Novaja Zemlja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Novaja Zemlja
in russo: Новая Земля?
L'arcipelago in una foto satellitare della NASA.
L'arcipelago in una foto satellitare della NASA.
Geografia fisica
Localizzazione Mar Glaciale Artico
Coordinate 74°00′N 56°00′E / 74°N 56°E74; 56Coordinate: 74°00′N 56°00′E / 74°N 56°E74; 56
Superficie 82.600 km²
Altitudine massima 1547 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Russia Russia
Distretto federale Distretto Federale Nordoccidentale
Soggetto federale Arcangelo Arcangelo
Centro principale Beluš'ja Guba
Demografia
Abitanti 2.716 (2002)
Densità 0,03 ab./km²
Cartografia
Pechora sea4NZ.PNG
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
Novaja Zemlja
Novaya Zemlya position.png

[senza fonte]

voci di isole della Russia presenti su Wikipedia

Novaja Zemlja (in russo Но́вая Земля́, "nuova terra") è un arcipelago russo costituito da due isole maggiori, Severnyj e Južnyj, separate dallo stretto di Matočkin, oltre a numerose isolette minori.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Isole dell'arcipelago della Novaja Zemlja.

Novaja Zemlja è un arcipelago di isole appartenente alla Federazione Russa e dipendente amministrativamente dall'Oblast' di Arcangelo. Tecnicamente la Novaja Zemlja consiste in due isole principali separate dallo stretto di Matočkin (Matočkin Šar), un tratto di mare di basso fondale che mette in comunicazione la costa ovest e quella est. Le altre isole che compongono l'arcipelago sono di grandezze molto inferiori. L'arcipelago estende la sua superficie di circa 82.600 km² oltre il Circolo Polare Artico, è posizionato tra il mare di Barents a ovest e il mare di Kara a est, di fronte alla penisola Jamal. La zona montuosa che si estende nella parte centrale supera i 1.300 metri d'altezza; il punto più alto è il picco Sedova (situato in prossimità dello stretto di Matočkin), che raggiunge i 1.547 m di altitudine. La zona meridionale ha una superficie di circa 33.300 km², mentre quella settentrionale si estende per circa 48.900 km². La fauna è caratterizzata da molte specie di uccelli; si possono trovare inoltre varie famiglie di mammiferi caratteristiche dei climi polari tra cui: orso bianco, volpe artica (Alopex lagopus), tricheco (Odobenus rosmarus) e foche (phocidae).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La base militare di Rogačevo

L'arcipelago di Novaja Zemlja sin dal 1954 è stato un poligono nucleare russo destinato a numerosi esperimenti atomici durante la Guerra fredda. Si calcola che circa 130 dei 715 test nucleari russi siano avvenuti su queste enormi e sperdute isole artiche, in particolare 88 nell’atmosfera, 39 sotterranei e 3 sottomarini. Le aree designate per i test erano tre: "Zona A", "Zona B" e "Zona C"; le prime due, A e B si trovano nell'isola meridionale, mentre la Zona C in quella settentrionale. Il 30 ottobre del 1961, nel golfo Mitjušicha, a nord dello stretto di Matočkin nella "Zona A" destinata a test, fu fatto esplodere il più potente ordigno nucleare mai costruito, la cosiddetta Bomba Zar (in russo progetto "ИВAH" (Ivan) RDS-220), una bomba all'idrogeno della potenza di 50 megatoni. L’ultimo ordigno nucleare è stato testato in Novaja Zemlja il 24 ottobre 1960. Nel 1966 la Russia ha firmato il Trattato di messa al bando dei test nucleari. Nessuna esplosione scuote più l’area: vi si effettuano solamente i cosiddetti test “subcritici” previsti dal Trattato. Ogni anno vengono condotte ispezioni, per verificare i siti di stoccaggio dei materiali nucleari. Negli ultimi anni si è provveduto a decontaminare alcune zone. Il nord delle due isole principali isole Novaja Zemlja fa parte del Parco Nazionale del russo Arctic insieme a Franz Josef Land. Il parco è stato istituito nel 2009.

Insediamenti[modifica | modifica wikitesto]

L'insediamento più popolato dell'arcipelago della Novaja Zemlja si trova a Beluš'ja Guba (o Beluška Guba, in Russo: Белушья Губа́). Si tratta del centro amministrativo del territorio. Dall'ultimo censimento del 2002 la popolazione risulta essere di circa 2.600 abitanti, che costituisce il 96% del totale degli abitanti di tutto l'arcipelago (circa 2.700). In passato la popolazione era costituita esclusivamente dal personale militare (e dalle loro famiglie) impegnato nelle intense attività di test nucleari svolti nella "Zona A" dal 1955 al 1962 e dal 1972 al 1975. Con la fine della guerra fredda il personale militare è progressivamente diminuito a favore dell'aumento di operai e tecnici specializzati in scavi sotterranei o attività di manutenzione delle reti elettriche e idriche. A circa 9 km a nord-ovest dall'insediamento sorge la base aerea di Rogačevo conosciuta anche come l'Aeroporto di Amderma-2. Sull'isola meridionale si trovano due insediamenti, quello di Krasino e quello di Bašmačnyj; su quella settentrionale invece si trova l'antico villaggio di pescatori di Matočkin Šar (73°16′00″N 56°27′00″E / 73.266667°N 56.45°E73.266667; 56.45) che sorge sulla sponda nord dello stretto di Matočkin, e l'insediamento di Severnyj sulla sponda sud (73°23′09.14″N 54°44′14.35″E / 73.385872°N 54.737319°E73.385872; 54.737319), che era anche il centro operativo per i test nucleari delle "Zone B e C". Altri insediamenti sono Malye Karmakuly e Stol'bovoj, inoltre nella parte più settentrionale dell'arcipelago si trova Capo Želanija, un'importante postazione militare dell'ex Unione Sovietica durante la guerra fredda, attualmente disabitata.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]