European Roma Rights Centre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Centro europeo per i diritti dei rom
European Roma Rights Centre
AbbreviazioneERRC
TipoONG
Affiliazione internazionaleInternational Helsinki Federation for Human Rights
Fondazione1996
Sede centraleBelgio Bruxelles
Area di azioneEuropa
PresidenteÐorđe Jovanović
DirettoreAdam Weiss
Sito web

Il Centro europeo per i diritti dei rom (European Roma Rights Centre, ERRC ) è un'organizzazione non governativa, guidata dai rom, volta a combattere il razzismo antizigano e le violazioni dei diritti umani nei confronti dei rom. L'approccio dell'ERRC prevede, in particolare, contenziosi strategici, patrocinio internazionale, ricerca e sviluppo di politiche, produzione di notizie incentrata sui diritti umani e formazione degli attivisti rom. L'ERRC è membro della Federazione internazionale dei diritti umani di Helsinki[1] e ha uno statuto consultivo con il Consiglio d'Europa,[2] e con il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite . L'organizzazione è stata creata nel 1996 a Budapest, in Ungheria, e ora ha sede a Bruxelles, in Belgio.

L'ERRC ha prodotto il rapporto "I Rom in un'Unione europea allargata" che è uno dei documenti politici più influenti sui Rom fino ad oggi, pubblicato dalla Direzione Generale per l'Occupazione e gli Affari Sociali della Commissione Europea. L'ERRC ha influenzato l'allargamento dell'Unione europea facendo pressione sui paesi candidati affinché rispettino i criteri di Copenaghen e assicurando che la situazione dei Rom sia una questione prioritaria. L'ERRC riferisce spesso ai comitati delle Nazioni Unite come il comitato per l'eliminazione della discriminazione razziale (CERD)[3][4][5][6][7] o il comitato per l'eliminazione della discriminazione nei confronti delle donne (CEDAW)[8] sulla situazione dei rom. Una delle funzioni più importanti dell'ERRC è formare gli attivisti rom su quali linee di azione intraprendere. L'ERRC sta inoltre formando gli attivisti per i diritti dei rom ad esercitare i loro diritti come strumento per combattere la discriminazione.

L'ERRC ha vinto casi contro Francia, Grecia, Italia e (due volte) Bulgaria davanti al Comitato europeo dei diritti sociali;[9] oltre a questo, gli avvocati dell'ERRC hanno rappresentato i ricorrenti in numerosi casi dinanzi alla Corte europea dei diritti dell'uomo, tra cui DH e altri c. Repubblica ceca e Oršuš e altri c. Croazia

Fin dalla sua istituzione, l'ERRC ha preso in esame oltre 1000 casi relativi ai diritti dei rom e attualmente ha oltre 100 cause pendenti in tribunali nazionali e internazionali.

Nel 2016 l'ERRC è diventato un'organizzazione a maggioranza rom e nel 2018 ha lanciato la sua sezione di volontariato ERRC Roma Rights Defenders .

L'ERRC ha ricevuto numerosi premi per i diritti umani, tra cui il premio Max van Der Stoel del 2007, il Gruber Prize for Justice[10] del 2009, il Stoccolma Human Rights Prize del 2012 e il Raoul Wallenberg Award del 2018[11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Member committees Archiviato il September 26, 2008 Data nell'URL non combaciante: 26 settembre 2008 in Internet Archive.//Archived IHFHR site
  2. ^ Archived copy, su ngo-coe.org. URL consultato il 3 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2011).
  3. ^ BHC and ERRC Written comments on Bulgaria for CERD (PDF), su www2.ohchr.org.
  4. ^ ERRC and CRI Written comments on Montenegro for CERD (PDF), su www2.ohchr.org.
  5. ^ ERRC and ERA Written comments on Turkey for CERD (PDF), su www2.ohchr.org.
  6. ^ ERRC and COHRE Written comments on Italy for CERD (PDF), su www2.ohchr.org.
  7. ^ ERRC and VC Written comments on Czech Republic for CERD (PDF), su www2.ohchr.org.
  8. ^ ERRC and "Chiricli" Written comments on Ukraine for CEDAW (PDF), su www2.ohchr.org.
  9. ^ The European Social Charter, su European Social Charter.
  10. ^ The Gruber Foundation Homepage - The Gruber Foundation, su www.gruberprizes.org.
  11. ^ Our Story, su European Roma Rights Centre.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN139858840 · LCCN (ENno96065577 · GND (DE10049709-3 · WorldCat Identities (ENlccn-no96065577