Royal Canadian Air Force

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Royal Canadian Air Force
Reale Aeronautica Militare Canadese
Royal Canadian Air Force Ensign (1941-1968).svg
Insegna della Royal Canadian Air Force
Descrizione generale
Attiva 1924 - 1968, 2011 -
Nazione CanadaCanadaCanada Canada
Alleanza Triplice intesa
Alleati
NATO
Servizio aeronautica militare
Quartier generale Ottawa, Ontario
Soprannome the flying beasts
Motto "Per ardua ad astra" (latino: attraverso le asperità alle stelle)
Colori blu-bianco-rosso
Marcia "RCAF March Past"
Battaglie/guerre Operazioni volontarie nella prima guerra mondiale
Battaglia d'Inghilterra
Battaglia dell'Atlantico
Bombardamento dell'Europa
Diverse battaglie in Francia e Italia
operazione Husky
operazione antiNazi
operazione Konrad
battaglia di Polonia
guerra di Corea
operazioni congiunte durante la guerra fredda
Parte di
Simboli
Coccarda 1924-1946 RAF type A roundel.svg
Coccarda 1946-1965 RAF roundel.svg
Coccarda 1965-1968 2011-oggi Roundel of the Royal Canadian Air Force (1946-1965).svg

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Royal Canadian Air Force, nota anche con la sua sigla RCAF, tradotta letteralmente in lingua italiana come Reale Aeronautica militare canadese, è stata, dal 1924 al 1968 ed è oggi, la designazione ufficiale della forza aerea militare del Canada, al comando del Department of National Defence e parte integrante delle forze armate canadesi, dal 2011 essa ha ripreso il nome ufficiale di Royal Canadian Air Force ed è tornata autonoma nell'ambito delle forze armate reali del Canada.

Impegnato attivamente durante la seconda guerra mondiale, dopo il 1968 assunse la nuova denominazione di Canadian Forces Air Command (AIRCOM), continuando però a definire se stessa una "Air Force", ossia una forza aerea, e continuando a mantenere le tradizioni e riconoscendosi nella storia della RCAF.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini e l'intervento durante la Prima guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

L'AEA Silver Dart, il primo aereo di progettazione canadese.

L'avvento dell'aviazione in Canada risale al 23 febbraio 1909, quando un velivolo progettato dalla Aerial Experiment Association, l'AEA Silver Dart di Alexander Graham Bell, venne portato in volo per la prima volta dalla superficie ghiacciata del lago du Bras-d'Or a Baddeck, nella Nuova Scozia, con J.D. McCurdy ai comandi. Il volo, che coprì la distanza di solo mezzo mi (circa 800 m), fu il primo "volo controllato a motore" (ed il primo compiuto con un aeromobile "più pesante dell'aria") compiuto in territorio canadese ed in tutto l'Impero britannico.[1] Un secondo e ben più lungo volo, di 20 mi (oltre 32 km) venne compiuto, sempre dal lago du Bras-d'Or, il successivo 10 marzo dello stesso anno.[2]

Il buon esito del volo alimentò la speranza che il Department of Militia and Defence, l'allora dipartimento deputato alla difesa ed all'acquisto di nuove armi, potesse esprimere interesse per il velivolo. Benché, a quel tempo, la diffidenza circa una reale applicazione del nuovo mezzo aereo fosse ancora molto forte, un lungimirante ufficiale propose di dimostrare le capacità del velivolo invitando il gruppo di pionieri presso Camp Petawawa. Il 2 agosto 1909 il Silver Dart, davanti ad una commissione esaminatrice, compì con successo quattro voli con il solo inconveniente occorso a McCurdy durante l'ultimo quando, in fase di atterraggio, colpì un rialzo sul terreno causando gravi danni alla struttura del velivolo. L'entità delle riparazioni suggerì di non intervenire sulla struttura e quello fu l'ultimo volo compiuto dal Silver Dart.[3] Un secondo velivolo, il Baddeck No.1, venne portato in volo qualche giorno più tardi ma anche questo si danneggiò irreparabilmente durante il suo secondo atterraggio.[3] Prima dell'incidente, comunque, il Silver Dart compì anche il primo volo passeggeri canadese con un "più pesante dell'aria" quando McCurdy portò a bordo la sua compagna, F.W. Baldwin.[4] Gli incidenti occorsi ai velivoli aumentarono la diffidenza da parte del Department of Militia and Defence che si disinteressò da quel momento dello sviluppo del trasporto aereo. Solamente allo scoppio della Prima guerra mondiale il governo canadese espresse un interesse per l'uso dell'aereo in campo militare.[5]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Canadian Aviation Corps.

Come conseguenza della crisi di luglio, il 4 agosto 1914 il Canada si trovò coinvolto nel conflitto in virtù della dichiarazione di guerra della Gran Bretagna all'Impero tedesco. Alcune nazioni europee avevano già cominciato ad utilizzare gli aerei a scopo militare per cui l'allora ministro per l'armamento e la difesa canadese Sam Hughes, intento ad organizzare la Canadian Expeditionary Force (CEF), chiese in quale modo il Canada potesse contribuire all'aviazione militare.[5] Da Londra pervenne in risposta la richiesta per l'immediato invio di sei piloti esperti, richiesta che Hughes non era però in grado di ottemperare.

