Sottomarino lanciamissili balistici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un sottomarino lanciamissili balistici è un mezzo subacqueo progettato ed equipaggiato per il lancio di missili balistici per impiego imbarcato (SLBM). Tali mezzi sono quasi esclusivamente a propulsione nucleare, anche se vi sono rare eccezioni risalenti agli anni cinquanta.

Profili di missione[modifica | modifica wikitesto]

La missione di un sottomarino lanciamissili balistici è, solitamente, quella di compiere delle lunghe crociere in mare aperto, ma sempre rimanendo con gli obiettivi "a portata di missile". Gli obiettivi sono di tipo terrestre: installazioni militari e centri abitati o industriali. Per questa ragione, una caratteristica indispensabile di tali mezzi deve essere la loro furtività, ovvero la capacità di non farsi individuare dai dispositivi antisommergibile (e dai sottomarini) avversari. Per fare ciò, vengono utilizzati tutta una serie di accorgimenti tecnici per ridurre la visibilità sonar ed aumentare la silenziosità. La cosa presenta comunque diverse difficoltà, considerando le grandi dimensioni dei mezzi di questo tipo.

Evoluzione e tecnica[modifica | modifica wikitesto]

I sottomarini lanciamissili balistici si sono evoluti a partire dagli anni cinquanta. In quel periodo, la situazione di contrapposizione tra le due superpotenze richiedeva la presenza di mezzi navali (possibilmente subacquei) in grado di lanciare missili a testata nucleare sul territorio dell'avversario.

I sottomarini lanciamissili, inizialmente di piccole dimensioni e costretti ad effettuare i lanci in emersione (con grave rischio per il battello-vettore), divennero sempre più grandi e sofisticati. Oggi un sottomarino di questo tipo supera le 15 000 tonnellate di dislocamento, raggiungendo così dimensioni un tempo riservate esclusivamente alle grandi unità di superficie. L'evoluzione della tecnologia navale e missilistica, inoltre, consente a questi mezzi di lanciare i propri ordigni in immersione, fino alla profondità di 50 metri.

Come detto sopra, per questi sottomarini è indispensabile essere furtivi. Per questa ragione, vengono utilizzati sullo scafo dei particolari materiali fonoassorbenti, in modo da aumentare la silenziosità. Molto importante è anche il ricorso a motori più silenziosi.

La propulsione di questo tipo di sottomarini è (ed è praticamente sempre stata) nucleare. Questa scelta è riconducibile sia alla necessità, per il battello, di essere il più possibile "invisibile", e quindi di navigare in immersione, sia al bisogno di muovere mezzi di grandi dimensioni, con conseguente bisogno di potenze elevate che non è possibile fornire tramite un impianto propulsivo diesel-elettrico.

In generale, da un punto di vista strettamente tecnico, è possibile distinguere tra SSBN (sottomarini nucleari lanciamissili balistici) ed SSB (sottomarini lanciamissili balistici). Oggi, si tratta di una distinzione puramente teorica, visto che tutti i sottomarini lanciamissili balistici sono a propulsione nucleare.

SSBN[modifica | modifica wikitesto]

SSBN è l'Hull Classification Symbol dell'US Navy, che indica i sottomarini nucleari in grado di imbarcare (e lanciare) missili balistici. Tale sigla, nello specifico, vuol dire Submersible Ship Ballistic Nuclear, ovvero sottomarino nucleare lanciamissili balistici. In generale, indica tutti i mezzi di questo tipo.

Gli SSBN equipaggiati con testate nucleari sono considerati il "terzo braccio" della triade nucleare, e svolgono un ruolo di deterrenza fondamentale. Infatti, grazie alla loro invisibilità e mobilità, possono effettuare non solo attacchi atomici di sorpresa o preventivi (first strike), ma sono in grado di assicurare anche la possibilità di un attacco di rappresaglia (second strike).

Stati Uniti Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

L'ingresso in servizio del primo sottomarino lanciamissili balistici statunitense risale al 1959. Le prime cinque classi che costituivano la flotta sottomarina lanciamissili statunitense formavano quella che era soprannominata "41 for Freedom" (41 per la libertà). Il nomignolo era dovuto al fatto che si trattava di 41 battelli complessivi.

Gli SSBN sono chiamati negli USA "Boomers". Per ogni sottomarino ci sono due equipaggi, in modo da ottimizzare al massimo l'utilizzo dei mezzi e garantire adeguati turni di riposo dopo le lunghe missioni. I due equipaggi sono chiamati "blue crew" e "gold crew".

In generale, su sei classi di sottomarini, sono stati utilizzati in tutto tre tipi di SLBM: Polaris, Poseidon e Trident, nelle loro varie versioni. In tabella sono riportati solo i missili imbarcati al momento della radiazione, visto che i battelli sono stati sottoposti a programmi di aggiornamento.

