Impulso elettromagnetico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nel settore delle telecomunicazioni e in guerra, il termine Impulso elettromagnetico (EMP, Electromagnetic pulse) ha i seguenti significati:

  1. Le radiazioni elettromagnetiche prodotte da un'esplosione (specialmente da un ordigno termonucleare detonato ad alta quota o fuori dall'atmosfera) o da un intenso campo magnetico causato dall'Effetto Compton prodotto da un flare solare, che genera un enorme flusso di particelle cariche nell'alta atmosfera, note come elettrojet (causanti l'aurora boreale). Il risultato è un campo elettromagnetico che potrebbe produrre un alto voltaggio e danni ingenti tramite cortocircuiti alle reti elettriche, soprattutto ai trasformatori connessi alle più lunghe e moderne reti ad alto voltaggio che percorrono lunghe distanze est-ovest e viceversa nelle estreme latitudini settentrionali. [1][2]
  2. Un corto circuito ad alta intensità causato alla rete informatica.

Bomba elettromagnetica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Bomba elettromagnetica.

L'emissione di un intenso impulso di radiazioni è utilizzato come arma di guerra elettronica con la cosiddetta bomba elettromagnetica o bomba-E (E-bomb). Si tratta di un'arma progettata per mettere fuori uso i componenti elettronici in un vasto raggio di azione. L'intenso impulso è ottenuto per effetto Compton o per effetto fotoelettrico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ EIS-SUMMIT: Kappenman - Part1
  2. ^ Effects of an EMP attack or Solar Coronal Ejection over Nuclear Power Plants

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]