Scacco alla regina (film 1969)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scacco alla regina
Scacco alla regina.jpg
Rosanna Schiaffino
Titolo originale Scacco alla regina
Paese di produzione Italia, Germania
Anno 1969
Durata 98 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Pasquale Festa Campanile
Soggetto Renato Ghiotto (romanzo)
Sceneggiatura Tullio Pinelli, Brunello Rondi
Produttore Alfredo Bini
Casa di produzione Finarco
Distribuzione (Italia) Titanus
Fotografia Roberto Gerardi
Montaggio Mario Morra
Musiche Piero Piccioni
Scenografia Flavio Mogherini
Costumi Giulia Mafai
Trucco Francesco Corridoni
Interpreti e personaggi

Scacco alla regina è un film del 1969 diretto da Pasquale Festa Campanile, liberamente tratto dal romanzo omonimo (1967) di Renato Ghiotto, tradotto nel 1969 in inglese con il titolo The Slave.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Margaret è una celebre attrice arrogante e crudele, abituata ad essere servita e riverita dalle persone di cui si circonda. Arriva al suo servizio come dama di compagnia Silvia, una ragazza benestante ma che desidera essere sottomessa ad una padrona e che non ama vivere al di fuori della villa in cui lavora. Quando la sottomissione masochistica di Silvia, acquisendo tratti via via più erotici, assume sfumature omosessuali, l'attrice decide di metterla all'asta a una ristretta cerchia di amici, vendendola come schiava.

Location[modifica | modifica sorgente]

La location principale del film - vale a dire la villa di Margaret (Rosanna Schiaffino) - è in realtà Villa Parisi a Frascati.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]