Unione Internazionale Romaní

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L’Unione Internazionale Romaní (IRU), conosciuta anche come International Romani Union (in Romanì: Romano Internacionalno Jekhetanipe) è un'organizzazione attiva per i diritti dei rom con sede a Praga[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'IRU è stata istituita al secondo congresso mondiale dei rom nel 1978[2]. I suoi presidenti sono stati Stanislav Stankiewicz, Emil Ščuka e, prima di lui, Rajko Đurić, che ha ricoperto questo incarico per molti anni. L'organizzazione spagnola Union Romani[3] è affiliata all'Unione Internazionale Romaní.

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'IRU è composta da quattro organi: congresso, parlamento, presidio, corte di giustizia.

Il congresso dell'IRU dell'IRU comprende delegati delle organizzazioni membri, in proporzione alla popolazione totale dei Rom in quel paese. I delegati possono formulare raccomandazioni individuali per l'IRU e, insieme, possono scegliere se accettare il programma IRU.

A differenza del congresso, il parlamento è composto da un unico rappresentante (e un sostituto) di ciascun paese membro. Il parlamento accetta relazioni sulla situazione dei popoli rom nel mondo e decide le politiche nazionali e internazionali dell'IRU. I delegati devono inoltre approvare il budget di ogni anno[4].

Il presidio ricopre il ruolo di dirigente dell'IRU e svolge delle attività tramite sotto-commissioni su "politica estera, affari sociali ed economici, affari culturali ed educativi, diritti umani, affari interni, questioni finanziarie e di bilancio, questioni legali e legislative, questioni relative alla Centrale ed Europa orientale e questioni relative ad America, Asia e Australia."[4]. Può richiedere studi e relazioni su una varietà di argomenti e formulare raccomandazioni formali ad altri organismi dell'IRU o a singoli paesi o organizzazioni.

I membri della corte di giustizia sono giudici indipendenti, eletti per la loro integrità personale, indipendentemente dalla loro appartenenza all'IRU. La corte ha il compito di osservare tutti gli organi dell'IRU e garantire il loro rispetto delle norme e dei regolamenti dell'organizzazione[4].

Rete virtuale Roma (RVN)[modifica | modifica wikitesto]

Roma Virtual Network[5] è un'organizzazione pubblica, senza fini di lucro[6] che opera sotto l'egida del network ERIO[7] e di IRU.

Fornisce alla comunità internazionale Rom e non rom informazioni utili su questioni relative ai Rom in una varietà di lingue via Internet. Istituito il 19 luglio 1999 da Valery Novoselsky, membro dell'IRU[8], è stato avviato come iniziativa privata e ha ottenuto il riconoscimento delle ONG nazionali e internazionali, governative e non governative che si occupano di questioni relative ai Rom, soprattutto in Europa. L'obiettivo dichiarato è quello di sostenere il miglioramento della situazione dei rom in Europa e in altre regioni del mondo, collegando gli utenti e offrendo supporto online, oltre che a IRU, a varie altre organizzazioni rom, come Domari: The Society of Gypsies in Israel,[9] RomNews Network[10] e Unión Romaní[3]. Contiene 32 mailing list elettroniche in 15 lingue con un abbonamento totale di oltre 22000 indirizzi e-mail.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1959, Ionel Rotaru fondò la World Gypsy Community (CMG) in Francia. Mentre i membri erano per lo più francesi, l'organizzazione stabilì contatti in Polonia, Canada, Turchia e altri paesi. Quando il governo francese sciolse il CMG nel 1965[2], un gruppo separatista formò il Comitato zingaro internazionale (CIG) sotto la guida di Vanko Rouda. Nel momento in cui il Congresso mondiale dei rom del 1971 adottò l'auto-denominazione di "rom" piuttosto che "zingaro", la CIG fu ribattezzata Komiteto Lumniako Romano (Comitato Internazionale Rom o IRC), e Rouda fu riconfermato come presidente. Il Comitato divenne membro del Consiglio d'Europa l'anno successivo. Il Comitato fu nuovamente cambiato al Congresso Mondiale dei Romani del 1978 e gli fu dato il nome attuale. È stato assegnato lo status consultivo al Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite l'anno successivo. L'Unione è diventata una ONG registrata presso l'UNICEF nel 1986. Nel 1993, è stato promosso a Categoria II, Stato consultivo speciale presso le Nazioni Unite.

Più recentemente, l'IRU ha anche cercato il riconoscimento per i propri passaporti[11].

La principale fonte di reddito sono le quote associative dei singoli membri e delle organizzazioni che la compongono.

Collegamenti istituzionali[modifica | modifica wikitesto]

L'IRU ha legami istituzionali con il Consiglio d'Europa, OSCE (ODIHR), UNHCHR. L'IRU ha un protocollo d'intesa e cooperazione con il Ministero degli affari esteri della Repubblica Ceca e di altri paesi in vista del "miglioramento continuo della situazione e delle condizioni di vita dei rom.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ International Romani Union (IRU) — Forced Migration Online, su www.forcedmigration.org. URL consultato l'11 April 2018 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2018).
  2. ^ a b ZD Barany, Living on the Edge: The East European Roma in Postcommunist Politics and Societies, in Slavic Review, 1994. www.jstor.org
  3. ^ a b union romani, Bienvenido a la web site de la UNIÓN ROMANÍ, su www.unionromani.org.
  4. ^ a b c About US, su www.internationalromaniunion.org. URL consultato il 21 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2013).
  5. ^ Presentation of Roma Virtual Network (RVN), su valery-novoselsky.org. URL consultato l'8 June 2015 (archiviato dall'url originale il 9 January 2008).
  6. ^ An Ordinary Miracle on a Roma Street, su valery-novoselsky.org. URL consultato l'8 June 2015 (archiviato dall'url originale il 18 February 2015).
  7. ^ ERIO’s Network members, su erionet.org. URL consultato il 31 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2010).
  8. ^ Мой Цыганский Паспорт, su valery-novoselsky.org. URL consultato l'8 June 2015 (archiviato dall'url originale il 4 March 2016).
  9. ^ Domari:the Society of Gypsies in Jerusalem, su geocities.com, 26 October 2009 (archiviato dall'url originale il 26 October 2009).
  10. ^ RomNews Network, su www.romahealthnet.org.
  11. ^ Roma in Sweden: showing the way?, in BBC News, 17 July 2009. URL consultato il 5 May 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ilona Klímová-Alexander, The Romani Voice In World Politics: The United Nations and Non-state actors, Ashgate Publishing, 2005, ISBN 0-7546-4173-2.
  • Elena Marushiakova e Vesselin Popov, The Roma – a Nation without a State? Historical Background and Contemporary Tendencies, in Nationalismus Across the Globe, Poznan, School of Humanities and Journalism, 2005, pp. 433-455.
  • Timeline of Romani History, Patrin, geocities.com
  • Micmacs and Gypsies: Occupation of the Peripatetic Niche, Semantic Scholar

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN165018568 · ISNI (EN0000 0001 0559 3237 · LCCN (ENno2016045410 · GND (DE1086885414 · WorldCat Identities (ENlccn-no2016045410