AgustaWestland AW101

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
AgustaWestland (EHI) AW101
EH101-410UTY.jpg
AW101 (UTI/HASH) della Marina Militare della base di Sarzana-Luni
Descrizione
Tipoelicottero multiruolo
Equipaggio2 piloti, 2 membri equipaggio
CostruttoreItalia Leonardo (già Finmeccanica)
Italia AgustaWestland
Data primo volo9 ottobre 1987
Data entrata in servizio2000
Utilizzatore principaleRegno Unito Royal Navy
Altri utilizzatoriItalia Marina Militare
Regno Unito Royal Air Force
Esemplari147
Dimensioni e pesi
Merlin Dimensions.JPG
Tavole prospettiche
Lunghezza22,81 m
Altezza6,65 m
Diametro rotore18,59 m
Superficie rotore271
Peso a vuoto10 500 kg
Peso carico960 kg (sistemi di missione)
Peso max al decollo14 600 kg
Propulsione
Motore3 turbine General Electric T700/T6A o
3 Rolls-Royce Turboméca RTM322
Potenza1 725 kW (2 300 shp) ognuna
Prestazioni
Velocità max309 km/h (167 kt)
VNE150kt
Autonomia1 389 km
Tangenza4 575 m (15 000 ft)
Armamento ASW o ASvW4 siluri Mk 44 o Mk 46
2 missili antinave Marte

[senza fonte]

voci di elicotteri presenti su Wikipedia

L’AgustaWestland AW101 è un elicottero medio multiruolo a tre turbine da 15 tonnellate utilizzato in applicazioni militari e civili. È stato sviluppato grazie ad una joint venture tra la italiana Agusta e la britannica Westland Aircraft per soddisfare un requisito per un elicottero utility per impiego navale. In seguito le due aziende si fusero nella società AgustaWestland, il cui pacchetto azionario venne poi rilevato interamente da parte di Finmeccanica. Dal 1 gennaio 2016 le attività di AgustaWestland sono confluite nel settore elicotteri di Finmeccanica[1], dal 2017 Leonardo divisione elicotteri. Alcuni operatori, tra cui le forze armate di Regno Unito, Danimarca, Norvegia e Portogallo, utilizzano il nome Merlin per i loro AW101 in servizio.[2][3] L'elicottero viene prodotto presso gli stabilimenti di Yeovil in Inghilterra e di Vergiate in Italia. Sono stati assemblati su licenza alcuni esemplari anche in Giappone e negli Stati Uniti.

Prima del 2007, l'elicottero è stato commercializzato con il nome EH101. Il nome originale doveva essere EHI 01, ma un errore di trascrizione su una nota scritta a mano portò al cambiamento in EH101 e la designazione rimase.[4] Nel 2000, a seguito della fusione tra Agusta e Westland Helicopters, il modello venne designato come AW101. L'AW101 effettuò il primo volo nel 1987 ed entrò in servizio nel 1999. Dall'inizio dell'introduzione in attività, l'AW101 ha sostituito molti precedenti modelli di elicottero, quali il Sea King, nel ruolo di elicottero da trasporto medio, lotta antisommergibile ed elicottero imbarcato.

La Royal Canadian Air Force (RCAF) impiega una variante dell'AW101, designata CH-149 Cormorant, per il ruolo di ricerca e soccorso in mare. Un'altra variante, designata VH-71 Kestrel, fu realizzata per venire impiegata come elicottero per il trasporto del presidente degli Stati Uniti; ma in seguito il programma è stato cancellato. Operatori civili utilizzano AW101 per il trasporto passeggeri e VIP. L'elicottero è stato impiegato in teatri di combattimento a supporto di forze di coalizione nella Guerra in Iraq e nella Guerra in Afghanistan.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nella primavera 1977, il Ministero della difesa britannico emise un requisito per un elicottero antisommergibile per sostituire i Westland Sea King della Royal Navy. La Westland propose in risposta con un progetto indicato come WG.34 che fu approvato dai militari per il successivo sviluppo.[5] Nel frattempo, anche la Marina Militare era alla ricerca di un sostituto per i suoi Sea King prodotti su licenza dalla Agusta, il che portò quest'ultima a intavolare delle discussioni con la Westland per un possibile sviluppo comune. Tra le due società venne finalizzato un accordo che portò nel novembre 1979 alla creazione di una nuova società dal nome EH Industries Limited (EHI), con sede a Londra e attivata nel giugno dell'anno successivo per seguire il progetto. Man mano che gli studi progredivano, la EHI si rese conto del mercato potenziale per elicotteri con le stesse caratteristiche di quelli richiesti dalle marine militari britannica e italiana.

