Capsula del tempo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Una capsula del tempo è un contenitore appositamente preparato per conservare oggetti o informazioni destinate ad essere ritrovate in un'epoca futura. Si tratta di un metodo per comunicare in modo unidirezionale con il futuro e non va confusa con la macchina del tempo.

Le capsule del tempo sono contenitori studiati per durare nel tempo salvaguardando il contenuto. Possono essere piccoli barattoli oppure intere stanze sigillate. L'atmosfera interna può essere alterata per ridurre il contenuto di ossigeno e limitare l'ossidazione. Il posizionamento deve essere fatto in modo da consentire il ritrovamento in un'epoca prestabilita e all'esterno possono essere apposte indicazioni sulla data di apertura, tenendo conto dei possibili cambiamenti nella lingua usata.

Lo Helium Centennial Time Columns Monument situato ad Amarillo (Texas) conserva quattro sfere che dovranno essere aperte dopo 25, 50, 100, e 1000 anni a partire dal 1968

Molte capsule del tempo sono preparate da singole persone, altre vengono deposte in cerimonie di inaugurazione di edifici o eventi importanti. Il contenuto può comprendere oggetti rappresentativi dell'epoca, giornali, registrazioni, fotografie, monete ecc.

Presso l'Università di Oglethorpe, ad Atlanta, è stata allestita nel 1936 una "cripta della civiltà". Si tratta di una stanza sigillata contenente un campione rappresentativo dell'epoca, in gran parte oggetti donati. L'apertura è prevista per l'anno 8113.

La Cripta contiene fusti nei quali sono inseriti i più vari oggetti sigillati in gas inerte, prevalentemente provenienti dagli anni '30: abiti, accendini, radio, grammofani. L'idea della cripta della civiltà, nasce nel 1936, per volontà di Thornwell Jacobs ( 1877-1956 ), Rettore della stessa Università di Oglethorpe, che volle conservare e preservare la civiltà del tempo per i figli del futuro. Thornwell Jacobs era un sacerdote ed un educatore, fu anche colui che riuscì a rifondare il Colleggio di Oglethorpe dopo la sua distruzione dopo la prima guerra di indipendenza. Thornwell Jacobs nel novembre del 1936 pubblicò sulla rivista denominata "Scientific American magazine", un articolo nel quale spiega le difficoltà di conservazione dei documenti e della necessità di creare un sistema di conservazione delle informazioni di una civiltà. In questo modo nasce l'idea della cripta della civiltà voluta da Thornwell Jacobs.

Presso la stessa università si trova l'associazione International Time Capsule Society che raccoglie informazioni sull'ubicazione delle capsule del tempo in tutto il mondo. Chiunque può registrare la posizione della propria capsula, il contenuto e la data di apertura prevista.

Capsule spaziali[modifica | modifica sorgente]

Attualmente diverse capsule del tempo sono "sepolte" nello spazio. Eccone alcune tra le più importanti:

  • una placca metallica montata sul modulo di atterraggio lunare della missione Apollo 11, raffigurante i due emisferi terrestri, un'iscrizione, le firme degli astronauti e del presidente Nixon (1969, destinata a restare sulla luna);
  • una placca in alluminio e oro applicata su ciascuna delle sonde Pioneer 10 e Pioneer 11, raffigurante delle illustrazioni pittoriche di un uomo, una donna e alcune informazioni sul sistema solare, per permettere a chi dovesse eventualmente trovarle di risalire al pianeta di origine e al periodo indicativo in cui le sonde sono partite (1972 e 1973, destinate a lasciare il sistema solare);
  • un disco per grammofono d'oro inserito in ciascuna delle due sonde Voyager, che, se correttamente usato secondo le "istruzioni" allegate, permette di riprodurre dei suoni e mostrare delle immagini terrestri (1977, anch'esse destinate ad abbandonare il sistema solare);
  • una placca contenuta all'interno di ciascuno dei satelliti artificiali LAGEOS, raffigurante le disposizioni dei continenti terrestri nel passato, nel presente e nel futuro (1976 e 1992, destinati a ricadere sulla terra fra circa 8 milioni di anni).

In tutti questi casi però si tratta solo di poche informazioni sulla Terra e sull'umanità caricate a bordo di sonde, satelliti o oggetti destinati ad altri scopi, come ad esempio l'atterraggio sulla luna o la raccolta di informazioni sui pianeti esterni del sistema solare: di conseguenza queste "capsule" costituivano solo un carico accessorio, limitato quindi dalla necessità di non appesantire il carico per cui il lancio era stato programmato.

Per la fine del 2014 tuttavia è previsto il lancio del satellite KEO, appositamente concepito per contenente una capsula del tempo destinata ai terrestri del 52000 circa, quando la sua orbità sarà ormai diventata instabile a causa dell'attrito con l'atmosfera. Poiché il solo obiettivo del lancio è proprio quello di costituire una capsula del tempo orbitante, la quantità di dati che essa trasporterà, opportunamente incisi su DVD vetrosi resistenti alle radiazioni, è notevolmente superiore a quella di tutti i casi precedenti: ad esempio potranno essere memorizzate fino a quattro pagine scritte per ogni abitante della Terra.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]