William Kidd

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando lo sciatore alpino statunitense, vedi Billy Kidd.
William Kidd

William Kidd (Greenock, 22 gennaio 1645Londra, 23 maggio 1701) è stato un pirata scozzese. Uno dei più celebri corsari di sempre, incaricato inizialmente di combattere contro i pirati, si unì in seguito alla pirateria, ma finì per essere catturato e giustiziato.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Inizio della carriera[modifica | modifica sorgente]

Dapprima trovò occupazione come corsaro a New York e nelle Indie Occidentali. In seguito venne richiamato per servire l'Inghilterra; gli venne data una nave: l'"Adventure Galley" che venne potenziata con 34 cannoni ed ebbe un equipaggio complessivo di 80 uomini. Kidd fu incaricato di catturare tutte le navi francesi e pirate che navigavano a largo delle coste del Madagascar.

William Kidd sulla nave Adventure Galley

Capitan Kidd seppellisce la sua bibbia

Carriera da pirata[modifica | modifica sorgente]

Kidd pensò di aumentare il numero di uomini a bordo e quindi assunse una banda di marinai specializzati a New York e solo allora salpò. Arrivati in Madagascar, parte dell'equipaggio si ammutinò e passò dalla parte dei pirati. Il resto degli uomini era sull'orlo della rottura. Gli dissero di attaccare qualunque nave ma Kidd rifiutò ed allora l'equipaggio si ammutinò.

Kidd si fece convincere e pensò di assaltare i mercanti di Quedagh e depredò un'enorme quantità d'oro, pari a 400 tonnellate. Uno dei mercantili depredati era già pronto per la battaglia, ma Kidd riuscì comunque a derubarlo. Accumulò così il più grande tesoro pirata di tutti i tempi. Kidd pensava di poter ingannare gli inglesi facendogli pensare che tutto l'oro derivasse dalle navi francesi e pirata. Ma gli inglesi vennero a sapere che la maggior parte dell'oro apparteneva alla potente Compagnia delle Indie inglese.

Nel 1699 seppellì il suo tesoro sotto Gardiners Island.

Morte[modifica | modifica sorgente]

William Kidd appeso su una sponda del Tamigi

Nel 1695, il governatore Benjamin Fletcher era stato sostituito, da Guglielmo III d'Inghilterra con Richard Coote, I conte di Bellomont, perché sospettato di accettare tangenti ed in cambio di lasciare liberi i pirati di entrare col bottino. Bellomont ingaggiò Kidd come Corsaro perché ostacolasse la pirateria. Quando arrivò a New York, infatti, venne condannato a morte. Fu condotto a Londra, dove lo attendeva una folla di persone e l'impiccagione.

Dopo l'esecuzione il suo corpo venne immerso nel catrame e appeso per due anni con catene a una sponda del fiume Tamigi come avvertimento per i potenziali, futuri pirati.

Influenze sulla cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

  • Il personaggio e l'impiccagione di William Kidd hanno ispirato la ballata Captain Kidd[1]. Una versione della ballata Captain Kidd è stata cantata dal gruppo Great Big Sea.
  • Il personaggio di William Kidd è presente in due episodi della saga di videogiochi Assassin's Creed. In Assassin's Creed III la missione di Gambe di Legno parla del tesoro segreto del Capitano Kidd e alla fine della missione vengono sbloccati gli abiti del capitano, mentre nella Freedom Edition del gioco è possibile trovare la sciabola leggendaria di Kidd. In Assassin's Creed IV: Black Flag è invece conosciuto come il padre dell'alterego maschile della famosa pirata Mary Read, James Kidd.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Captain Kidd's Lyrics
  2. ^ Manga di One Piece, SBS del volume 52, capitolo 509

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Robert C. Ritchie Captain Kidd and the war against the Pirates, Cambridge (Mass.), Londra, 1986 (trad. it. Torino, Einaudi)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 20477322 LCCN: n50046853