Classe Numero
esemplari costruiti
Dislocamento emersione/immersione Missile imbarcato Numero missili
(testate per missile)
Ingresso
in servizio
Status attuale
Ohio 18 16.600/18.750 Trident II D5 24 (8) 1981 Operativi
Benjamin Franklin 12 6.650/8.250 Poseidon C3[1] 16 (10-14) 1965 Radiati nel 2002
James Madison 10 8.250 in immersione Polaris A3 16 (3) 1964 Radiati nel 1992
Lafayette 9 7.250/8.250 Poseidon C3 16 (10-14) 1963 Radiati nel 1991
Ethan Allen 5 7.900 in immersione Polaris A3 16 (3) 1961 Radiati nel 1985
George Washington 5 5.959/6.709 Polaris A3 16 (fino a 3) 1959 Radiati nel 1986

URSS URSS/Russia Russia[modifica | modifica wikitesto]

L'Unione Sovietica è sicuramente il Paese che ha costruito più classi di SSBN[2], ed anche quello che ne ha schierato la flotta più numerosa (oltre 90 esemplari complessivi[3]). Però, come si può vedere, fino al 1967 (anno di ingresso in servizio degli Yankee), non ha avuto un sistema d'arma paragonabile a quelli americani, visto che gli Hotel portavano un numero di missili nettamente inferiore.

Inoltre, praticamente ogni classe aveva un suo missile specifico, con una notevole dispersione di risorse e competenze.

In seguito al crollo dell'Unione Sovietica, la situazione da questo punto di vista si è in parte razionalizzata: in effetti, i soli missili operativi rimangono gli SS-N-18 sui Delta III (dei quali è prevista la radiazione quando saranno disponibili i nuovi Borej), gil SS-N-23 Skiff sui Delta IV, gli SS-N-20 Sturgeon sui Typhoon (dei quali è prevista la conversione per gli SS-N-30) ed i nuovissimi SS-N-30 sui Borej. Riguardo a questi ultimi, sono i più avanzati SSBN oggi in costruzione.

Classe Numero
esemplari costruiti
Dislocamento emersione/immersione Missile imbarcato Numero missili
(testate per missile)
Ingresso
in servizio
Status attuale
Borej 3 varati, 8 previsti 14.720/24.000 R-30 Bulava 16/20 (fino a 6) 2013 2 in servizio, 1 alle prove in mare 2 in costruzione
Delta IV 7 11.740/18.200 SS-N-23 Skiff 16 (da 4 a 10) 1985 5 in servizio
Typhoon 6 24.000/33.800 SS-N-20 Sturgeon; SS-N-30 Bulava 20 (10) 1981 3 rimasti, 2 in servizio?
Yankee II 1 conv. 7.760/10.000 SS-N-17 Snipe 12 (1) 1980 Demolito nel 1990
Delta III 14 10.600/13.050 SS-N-18 16 (da 3 a 7) 1976 Ufficialmente radiati nella seconda metà degli anni novanta
Delta II 4 10.500/13.000 SS-N-18[4] 16 (4?) 1975 Radiati nella seconda metà degli anni novanta
Delta I 18 9.000/11.000 SS-N-18 12 (4?) 1972 Radiati negli anni novanta
Yankee I 34 7.760/9.600 SS-N-6 Serb 16 (fino a 3) 1967 Tutti radiati entro il 1995[5]
Hotel II 7 conv. 4.080/5.000 SS-N-5 Serb 3 (1) 1963 Radiati entro il 1991
Hotel I 8 4.080/5.000 SS-N-4 Sark 3 (1) 1960 Tutti gli esemplari convertiti entro il 1968

Regno Unito Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Gli SSBN in Gran Bretagna sono chiamati "bombers", e costituiscono la principale componente del sistema di deterrenza britannico. La scelta di utilizzare solo i sottomarini venne presa negli anni sessanta, quando il miglioramento dei sistemi antiaerei rese eccessivamente vulnerabili i bombardieri. Ne sono stati costruiti complessivamente otto esemplari, di due classi distinte.

Gli SSBN inglesi sono sempre stati equipaggiati con SLBM di provenienza americana.

Per ogni sottomarino sono disponibili due equipaggi, chiamati port crew e starboard crew.

Classe Numero
esemplari costruiti
Dislocamento emersione/immersione Missile imbarcato Numero missili
(testate per missile)
Ingresso
in servizio
Status attuale
Vanguard 4 15.680 in immersione Trident D5 16 (8) 1993 In servizio
Resolution 4 7.600/8.500 Polaris A3 16 (3) 1966 Ritirati entro il 1996

Francia Francia[modifica | modifica wikitesto]

Complessivamente, la Francia ha costruito una decina di SSBN. Oggi, questi fanno parte della Force Océanique Stratégique (FOST), e sono inquadrati nell'Escadrille des Sous-Marins Lanceurs d'Engins (ESNLE), la componente sottomarina della deterrenza nucleare francese.

Gli SSBN francesi sono classificati SNLE[6] e SNLE-NG[7]. I due equipaggi disponibili per ogni battello sono chiamati "blu" e "rosso".

