Salvacondotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il salvacondotto (anche guidaticum, in epoca medievale[1]) è lo strumento, o patente, attraverso il quale veniva garantito il diritto di transito attraverso un territorio a un particolare soggetto. Si trattava solitamente di un documento in forma di lettera, recante il nome del portatore che beneficiava della garanzia, con indicazione dello scopo del viaggio.[2] Era solitamente accompagnato da minacce ritorsive contro chiunque non vi avesse dato séguito.[2]

Guidaticum[modifica | modifica wikitesto]

Indicato in epoca medievale con il termine di 'guidaticum'[1], il suo uso si diffuse nel XIII secolo, epoca in cui andò realmente definendosi e consolidandosi il concetto di linea di frontiera[3] e in cui stava riprendendo vigore, già in parte dal secolo precedente, il concetto di sovranità, affievolito o eclissato nella figura del suzerain dell'interludio feudale.[4]

Ruolo e scopi[modifica | modifica wikitesto]

La sua istituzione, e la diffusione del suo uso, ebbero un'importante e positiva influenza nello sviluppo dei traffici mercantili, soprattutto tra il Nord Europa e il Mediterraneo, nel XIII secolo[3]. L'impatto positivo sui traffici di lunga distanza ne fece un efficace strumento di quel sistema economico che è stato definito da qualcuno[5] come proto-capitalismo[3].

Lo strumento del salvacondotto, o del guidaticum, può essere considerato l'antenato del moderno passaporto[2].

Si trattava di uno strumento fondamentale per diversi scopi, ma, soprattutto, era per mezzo di esso che si esprimeva e si consolidava il monopolio della forza e il controllo della mobilità[2]: il passaggio da un principio di autodifesa a una forma di protezione e tutela garantita da un'autorità, contribuiva ad affermare l'idea della sovranità in capo alla figura che deteneva il potere su un determinato territorio.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b James William Brodman, Ransoming Captives in Crusader Spain: The Order of Merced on the Christian-Islamic Frontier, capitolo VI.
  2. ^ a b c d e Mark B. Salter, Rights of passage: the passport in international relations, p. 13.
  3. ^ a b c Mark B. Salter, Rights of passage: the passport in international relations, p. 14.
  4. ^ Voce «SUZERAIN» da Encyclopædia Universalis.
  5. ^ La definizione appartiene a James M. Blaut, The Colonizer's Model of the World: Geographical Diffusionism and Eurocentric History, New York, Guildford Press, 1993, p. 165.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]