L'interno di un EH 101

Il 12 giugno 1981, il Regno Unito confermò la sua partecipazione al programma, finanziando un budget iniziale di 20 milioni di sterline per lo sviluppo di 9 esemplari di preserie.[6] Al Salone internazionale dell'aeronautica e dello spazio di Parigi-Le Bourget del 1985, la Agusta espose un mock-up di una versione multiruolo del nuovo elicottero, preliminare rispetto alle versioni personalizzate. Dopo un lungo periodo di sviluppo, il primo prototipo volò il 9 ottobre 1987.

Nel corso dello sviluppo, è stata messa a punto una versione civile dal nome Heliliner.

L'EHI ha cambiato nome nel gennaio 2004 in AgustaWestland International Limited come effetto della fusione tra le due aziende aeronautiche. Di conseguenza nel 2007 l'EH101 è stato rinominato AW101.[7]

Nel 2005, lo United States Department of Defense statunitense ha scelto tra una rosa di tre candidati il progetto industriale US-101 presentato dall'alleanza Lockheed Martin-AgustaWestland. La commessa è stata annullata dal Governo degli Stati Uniti, prendendo spunto dall'esplosione dei costi. Sull'esito ha influito principalmente l'azione di lobby di Sikorsky, storico fornitore della Casa Bianca, che mal sopportava di essere stato soppiantato dall'azienda italo-britannica.

L'elicottero sotto il nome di VH-71 Kestrel, doveva essere utilizzato per costituire la nuova flotta elicotteristica del Presidente degli Stati Uniti assumendo il codice di chiamata "Marine One".

Attualmente l'AW101 è in corsa per la fornitura all'Aeronautica degli Stati Uniti di un nuovo tipo di elicottero da ricerca e soccorso in combattimento (CRH).

Il primo acquirente internazionale dell'AW101 è l'Algeria che ha firmato un ordine di 6 esemplari a fine novembre 2007.

Nel marzo 2010 l'aeronautica militare indiana sceglie l'AW101 come elicottero da impiegare per il trasporto governativo e ne ordina 12 esemplari. L'AgustaWestland fornirà, inoltre, all'aeronautica militare indiana anche cinque anni di supporto logistico e l'addestramento iniziale dei piloti e degli specialisti, per un valore di 560 milioni di euro.

L’AW101 sarà anche il futuro elicottero dell'Aeronautica Militare italiana per le operazioni di "Combat SAR" e le "Special Operations". La futura macchina, che la forza aerea ha designato HH-101, è oggetto di un'esigenza per 12 esemplari (più tre opzioni). Derivato dall'esperienza del modello EH-101 ASH in forza alla Marina Militare era originariamente definito EPAM (Elicottero Pesante Aeronautica Militare). Il contratto per i prime due è stato firmato da Armaereo nel dicembre 2010, con consegne previste per la fine del 2014.