Per quanto riguarda i missili imbarcati, è previsto che l'M45 sia sostituito con l'M51 a partire dal 2010.

Classe Numero
esemplari costruiti
Dislocamento emersione/immersione Missile imbarcato Numero missili
(testate per missile)
Ingresso
in servizio
Status attuale
Le Triomphant (SNLE-NG) 4 12.640/14.335 M45 16 (6) 1997 Operativo.
Le Redoutable (SNLE) 6 8.080/9.820 M4 16 (6) 1971 Ultimo esemplare radiato nel 2008.

Cina Cina[modifica | modifica wikitesto]

La Cina ha due SSBN in servizio. Il primo, appartenente alla classe Xia (Tipo 092), è il più vecchio tra i due e dovrebbe essere radiato entro il 2011. Di tale classe ne è stato costruito un solo esemplare. Il secondo è invece il capoclasse della moderna classe Jin (Tipo 094), della quale sono previsto (sembra) cinque esemplari. Questi ultimi sono costruiti utilizzando tecnologia russa[8].

Classe Numero
esemplari costruiti
Dislocamento emersione/immersione Missile imbarcato Numero missili
(testate per missile)
Ingresso
in servizio
Status attuale
Jin 1? 10.000/12.000 CSS-NX-4 12 (3/4) 2008 In costruzione. Previsti 5?
Xia 1 6.500/8.000 CSS-NX-4 12 (3/4) 1983 In servizio

India India[modifica | modifica wikitesto]

L'India è l'unico Paese non appartenente ai membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ad avere in progetto un SSBN. Nello specifico, si tratta del Programma ATV (Advanced Technology Vessel), iniziato nel 1974 e riguardante 4 o sei battelli, al costo unitario di un miliardo di dollari. I nuovi sottomarini dovrebbero avere un dislocamento di circa 5.500/6.500 tonnellate ed una lunghezza di 100 metri. Il numero di missili imbarcabili è attualmente imprecisato. L'ingresso in servizio del primo esemplare è previsto per il 2020[9].

SSB[modifica | modifica wikitesto]

SSB è l'Hull Classification Symbol che indica i sottomarini lanciamissili balistici a propulsione convenzionale. La sigla sta per Submersible Ship Ballistic, ovvero sottomarino lanciamissili balistici.

Si tratta di una categoria poco diffusa, visto che la propulsione nucleare è sempre stata la preferita per tali mezzi (soprattutto per esigenze di potenza, dovuta alle grandi dimensioni, e di furtività visto che la propulsione nucleare assicura la possibilità di svolgere lunghe crociere in immersione, senza la necessità di emergere). Gli unici mezzi di questo tipo costruiti furono i sovietici classe Golf (gli ultimi dei quali furono ritirati dal servizio nel 1990) e classe Zulu IV e V, ritirati dal servizio nei primi anni settanta.

Classe Numero
esemplari costruiti
Dislocamento emersione/immersione Missile imbarcato Numero missili
(testate per missile)
Ingresso
in servizio
Status attuale
Golf II[10] 14 conv. 2.820/3.553 SS-N-5 Serb 3 (1) 1966-1972 Ultimi esemplari ritirati nel 1990.
Golf I 23 2.794/3.553 SS-N-4 Sark 3 (1) 1960 anni settanta?
Zulu V 5 1.890/2.415 SS-1 Scud 2 (1) 1957 Ritirati dal servizio nel 1968. Successivamente demoliti.
Zulu IV 1 1.875/2.387 SS-1 Scud 1 (1) 1956 Convertito per la sperimentazione dei sonar nel 1966.

Tuttavia, un SSB è stato costruito anche in Cina, ampiamente basato sul progetto dei Golf. Pare sia ancora oggi utilizzato per scopi sperimentali, in particolare per le prove di nuovi SLBM.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alcuni esemplari vennero convertiti per l'utilizzo dei Trident, che sono in grado di trasportare fino ad otto testate.
  2. ^ Occorre comunque precisare che i Delta venivano considerati, almeno in URSS, un'evoluzione degli Yankee. Infatti, hanno lo stesso numero di progetto (667).
  3. ^ Precisiamo che l'URSS non ebbe mai 90 SSBN contemporaneamente in servizio, visto che numerosi esemplari furono convertiti per altri usi nel corso degli anni.
  4. ^ Gli SS-N-18 imbarcati sui Delta appartengono a versioni diverse.
  5. ^ Il dato è riferito alla versione SSBN, e non comprende gli esemplari modificati.
  6. ^ Sous-marin Nucléaire Lanceur d'Engins
  7. ^ SNLE sta per « Sous-marin Nucléaire Lanceur d'Engins » e NG sta per « Nouvelle Génération »
  8. ^ La marina cinese
  9. ^ Il programma ATV su globalsecurity.org
  10. ^ Anche le versioni Golf III, IV e V erano lanciamissili, ma si trattava di battelli sperimentali per testare nuovi sistemi d'arma. Per maggiori dettagli vedere l'articolo relativo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]