AgustaWestland AW169

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
AgustaWestland AW169
Agusta Westland AW 169 (solo).jpg
AW 169 in volo durante la Mostra di Farnborough 2012
Descrizione
Tipo elicottero medio-leggero multiruolo
Equipaggio 1 o 2 piloti
Costruttore Italia Leonardo
ItaliaFinmeccanica
Italia AgustaWestland
Data primo volo 10 maggio 2012
Data entrata in servizio 15 luglio 2015
Esemplari 7, di cui 5 prototipi, aggiornam. Agosto 2015
Dimensioni e pesi
Lunghezza 14.64 m
Larghezza 2.53 m
Diametro rotore 12.12
Peso max al decollo 4.800 kg
Passeggeri 10
Propulsione
Motore 2 turbine Pratt & Whitney Canada PW210A
Potenza 1 000 shp
Prestazioni
Velocità di crociera 260 km/h

Dati tratti dal sito ufficiale AgustaWestland[1]

voci di elicotteri presenti su Wikipedia

L'AgustaWestland AW169 è un elicottero, in fase di produzione dal 2015, prodotto dall'azienda italiana Leonardo (precedentemente dalla AgustaWestland, poi confluita nella nuova Finmeccanica, rinominata Leonardo dal 2017).[2] Si tratta di un bimotore leggero, che può essere configurato per un massimo di 10 posti. Le prime consegne sono previste per il secondo trimestre del 2015.

Progettazione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Un prototipo di AW 169 durante il Farnborough Airshow del 2012, in sottofondo altri due velivoli, un AW 139 e un AW 189

L'elicottero è stato presentato al pubblico il 19 luglio 2010 durante il 47° Farnborough International Air Show; è stato subito considerato il concorrente dei più famosi Eurocopter EC 145 e Eurocopter Dauphin.[3]

Il 10 maggio 2012 ha compiuto il primo volo[4] mentre l'azienda italiana ha previsto l'entrata in servizio per il 2014. Secondo le stime dell'AgustaWestland entro il 2030 saranno operativi circa 1 000 unità di AW169.[5]

L'AW169 è stato concepito per avere un peso massimo al decollo di 4 500 kg, questo lo colloca in una posizione intermedia all'interno della gamma dell'azienda, tra il più piccolo AW109, elicottero a 8 posti con 3 400 kg, e il più grosso AW139, elicottero con 15 posti e 6 400 kg.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

AW169 al Paris Air Show

Il primo prototipo ha volato per la prima volta a Cascina Costa, presso lo stabilimento Agusta, il 10 maggio 2012 al comando dei piloti collaudatori Giuseppe Lo Coco e Giuseppe Afruni e degli ingegneri di volo Massimo Longo e Stefano Rognoni. È prevista la realizzazione di altri tre prototipi entro il 2013.[4]

Nel mese di aprile del 2013 l'AgustaWestland ha presentato una versione per partecipare ad un concorso indetto dell'U.S. Army e, tale versione, è stata definita come AW 169 AAS. Il programma dell'esercito militare statunitense cerca di trovare un sostituto al Bell OH-58 Kiowa, ritenuto non compatibile alle esigenze odierne della forza armata. L'azienda italo-inglese sostiene che, anche se il proprio elicottero pesa il doppio rispetto al Kiowa, l'AW 169 permette una migliore flessibilità d'utilizzo, sistemi tecnologici all'avanguardia e la possibilità di aggiornare il velivolo facilmente per sostenere le future operazioni.[6]

Nel 2015 è iniziata la produzione, mentre la consegna è prevista per il secondo trimestre del 2015.[7]

A partire dal 2017, l'AW169 viene impiegato nel ruolo HEMS nelle basi di Pescara, Messina e Pantelleria operati da Babcock MCS Italia (già Inaer Italia); Elitaliana opera un AW169 per conto dell'ARES 118 della Regione Lazio e Alidaunia opera un altro AW169 HEMS nella base di Foggia.[8][9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AW169, agustawestland.com. URL consultato il 06/08/2011.
  2. ^ Leonardo, LEONARDO: PUBBLICAZIONE STATUTO SOCIALE, leonardocompany.com, 10 gennaio 2017.
  3. ^ (EN) John Croft, FARNBOROUGH: AgustaWestland unveils 'game-changing' AW169, in Flightglobal, 20 luglio 2010. URL consultato il 06/08/2011.
  4. ^ a b (EN) New Generation AW169 Helicopter Completes Its Maiden Flight, agustawestland.com, 11 maggio 2012. URL consultato l'11 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2012).
  5. ^ (EN) David Donald, AgustaWestland unveils AW169, in AINonline, 20 luglio 2010. URL consultato il 06/08/2011.
  6. ^ aviationweek.com.
  7. ^ helipress.it.
  8. ^ helipress.it.
  9. ^ Due nuovi AW169 di Babcock per l'Elisoccorso in Sicilia, su www.helipress.it. URL consultato il 06 luglio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]