Starfish Prime

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il lampo dell'esplosione visto nel cielo di Honolulu, a 1445 Km di distanza
Un'altra immagine di Starfish nel cielo di Honolulu

Starfish Prime fu un test nucleare ad alta quota eseguito dagli Stati Uniti il 9 luglio 1962[1] nell'ambito dell'Operazione Fishbowl (parte della più vasta Operazione Dominic)[1].

Dopo un primo tentativo fallito del 20 giugno[1], l'ordigno, una testata termonucleare W-49[1], trasportato da un missile Thor[1], esplose alla quota di circa 400 km al di sopra di un punto posto a 31 km a sud ovest dell'atollo Johnston, nell'oceano Pacifico, sviluppando una potenza di circa 1,45 megatoni[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Fonte: Operation Dominic nel sito "The Nuclear Weapon Archive", riferimenti in Collegamenti esterni.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]