Il Burgess-Dunne fu il primo aereo militare canadese, anche se non venne mai impiegato operativamente.

Hughes riuscì comunque ad autorizzare la creazione di una piccola unità aerea in supporto alla CEF diretta in Gran Bretagna, istituita il 16 settembre 1914 con la designazione Canadian Aviation Corps, composta da due ufficiali ed un meccanico, con a disposizione una cifra pari a 5 000 dollari per l'acquisto di un velivolo dalla Burgess Company in Massachusetts e destinato ad essere consegnato a Québec. Il biplano Burgess-Dunne venne consegnato il 1º ottobre 1914, quindi inviato immediatamente via nave verso l'Inghilterra. Al suo arrivo il velivolo venne trasportato nella piana di Salisbury dov'era schierato il CEF per l'addestramento, tuttavia il Burgess-Dunne non venne mai utilizzato e si deteriorò velocemente a causa del clima umido invernale. Il 7 maggio 1915 il Canadian Aviation Corps venne dismesso.[5]

Durante la Prima guerra mondiale furono oltre 20 000 i volontari canadesi che si arruolarono nelle britanniche Royal Flying Corps (RFC) e Royal Naval Air Service, fucine di assi come William Barker, W.A. "Billy" Bishop, Raymond Collishaw, Roy Brown e Wilfrid "Wop" May.[6] Nel 1917 l'RFC istituì delle scuole di volo in Canada per reclutare ed istruire il personale aereo. Il governo canadese inoltre anticipò all'RFC la cifra occorrente a fondare un'azienda aeronautica a Toronto, la Canadian Aeroplanes, senza peraltro parteciparvi in prima persona.[7]

I Sopwith Dolphin appartenenti al No.1 (Fighter) Squadron, CAF.

Già dal 1915 la Gran Bretagna suggerì al Canada di considerare l'aumento delle sue unità aeree, tuttavia bisognò aspettare la primavera 1918 perché il governo canadese propose la formazione di un wing, l'equivalente dello stormo, composto di otto squadron (squadriglie) per operare con il Canadian Corps in Francia. La proposta venne valutata eccessiva dall'Air Ministry britannico che preferì istituire solamente due squadron canadesi, uno bombardieri ed un caccia. Il 19 settembre 1918 il governo canadese autorizzò l'istituzione della Canadian Air Force (CAF) per acquisire il controllo diretto dei due squadron sotto il comando del Lieutenant-Colonel W.A. Bishop, il più importante asso dell'aviazione dell'Impero britannico ed il primo aviatore canadese ad essere decorato con la Victoria Cross.[6]

Il 19 giugno 1919, dopo il termine del primo conflitto mondiale, il governo canadese si espresse contro il mantenimento di una forza aerea in tempo di pace ed il 5 febbraio 1920 la Canadian Air Force in Europa fu sciolta senza che abbia mai partecipato ad alcuna operazione bellica.[8]

Il periodo interbellico[modifica | modifica sorgente]

Al termine del conflitto, IL regno Unito inviò il Canada all'International Convention for Air Navigation (Assemblea internazionale di navigazione aerea), parte della Peace Convention firmata dal Regno Unito a Parigi nel 1919. Al Canada fu richiesto il controllo della navigazione e del traffico aereo all'interno dei propri confini. Per fare questo, il Canada istituì l'Air Board, il cui compito era principalmente di istituire una regolamentazione ma anche assumere la responsabilità del controllo dell'aviazione civile e della gestione della difesa aerea.[9]

Una delle prime responsabilità dell'Air Board fu quello di gestire il funzionamento di oltre 100 velivoli surplus forniti al Canada dal governo britannico per la difesa aerea del proprio territorio. Nel frattempo vennero inoltre acquisiti diversi idrovolanti ed altro equipaggiamento donato dagli Stati Uniti d'America che istituirono temporaneamente diverse basi aeronavali sulla costa orientale in attesa di formazione del personale del Royal Canadian Naval Air Service.[10] L'Air Board decise di utilizzare i velivoli a supporto di operazioni civili come la selvicoltura, il rilevamento fotografico ed a supporto di operazione anti contrabbando controllando direttamente, nel periodo tra il 1920 ed il 1921, sei stazioni aeree.

Il contributo dato dall'Air Board nella difesa aerea della nazione consisteva nel fornire corsi d'aggiornamento per gli ex piloti militari tramite una piccola milizia aerea a tempo parziale conosciuta come Canadian Air Force (CAF) dislocata presso la vecchia Royal Flying Corps air station di Camp Borden.[11] Questo programma di formazione, iniziato nel luglio 1920, si concluse nel marzo 1922. La CAF venne riorganizzata il 1 luglio 1922, e dal gennaio 1923 l'Air Board venne incorporato nel neo costituito Department of National Defence (Dipartimento della Difesa nazionale). Il CAF divenne così responsabile di tutte le attività di volo in Canada, compresa l'aviazione civile.[12]

Alcuni Airco DH.4 presso la Air Board air station a High River, Alberta, nel 1922. I velivoli venne utilizzati nel controllo aereo forestale e per l'aerofotogrammetria.

