Tempus fugit

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La locuzione "tempus fugit" appare spesso in cima agli orologi a pendolo

La locuzione latina tempus fugit, tradotta letteralmente, significa il tempo fugge. Nell'italiano corrente viene anche tradotta come "il tempo vola".

L'espressione sembra derivare da un verso delle Georgiche di Virgilio:

(LA)
« Sed fugit interea fugit irreparabile tempus »
(IT)
« Ma fugge intanto, fugge irreparabilmente il tempo »
(Georgiche, III, 284, traduzione di Clemente Bondi)

La locuzione è presente anche nell'opera Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carroll, ed è inoltre il titolo di una canzone degli Yes.

Il tempus fugit è anche una filosofia di vita paragonabile al Carpe diem, secondo cui non bisogna fare previsioni a lunghissimo tempo ma al massimo, assumersi impegni a breve tempo, quindi vivere la vita come insieme di possibili ultimi giorni; su quest' argomento però c'è chi si distacca, il modo migliore per capire questa percezione del tempo è leggere svariati brani, alcuni ottimi esempi possono essere le "Sabbie del tempo" di D'Annunzio o "Le Candele" di Kostantinos Kavafis.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

lingua latina Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina