Una vergine per il principe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una vergine per il principe
Paese di produzione Italia
Anno 1965
Durata 107 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Pasquale Festa Campanile
Soggetto Pasquale Festa Campanile
Sceneggiatura Pasquale Festa Campanile, Ugo Liberatore, Giorgio Prosperi
Produttore Luciano Perugia
Fotografia Roberto Gerardi
Montaggio Otello Colangeli
Musiche Luis Enríquez Bacalov
Scenografia Pier Luigi Pizzi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Una vergine per il principe è un film del 1965, diretto da Pasquale Festa Campanile. Il soggetto è tratto da una celebre vicenda, realmente accaduta alla corte mantovana dei Gonzaga, nel XVI secolo.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il giovane principe Vincenzo Gonzaga, ripudia la prima moglie Margherita Farnese, ottenendo l'annullamento dell'unione e, contemporaneamente, sollevando forti dubbi sulla propria virilità. Fortemente pressato dal padre a maritarsi nuovamente, allo scopo di rimpinguare le esauste casse dello stato con un matrimonio di alto lignaggio, Vincenzo indica Eleonora de' Medici come futura sposa. La potente famiglia di Eleonora, preoccupata dalle voci circa la presunta impotenza del principe, pretende una dimostrazione preventiva di virilità, da eseguire con una ragazza illibata e al cospetto di testimoni. All'uopo viene scelta la giovane popolana Giulia che, per la sua prestazione, verrà poi ricompensata con un marito e una dote.

Location[modifica | modifica sorgente]

Scene girate a Urbino (PU), Poppi (AR), Villa medicea della Ferdinanda detta "dei cento camini, Carmignano (PT), Palazzo Vecchio, Firenze (FI).

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Nonostante la critica lo stronchi in maniera abbastanza generalizzata, il film ottiene comunque un grande successo di pubblico, con incassi cospicui [1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giacomo Gambetti, Vittorio Gassmann, Gremese Editore, Roma, 1999

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]