La macchina è stata prescelta dall'aeronautica militare norvegese in un contratto da 1,15 miliardi di euro, per 16 elicotteri da fornire entro il 2017, con addestramento dei piloti ed una opzione per altri sei elicotteri.[8]

Il 12 giugno 2017 è stato inaugurato in Norvegia il centro di addestramento di Leonardo per l’AW101, presso l'aeroporto di Stavanger Sola. Il centro di formazione è dotato di un nuovo Full Flight Simulator (FFS) dell’AW101 e costituisce un punto di riferimento per l’addestramento degli equipaggi norvegesi e di piloti provenienti da altri Paesi.[9]

I molti nomi operativi[modifica | modifica wikitesto]

  • AW-101 ASW/ASuW
per caccia antisommergibile e guerra di superficie.
  • AW-101 AS2H
come gli ASW/ASuW ma con capacità di pattugliamento potenziate e un peso massimo al decollo di 15600 kg.
  • AW-101 HEW
per scoperta radar.
  • AW-101 UTILITY
per trasporto generico.
  • AW-101 ASH
per assalto anfibio, versione potenziata.
  • CH-149 Cormorant
denominazione utilizzata in Canada.
  • HH-101A Caesar
designazione degli esemplari dell'Aeronautica Militare italiana che saranno utillizzati per il Combat SAR.
  • US-101 o VH-71 Kestrel
denominazione utilizzata negli Stati Uniti.
  • MCH-101
versione prodotta su licenza dalla Kawasaki Heavy Industries per la marina militare giapponese
  • CH-101
Modello imbarcato sulla nave da ricerca giapponese impegnata in attività in Antartide.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Operatori dell'AW101

Militari[modifica | modifica wikitesto]

Algeria Algeria
a partire dal 2009 ha ricevuto 8 esemplari di cui 6 in cogestione con la marina;[10]
Arabia Saudita Arabia Saudita
nel 2008 ha sottoscritto un ordine per 2 AW101 Srs.640 Merlin da impiegare per il trasporto della casa regnante e dei vertici dello stato.
Canada Canada
Al luglio 2017, opera con 14 esemplari di CH-149 Cormorant dei 15 esemplari ordinati, in quanto un esemplare è stato perso in un incidente.[11] La flotta sarà aggiornata ed ampliata a 21 esemplari grazie alla riconfigurazione dei 7 VH-71 Kestrel acquistati dagli Stati Uniti e mai entrati in servizio come "Marine One".[11]
Indonesia Indonesia
ordine per 3 AW 101, verranno utilizzati per il trasporto presidenziale;[12]
Danimarca Danimarca
Rescue 09 - EH101 della Flyvevåbnet danese utilizzato per Ricerca e salvataggio.
l'Eskadrille 722 vola con 9 AW101-512 Merlin, rimangono da consegnare ancora 5 macchine;
India India
3 AW101 da impiegare per il trasporto governativo. I restanti 9 originariamente ordinati saranno oggetto di arbitrato internazionale
Giappone Giappone
opera con 3 CH-101 e 6 MCH-101, restano ancora da consegnare 14 esemplari;

Italia Italia

il 1º Gruppo elicotteri e il 3º Gruppo elicotteri hanno in carico 22 esemplari di AW101, ;
Nell'ottobre 2010 tre AW-101 della Marina Militare appartenenti al 1º Gruppo elicotteri della base aerea di Luni-Sarzana (La Spezia) sono stati inviati in Afghanistan per unirsi alle forze ISAF, i tre elicotteri, che sono stati trasportati da un C-17 dell'USAF, fanno parte del Task Group Shark comprendente un totale di 67 militari tra equipaggi di volo, tecnici per la manutenzione degli elicotteri, personale amministrativo, logistico e medico oltre a fucilieri del Reggimento San Marco per compiti di protezione e sicurezza; i tre elicotteri, dotati di sistemi di auto protezione e di visione notturna (NVG) saranno impiegati per missioni di sorveglianza, pattugliamento, scorta convogli ed evacuazione medica (MEDEVAC) prevalentemente nell'Afghanistan occidentale operando dalla base di Herat, dove si trova anche il comando italiano.[13]
12 (+ 3 opzioni) HH-101 per il combat SAR4[14];
Il 9 luglio 2015 è stato ufficialmente consegnato al 15º Stormo di Cervia il primo elicottero HH-101A. La forza aerea italiana utilizzerà quest'aeromobile per missioni di supporto aereo alle operazioni speciali, per l'intercettazione di aeromobili lenti e per il recupero di persone, civili e militari, in aree di crisi.[15]
Nigeria Nigeria
2 AW101 in configurazione da trasporto VIP consegnati ad ottobre 2016.[16]
Norvegia Norvegia
nel Dicembre 2013 ha ordinato 16 AW101, per sostituire i Sea King attualmente in uso con funzione SAR. Le consegne avverranno a partire dal 2017 e si concluderanno nel 2020;[17][18]
Portogallo Portogallo
il 751 Squadron "Pumas" è equipaggiato con 12 esemplari di AW101, tutti in servizio al novembre 2017.[19]
Regno Unito Regno Unito
Merlin HC3 delle Royal Air Force.
vola con 40 esemplari di AW101 HM1 Merlin;
opera con 28 AW101 Merlin (nelle versioni HC3 e HC3A);
Turkmenistan Turkmenistan
opera con due esemplari per il trasporto VVIP

