Clessidra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri usi del termine, vedi clessidra - arrampicata.

La clessìdra è un dispositivo per la misura dello scorrere del tempo basata su un flusso costante di acqua in uscita da un contenitore.

Schema di una clessidra:
1) Acqua
2) Scala graduata
3) Foro di uscita
4) Recipiente di raccolta

Il nome deriva dal greco κλεψύδρα (klepsýdra), che letteralmente significa "ruba-acqua".

In italiano il termine generico è usato anche per indicare i dispositivi costituiti da due bulbi di vetro collegati attraverso uno stretto foro, al cui interno è collocata sabbia finissima, più correttamente chiamate clepsamie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Orologio idraulico del Pincio a Roma

Poiché il flusso di acqua non è facilmente controllabile e dipendente da diverse variabili, questo orologio non è né molto preciso né molto accurato. È stato però il primo strumento di misura del tempo indipendente dalle osservazioni astronomiche. Uno dei più antichi esemplari fu ritrovato nella tomba del faraone Amenhotep I, risalente al XV secolo a.C.

In Grecia l'uso della clessidra fu introdotto nel 325 a.C., sotto forma di contenitori in pietra di forma tronco conica che facevano fuoriuscire acqua da un foro praticato sul fondo, a un ritmo costante.
Altre clessidre avevano forma cilindrica o a coppa e venivano lentamente riempiti da un flusso costante di acqua. Alcuni segni sulla superficie interna del contenitore indicavano il trascorrere delle ore al salire del livello del liquido.
Un'altra versione era costituita da un contenitore di metallo forato sul fondo che, posto a galleggiare in un contenitore più grande, affondava in un tempo determinato. Questo sistema è rimasto in uso fino al XX secolo in Nordafrica. Questi orologi erano in genere impiegati durante la notte, ma non di giorno, quando erano disponibili le più precise meridiane.

Orologio persiano antico
Orologio persiano antico

Nella prima metà del III secolo a.C. Ctesibio trasformò la clessidra nel più complesso orologio ad acqua. Da lui e da altri furono introdotti vari meccanismi per aumentare la precisione dell'orologio regolando la pressione e mantenendo costante il flusso dell'acqua, ma anche per offrire una migliore visualizzazione dell'ora. Gli esemplari più evoluti potevano suonare campane o gong, aprire finestre per mostrare immagini, oppure avevano indicatori mobili, quadranti o rappresentazioni di corpi celesti. Tra i progettisti di orologi di questo tipo vi furono Archimede e Erone di Alessandria.

L'astronomo macedone Andronico di Cirro, fu responsabile della costruzione dell'Horologion, noto oggi come Torre dei Venti al mercato di Atene, nella prima metà del I secolo a.C. Si tratta di una torre ottagonale con raffigurazioni di studenti e persone al mercato, e reca sia una meridiana che una indicazione meccanica dell'ora.
Contiene un meccanismo a clessidra in grado di mostrare tutte le 24 ore, la stagione dell'anno nonché date e periodi astrologici. Indica anche la direzione dei venti principali, da cui il nome attuale.

Ricostruzione, da frammenti originali, di una clessidra greca alla Stoà di Attalo, il Museo dell'antica Agorà di Atene

Orologi ad acqua furono usati anche in epoca imperiale.

In estremo oriente furono realizzati orologi meccanici astronomici tra il 200 e il 1300. Uno dei più elaborati è la torre orologio alta dieci metri realizzata probabilmente da Su Song (蘇頌) nel 1088.
Il meccanismo incorpora uno scappamento ad acqua inventato nel 725 e presenta una sfera armillare mossa automaticamente, un globo celeste e cinque pannelli che si aprono mostrando personaggi che suonano gong e mostrano tavolette su cui è riportata l'ora e altri momenti particolari della giornata. La clessidra a quei tempi era importantissima.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nel nuovo secolo, la clessidra verrà riutilizzata, "presa e piegata" per moderni studi filosofici. Da sempre l'uomo si guarda intorno smanioso di sapere, smanioso di avere conoscenza, mai però si ragguaglia realmente e centra la giusta focale, si spinge sempre troppo poco, l'iperrealtà sta al di sopra, l'iperrealtà sta al di là, sta dove lo studioso cammina. Prendendo come riferimento la clessidra ed il suo essere clessidra, di tempo, reale ed astratto, possiamo comprendere la relatività della vita, la relatività dell'istante, la relatività del tempo che scorre sulla nostra età; da qui l'enunciato:

Prendiamo una clessidra, concentriamoci sulla sua architettura e fermiamoci a quel punto di mezzo, quel lembo cavo che divide il prima dal dopo tramite il durante (l'unico presente che riusciamo a percepire) modifichiamone l'aspetto e pensiamo quel lembo di vetro soffiato più lungo e contorto, così facendo il durante (dove la sabbia passa tra il prima ed il dopo) durerà di più, eppure il tempo di quella clessidra sarà il medesimo. Questo può spiegare in modo concettuale, la relatività della nostra percezione sul tempo, da qui ne evinceremo che se più le nostre strade saranno contorte e difficili, più allungheremo la nostra percezione del durante, perpetuando così il nostro presente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

metrologia Portale Metrologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metrologia