Dal 1 aprile 1924, il titolo "Royal" (Reale) venne conferito alla CAF tramite un royal proclamation (proclama reale) istituendo formalmente la forza aerea che assunse la designazione Royal Canadian Air Force (RCAF). La RCAF continuò ad operare in attività civili quali pattugliamenti aerei anti-contrabbando, controllo dei focolai di incendio e l'irrorazione di antiparassitari nelle foreste, servizi di posta aerea, operazioni MEDEVAC, controllo del territorio in operazioni di polizia, rilevamenti fotografici aerei oltre alla formazione di nuovi piloti. L'organizzazione della nuova forza aerea sarebbe dovuta consistere in una componente permanente più una ausiliaria o di leva (Non-Permanent Active Air Force, or NPAAF) ma la NPAAF non riuscì ad essere istituita che otto anni dopo.[13]

La RCAF sostituì l'Air Board e la CAF nel controllo dell'aviazione civile canadese. Nel 1927 la gestione del trasporto aereo in Canada venne riorganizzata in modo che la RCAF, ormai considerata un corpo militare, non continuasse ad assumere il controllo anche dei voli civili. Un nuovo organo governativo, il Civil Government Air Operations (CGAO), venne costituito per gestire le operazioni di volo che riguardavano l'aviazione civile, tuttavia fu la RCAF ad amministrare la nuova realtà fornendole la maggior parte dei mezzi aerei e del personale. L'RCAF avrebbe continuato a gestire il CGAO fino a quando il Department of Transport (Dipartimento dei trasporti) canadese fosse stato in grado di gestire autonomamente i servizi pubblici o fino a quando i dipartimenti locali sarebbero riusciti a gestire i propri servizi di volo.[14]

Tagli di bilancio nei primi anni trenta ricaddero sulla quantità di personale impiegato, nella costruzione di nuovi aeroporti, nella formazione dei piloti, negli acquisti di nuovi aeromobili e nelle operazioni di volo. Le conseguenze della grande depressione sul Canada, la "Big Cut" del 1932, risultarono particolarmente devastanti per l'RCAF. Per arginare i problemi conseguenti ai tagli di bilancio venne infine costituita l'NPAAF.[15] Tra il 1932 e il 1938 vennero istituiti 10 squadron ausiliari. L'RCAF tuttavia impiegò tutti gli anni trenta per ricostituire le proprie forze i cui sforzi furono volti ad accrescere la forza come organizzazione militare piuttosto che concentrarsi sul miglioramento del supporto alle operazioni aeree civili. In quel periodo vennero ordinati nuovi velivoli e costruite nuove basi aeree, quindi riorganizzata la struttura ampliando o unificando i suoi reparti e istituendo comandi regionali.

Alla fine degli anni trenta la RCAF non costituiva una grande potenza militare.[16] Il parco velivoli era costituito da modelli oramai obsoleti e non aveva alcuna esperienza in operazioni militari. Benché fosse stato formato nuovo personale e nuovi piloti militari la quantità degli effettivi era ancora carente. Molti di questi problemi vennero comunque superati con l'attuazione del British Commonwealth Air Training Plan (BCATP) durante la Seconda guerra mondiale.

La Seconda guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

Poster di reclutamento RCAF durante la seconda guerra mondiale

Durante la Seconda guerra mondiale diede un apporto fondamentale alle operazioni militari congiunte alleate, dalla partecipazione con Squadroni di caccia alla battaglia d'Inghilterra, al pattugliamento dell'oceano Atlantico fino al bombardamento del suolo tedesco durante le ultime fasi del conflitto, ottenendo numerose e importantissime vittorie strategiche e liberando diverse zone dell'Europa occupata. La forza aerea Tedesca venne addirittura devastata dai canadesi nelle operazioni di difesa dell'Inghilterra. Nella sua storia la RCAF ha preso parte anche al primo conflitto mondiale fornendo aerei e attrezzature d'avanguardia e inviando consistenti contingenti volontari, e alla guerra fredda dapprima in prima linea nella guerra di Corea e poi con operazioni congiunte.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Roberts 1959, pag. 3.
  2. ^ Roberts 1959, pag. 5.
  3. ^ a b Roberts 1959, pag. 6.
  4. ^ Milberry 1984, pag. 11.
  5. ^ a b c Milberry 1984, pag. 13.
  6. ^ a b Milberry 1984, pag. 15.
  7. ^ Milberry 1984, pag. 14.
  8. ^ Milberry 1984, pag. 16.
  9. ^ Milberry 1984, p. 16-17.
  10. ^ Greenhous 1999, pp.20, 24.
  11. ^ Milberry 1984, p. 17.
  12. ^ Milberry 1984, p. 21.
  13. ^ Milberry 1984, p. 23
  14. ^ Milberry 1984, pp. 24, 25.
  15. ^ Greenhous 1999, p. 36.
  16. ^ Milberry 1984, p. 55.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]