Polizia[modifica | modifica wikitesto]

Giappone Giappone
EH101 della polizia di Tokyo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Finmeccanica: Mauro Moretti vara la One Company, su leonardocompany.com. URL consultato il 24 maggio 2017.
  2. ^ EH-101 Merlin factsheet, Portuguese Air Force. URL consultato il 5 febbraio 2010.
  3. ^ Danish Airforce factsheet, Danish Airforce. URL consultato il 5 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2008).
  4. ^ Brown, D.K. Rebuilding the Royal Navy: Warship Design Since 1945
  5. ^ Flight International November issue 1978, su flightglobal.com. URL consultato il 12 marzo 2011.
  6. ^ Aeronautica&Difesa, no. 14, Dec 1987, p .34.
  7. ^ (EN) Rotorcraft Report: AgustaWestland, su Rotor & Wing, Access Intelligence, LLC, 1º agosto 2007. URL consultato l'11 agosto 2007.
  8. ^ Il Sole 24 ore venerdì 20 dicembre 2013, suppelento Finanza & Mercato, pag. 35.
  9. ^ Leonardo: inaugurato in Norvegia il centro di addestramento elicotteristico per gli AW101, su leonardocompany.com.
  10. ^ "Le forze aeree del mondo, Algeria" - Aeronautica & Difesa" N. 345 - 07/2015 pag. 66
  11. ^ a b "Il Team Cormorant propone l'aggiornamento degli omonimi elicotteri CH-149 del servizio SAR canadese" - Aeronautica & Difesa" N. 369 - 07/2017 pag. 19
  12. ^ Jon Grevatt, Indonesian air force selects AW101 for presidential duties, su IHS Jane's 360, Jane's Information Group.
  13. ^ http://www.marina.difesa.it.
  14. ^ "DA OGGI OPERATIVO IL PRIMO ELICOTTERO HH-101A "CAESAR" DELL'AERONAUTICA MILITARE ITALIANA PER RECUPERO, SOCCORSO E OPERAZIONI SPECIALI", su leonardocompany.com, 25 febbraio 2016, URL consultato il 28 luglio 2017.
  15. ^ aeronautica.difesa.it.
  16. ^ "NIGERIAN AIR FORCE TO OPERATE AW101 HELICOPTERS", su janes.com, 11 ottobre 2016, URL consultato il 26 luglio 2017.
  17. ^ http://www.leonardocompany.com/-/finmeccanica-norway-acquista-purchases-16-aw101-agustawestland sito ufficiale Leonardo Company.
  18. ^ "NORWAY RECEIVES FIRST AW101 SAR HELICOPTER", su janes.com, 19 novembre 2017, URL consultato il 22 novembre 2017.
  19. ^ "PORTUGAL ALLOCATES FUNDS FOR MODERNIZAZION IN 2018", su janes.com, 10 novembre 2017, URL consultato il 11 novembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]