Tribunale Vivente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tribunale Vivente
Tribunale Vivente contro Dottor Strange, disegni di Severin/Everett
Tribunale Vivente contro Dottor Strange, disegni di Severin/Everett
Universo Universo Marvel
Nome orig. Living Tribunal
Lingua orig. Inglese
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. giugno 1967
1ª app. in Strange Tales n. 157
Sesso Maschio
Abilità
  • onnipotenza
  • onniscienza
  • onniveggenza
  • onnipresenza

Tribunale Vivente (Living Tribunal) è un personaggio dei fumetti creato da Stan Lee (testi), Marie Severin (disegni) e Herb Trimpe (chine) pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione è in Strange Tales (prima serie) n. 157 (giugno 1967).

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Tribunale Vivente è un'entità virtualmente onnipotente incaricata dal Supremo di controllare e mantenere l'equilibro tra le diverse realtà che costituiscono il multiverso Marvel, dall'universo principale (Terra 616) a tutte le altre realtà alternative.

Tribunale Vivente appare solo quando strettamente necessario, ad esempio quando deve giudicare la Terra per qualche motivo[1], deve controllare le azioni di altre entità cosmiche[2] o deve agire come arbitro su questioni che riguardano un intero universo[3].

Quando Thanos riunì le Gemme dell’Infinito, minacciando l’esistenza, Eternità chiese al Tribunale Vivente di esercitare il suo potere per fermarlo, ma il Tribunale sapeva che Thanos si sarebbe sconfitto da solo e non intervenne. Dopo la sconfitta di Thanos, Adam Warlock ottenne il Guanto dell’Infinito. Il Tribunale sentenziò che le gemme dovessero essere custodite da sei persone diverse e che non potessero più essere usate insieme.Quando Eternità chiese di annullare la sentenza per fermare il Magus, che aveva rubato le me a sua insaputa, il Tribunale accettò. Dopo la definitiva sconfitta del Magus il verdetto fu nuovamente cambiato, forse per l’ultima volta.Quando la Terra dell’universo noto come New Universe fu trasportata nel nostro, il Tribunale Vivente sentenziò che il pianeta non fosse più spostato, ma eresse anche una barriera intorno ad esso per impedire interferenze.

Iron Man e l'Osservatore successivamente trovano quello che sembra essere il cadavere avvizzito del Tribunale Vivente sulla luna, senza alcun segno di chi ha ucciso l'entità.

Poteri e abilità[modifica | modifica sorgente]

I poteri di Tribunale Vivente sono illimitati e la sua autorità è seconda solo a quella del Supremo. Il Tribunale Vivente è un essere onnipotente, onnipresente e onnisciente e il suo potere è addirittura superiore a quello del Guanto dell'Infinito[4]. L'unico che è stato in grado di sconfiggerlo è stato Thanos e per farlo ha utilizzato l'oggetto chiamato "Cuore dell'Universo", un oggetto il cui potere proviene direttamente dal Supremo[5].

Tutti gli aspetti del Tribunale devono essere d’accordo per emettere una sentenza.

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Tribunale Vivente ha tre volti, di cui solo uno completamente visibile, uno parzialmente scoperto ed uno celato da un velo. I tre volti rappresentano rispettivamente: Equità, Vendetta e Necessità[6].

I tre volti vennero paragonati alla natura di varie razze, sviluppi evolutivi o forze cosmiche dualistiche, che siano bilanciate da un qualche fattore. Eternità e Mastro Ordine sono stati accostati alla Necessità, Morte e Lord Caos alla Vendetta e Galactus e In-Betweener a Equità.

Il quarto lato della testa di Tribunale Vivente è vuoto. Il personaggio affermò una volta che nel quarto lato della testa vuoto "avrebbe dovuto esserci il volto dello Straniero"[7].

Tribunale Vivente rivelò il volto in precedenza completamente coperto di Necessità a She-Hulk come un riflesso del volto di lei, affermando che quel volto è «uno Specchio Cosmico che ci ricorda sempre di giudicare gli altri come vorremmo essere giudicati noi stessi»[8].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Strange Tales (I serie) nn. 157-163, giugno-dicembre 1967.
  2. ^ Rom n. 46, aprile 1983; Secret Wars II n. 6, dicembre 1985; Silver Surfer (III serie) n. 31, dicembre 1989; Quasar n. 26, settembre 1991.
  3. ^ Warlock and the Infinity Watch n. 1, febbraio 1992.
  4. ^ Warlock and the Infinity Watch n. 1
  5. ^ Marvel Universe: The End nn. 1-6, 2004.
  6. ^ Silver Surfer 31 (III serie), dicembre 1989.
  7. ^ Silver Surfer 31 (III serie), dicembre 1989.
  8. ^ She-Hulk (II serie) n. 12, novembre 2006.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics