AgustaWestland AW169

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
AgustaWestland AW169
Agusta Westland AW 169 (solo).jpg
AW 169 in volo durante la Mostra di Farnborough 2012
Descrizione
Tipoelicottero medio-leggero multiruolo
Equipaggio1 o 2 piloti
CostruttoreItalia Leonardo
ItaliaFinmeccanica
Italia AgustaWestland
Data primo volo10 maggio 2012
Data entrata in servizio15 luglio 2015
Esemplari7, di cui 5 prototipi, aggiornam. Agosto 2015
Dimensioni e pesi
Lunghezza14.64 m
Larghezza2.53 m
Diametro rotore12.12
Peso max al decollo4.800 kg
Passeggeri10
Propulsione
Motore2 turbine Pratt & Whitney Canada PW210A
Potenza1 000 shp
Prestazioni
Velocità max296 Km/h (160 Knts)
Velocità di crociera260 km/h

Dati tratti dal sito ufficiale AgustaWestland[1]

voci di elicotteri presenti su Wikipedia

L'AgustaWestland AW169 è un elicottero, in fase di produzione dal 2015, prodotto dall'azienda italiana Leonardo (precedentemente dalla AgustaWestland, poi confluita nella nuova Finmeccanica, rinominata Leonardo dal 2017).[2] Si tratta di un bimotore leggero, che può essere configurato per un massimo di 10 posti. Le prime consegne sono previste per il secondo trimestre del 2015.

Progettazione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Un prototipo di AW 169 durante il Farnborough Airshow del 2012, in sottofondo altri due velivoli, un AW 139 e un AW 189

L'elicottero è stato presentato al pubblico il 19 luglio 2010 durante il 47° Farnborough International Air Show; è stato subito considerato il concorrente dei più famosi Eurocopter EC 145 e Eurocopter Dauphin.[3]

Il 10 maggio 2012 ha compiuto il primo volo[4] mentre l'azienda italiana ha previsto l'entrata in servizio per il 2014. Secondo le stime dell'AgustaWestland entro il 2030 saranno operativi circa 1 000 unità di AW169.[5]

L'AW169 è stato concepito per avere un peso massimo al decollo di 4 500 kg, questo lo colloca in una posizione intermedia all'interno della gamma dell'azienda, tra il più piccolo AW109, elicottero a 8 posti con 3 400 kg, e il più grosso AW139, elicottero con 15 posti e 6 400 kg.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

AW169 al Paris Air Show

Il primo prototipo ha volato per la prima volta a Cascina Costa, presso lo stabilimento Agusta, il 10 maggio 2012 al comando dei piloti collaudatori Giuseppe Lo Coco e Giuseppe Afruni e degli ingegneri di volo Massimo Longo e Stefano Rognoni. È prevista la realizzazione di altri tre prototipi entro il 2013.[4]

Nel mese di aprile del 2013 l'AgustaWestland ha presentato una versione per partecipare ad un concorso indetto dell'U.S. Army e, tale versione, è stata definita come AW 169 AAS. Il programma dell'esercito militare statunitense cerca di trovare un sostituto al Bell OH-58 Kiowa, ritenuto non compatibile alle esigenze odierne della forza armata. L'azienda italo-inglese sostiene che, anche se il proprio elicottero pesa il doppio rispetto al Kiowa, l'AW 169 permette una migliore flessibilità d'utilizzo, sistemi tecnologici all'avanguardia e la possibilità di aggiornare il velivolo facilmente per sostenere le future operazioni.[6]

Nel 2015 è iniziata la produzione, mentre la consegna è prevista per il secondo trimestre del 2015.[7]

A partire dal 2017, l'AW169 viene impiegato nel ruolo HEMS nelle basi di Pescara, Messina e Pantelleria operati da Babcock MCS Italia (già Inaer Italia); Elitaliana opera un AW169 per conto dell'ARES 118 della Regione Lazio e Alidaunia opera un altro AW169 HEMS nella base di Foggia.[8][9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AW169, su agustawestland.com. URL consultato il 06/08/2011.
  2. ^ Leonardo, LEONARDO: PUBBLICAZIONE STATUTO SOCIALE, su leonardocompany.com, 10 gennaio 2017.
  3. ^ (EN) John Croft, FARNBOROUGH: AgustaWestland unveils 'game-changing' AW169, in Flightglobal, 20 luglio 2010. URL consultato il 06/08/2011.
  4. ^ a b (EN) New Generation AW169 Helicopter Completes Its Maiden Flight, su agustawestland.com, 11 maggio 2012. URL consultato l'11 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2012).
  5. ^ (EN) David Donald, AgustaWestland unveils AW169, in AINonline, 20 luglio 2010. URL consultato il 06/08/2011 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2011).
  6. ^ aviationweek.com Archiviato il 2 febbraio 2014 in Internet Archive..
  7. ^ helipress.it.
  8. ^ helipress.it.
  9. ^ Due nuovi AW169 di Babcock per l'Elisoccorso in Sicilia, su www.helipress.it. URL consultato il 06 luglio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]