, 2016, ISBN 889857276X
  38. ^ Commissione europea contro il Razzismo e l'Intolleranza, Terzo rapporto Sull'Italia, adottato il 16.12.2005, pubblicato a Strasburgo il 16.05.2006 (si veda paragrafo 95)
  39. ^ Rocca, p. 57
  40. ^ ONU, Report of the special rapporteur on conteporary forms of racism, racial discrimination, xenophobia and related intolerance, Addendum. Mission to Italy, Doc. A/HRC/4/19/Add.4 del 15.2.2007, (paragrafo 14)
  41. ^ Rocca, p. 68
  42. ^ Thomas Hammarberg, "Memorandum following the visit to Italy on 19–20 June 2008," the Council of Europe Commissioner for Human Rights, CommDH(2008)18, para. 26, 28 July 2008
  43. ^ Amnesty International, The State of the World’s Human Rights 2008: Italy, POL 10/001/2008, June 2008, pp. 171-172
  44. ^ John Hooper, Italian woman's murder prompts expulsion threat to Romanians (London), The Guardian, 2 novembre 2007.
  45. ^ Tana de Zulueta, Italy's new ghetto?, in The Guardian (London), 30 marzo 2009.
  46. ^ Romeni, scattano le espulsioni, La Repubblica, 02-11-2007. URL consultato il 15-02-2009.
  47. ^ Romeni e violenza: 2007, un anno nero, La Repubblica, 01-11-2007. URL consultato il 15-02-2009.
  48. ^ "Brutal Attack in Rome: Italy Cracks Down on Immigrant Crime Wave," Der Spiegel, 2 November 2007
  49. ^ Migrant hate fears over Italy gipsy camp fire, The Daily Telegraph, Malcolm Moore, Rome, 14 May 2008
  50. ^ rapimenti Rom
  51. ^ Le ronde della camorra bruciano i campi rom, articolo de La Stampa (14-05-2008).
  52. ^ Unknown Unknown, Italy condemned for 'racism wave', in BBC News, BBC, 28 maggio 2008.
  53. ^ Michael Stewart: The Gypsy 'menace': Populism and the New Anti-Gypsy Politics, Hurst Publishers, 2012, ISBN 9781849042192, p. 15.
  54. ^ Rom, la Ue vota sì al rapporto sull'Italia: sale il razzismo, colpa anche dei media, Il messaggero. URL consultato il 15-02-2009.
  55. ^ a b c Italy: Court inflames Roma discrimination row The Guardian Retrieved 17 July 2008
  56. ^ a b U.N. blasts Italy over Gypsy 'discrimination', 15 luglio 2008. URL consultato il 30 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 20 luglio 2008).
  57. ^ Stupro di Guidonia, presi quattro romeni, Il corriere, 27-01-2009. URL consultato il 15-02-2009.
  58. ^ Oggi l'addio al giovane ucciso da un romeno ubriaco, Il tempo, 11-02-2009. URL consultato il 15-02-2009.
  59. ^ Angela Divincenzo, Gli Italiani, un popolo di xenofobi, NewsItalia Press., 11-02-2009. URL consultato il 15-02-2009.
  60. ^ Romania, Italia xenofoba. Frattini stupito., ANSA, 10-02-2009.
  61. ^ Consiglio d'Europa, Rapport final del M.Alvaro Gil Robles, Commissaire aux droits de l'homme, sur la situation en mattiere de droits del l'homme des Roms, Sintis et gens du voyage en Europe, Strasbourg. 15.02.2006 (paragrafo 13)
  62. ^ International Labour Organization (ILO) , “Report of the Committee of Experts on the Application of Conventions and Recommendations" - Report III (Part 1A) General Report and observations concerning particular countries, pag. 644, 6 marzo 2009, ISBN 978-92-2-120634-7 – Disponibile al link http://www.ilo.org/wcmsp5/groups/public/---ed_norm/---relconf/documents/meetingdocument/wcms_103484.pdf
  63. ^ 68% of Italians want Roma expelled - poll, The Guardian, Tom Kington, Rome, 17 May 2008
  64. ^ "Negative opinions about Roma, Muslims in several European nations". Pew Research Center. July 11, 2016.
  65. ^ FuturaCoopSociale
  66. ^ Rocca, p. 58
  67. ^ DDL 3162 Melilla e altri
  68. ^ http://www.ilquotidianoitaliano.com/social-2/2016/02/news/romanes-avviato-liter-per-il-riconoscimento-di-minoranza-linguistica-190753.html/
Controllo di autorità GND: (DE4808992-8